“Latest Record Project: Volume 1” è il nuovo album doppio di Van Morrison

IL NUOVO ALBUM DOPPIO
”LATEST RECORD PROJECT: VOLUME 1”

IN USCITA IL 7 MAGGIO – DISPONIBILE ORA IL PRE-ORDINE QUI

GIA’ DISPONIBILE LA TITLE TRACK – ASCOLTA QUI

 

 

 

 

 

 

 

 

(Van Morrison nella foto di Bradley Quinn)

 

Van Morrison presenta ”Latest Record Project: Volume 1”, il nuovo album in uscita il 7 maggio per Exile/BMG. Il suo quarantaduesimo disco ”Latest Record Project: Volume 1”, il suo album più dinamico e contemporaneo da anni, è un viaggio di 28 tracce nel suo continuo amore per il blues, l’R&B, il jazz e il soul. Per quanto possiate amare i suoi classici, questo nuovo progetto dimostra che Morrison vive nel presente e rimane un artista integro e originale.

“Mi voglio allontanare dall’essere riconosciuto sempre per le solite canzoni, I soliti album”, dice Morrison. “Questo ragazzo ha scritto 500 canzoni, forse di più, quindi? Perché promuovere sempre le solite dieci? Sto cercando di uscire da questo schema”.

”Latest Record Project: Volume 1” è il risultato di un periodo di isolamento forzato. Impossibilitato di andare in tour, Van Morrison si è immerso in un costante songwriting, suonando al piano, alla chitarra o al sassofono. Sono emersi così I nuovi brani che brillano di schiettezza e vivacità, grazie anche alla collaborazione con una sezione ritmica con la quale condivide un feeling immediato e spontaneo.

Van Morrison lancia oggi il suo nuovo progetto pubblicandone la title track. Ascolta QUI.
Il re indiscusso del soul celtico va dritto al cuore con il suo baritono che abbraccia un caldo suono di organo, accompagnato da armonie vocali doo wop e sha-la-la. Altri spunti eccellenti emergono di continuo, dal sassofono che brilla nella gemma R&B ”Jealousy”, alla gioiosa e country ”A Few Bars Early”, passando per lo spirito garage rock in stile Them dell’esplicita ”Stop Bitching, Do Something”.

Nonostante che l’album risuoni del sentimento romantico e del calore notturno per cui è noto al suo pubblico, il tema dominante è un commento diretto sulla vita di oggi. ”Dead Beat Saturday Night” è una presa di posizione nell’affrontare in modo concreto il suo lockdown: “No life, no gigs, no choice, no voice“. Emerge anche nel rock’n’roll da bar di ”Where Have All The Rebels Gone”, che denuncia la mancanza di un vero pensiero indipendente, oggi sostituito dalla mera apparenza. E per quanto riguarda le opinioni di Van Morrison sui social media? Sono riassunte in ”Why Are You On Facebook?”.

Due brani, ”Love Should Come With A Warning” e ”Mistaken Identity”, sono scritti con il grande Don Black. Van Morrison si è avvicinato a Black dopo aver riconosciuto in ”On Days Like These”, la sua ballata pop del 1969 cantata da Matt Monro per la colonna sonora di ”The Italian Job”, qualcosa che gli ricordava il suo stile. Il risultato ha portato Black a scrivere oggi ”Mistaken Identity”, che, paradossalmente, è la canzone più autobiografica dell’album.

Ciò che ”Latest Record Project: Volume 1” dimostra è che se volete apprezzare veramente l’arte di Van Morrison, dovete ascoltare quello che fa oggi perché è un’artista che non si ferma mai.

Latest Record Project: Volume 1” uscirà in formato doppio-CD, deluxe-CD, triplo-vinile e su tutte le piattaforme digitali. E’ ora disponibile in pre-ordine QUI, con la canzone ”Latest Record Project” come instant download per i fan.

Visita www.vanmorrison.com per gli ultimi aggiornamenti e i dettagli dei biglietti per gli spettacoli dal vivo.

 

 

 

Balleremo nel 2022: il Primavera Sound Barcellona rimanda la sua edizione al prossimo anno

Balleremo nel 2022: il Primavera Sound Barcellona rimanda la sua edizione al prossimo anno

· Il ventesimo anniversario del festival di Barcellona è rinviato a giugno 2022 e annuncia grandi sorprese

· Tutti i biglietti già acquistati rimarranno validi e sarà possibile richiederne il rimborso a partire dal 2 giugno

· Il Primavera Pro quest’anno terrà un’edizione ibrida dal 2 al 6 giugno
 

È con grande tristezza che dobbiamo annunciare che il 20° anniversario del Primavera Sound Barcellona è rimandato al 2022 per cause di forza maggiore.

Siamo giunti a questa dolorosa decisione a causa dell’incertezza sul quadro giuridico relativo ai grandi eventi che ancora circonda le date originali del festival, dal 2 al 6 giugno, che, sommate alle restrizioni che esistono attualmente, ci impediscono di lavorare normalmente alla preparazione del festival non garantendo che poi si possa celebrare. Anche se è doloroso, sappiamo che questa è la decisione giusta, soprattutto per quelli di voi che devono pianificare il viaggio in anticipo.

Non abbiamo lasciato nulla di intentato: abbiamo guidato la sperimentazione clinica realizzata all’Apolo di Barcellona lo scorso dicembre e siamo stati in costante contatto con le autorità sanitarie per esplorare tutte le soluzioni possibili. Ma il ventesimo anniversario del Primavera Sound merita una festa come quelle a cui siamo abituati e la situazione globale non sembra favorevole a permettere che qualcosa del genere accada quest’estate. Almeno non in un modo in cui possiamo vivere l’esperienza completa del Primavera Sound.

Ancora una volta, siamo eternamente grati per la collaborazione a tutti gli artisti, agenzie, sponsor, case di produzione e ai lavoratori coinvolti per tutto ciò che è stato fatto per cercare di far svolgere il Primavera Sound nel 2021. E al nostro pubblico, la nostra famiglia, grazie per la vostra fede e il vostro amore. Vi dobbiamo la migliore edizione del Primavera Sound e ci stiamo già lavorando.

Come l’anno scorso, offriremo a tutti i possessori di biglietti la possibilità di conservarli per il prossimo anno. Sarà anche possibile richiedere il rimborso del biglietto a partire da mercoledì 2 giugno, data in cui sarà rivelata la line-up del Primavera Sound Barcellona 2022.

Siamo davvero dispiaciuti per tutti gli inconvenienti e le delusioni che questo annuncio potrà causare. Ci rifaremo totalmente nel 2022. Perché sì, davvero, balleremo di nuovo insieme… e come mai prima d’ora.

Nel frattempo, rifletteremo, discuteremo e ci incontreremo al Primavera Pro, l’incontro internazionale dell’industria musicale, che terrà un’edizione ibrida (di persona e online) dal 2 al 6 giugno di quest’anno. E stiamo già lavorando per avere di nuovo musica dal vivo a Barcellona quest’estate, nei limiti di ciò che sarà consentito. Altre notizie, presto.

Fino ad allora, abbiate cura di voi stessi.
A presto.

 

 

“Octane Twisted” dei Porcupine Tree per la prima volta in vinile in formato cofanetto 4LP

PORCUPINE TREE – OCTANE TWISTED

PER LA PRIMA VOLTA IN VINILE IN FORMATO COFANETTO 4LP

CONTIENE I BRANI DALL’ALBUM ‘THE INCIDENT’
ESEGUITI DAL VIVO A CHICAGO

IN USCITA PER TRANSMISSION IL 16 APRILE 2021

 

Considerati come una delle più impressionanti band di experimental/progressive/psychedelic rock emerse dal Regno Unito dalla loro nascita nel 1991, i Porcupine Tree da oltre 15 anni hanno goduto di una carriera discografica di successo. L’uscita di The Incident nel 2009 fu seguita da un lungo tour prima che la band entrasse in pausa, dando ai membri Steven Wilson, Richard Barbieri, Colin Edwin e Gavin Harrison il tempo di lavorare alle loro varie carriere soliste e altre collaborazioni.

The Incident entrò nella top 30 sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti e il tour mondiale culminò con spettacoli sold out alla Royal Albert Hall di Londra e alla Radio City Music Hall di New York. L’album segnò un altro passo avanti nell’incredibile viaggio della band, da un progetto in studio solista creato da Wilson alla fine degli anni Ottanta, diventando a una band nominata a più Grammy tra le più venerate live band del mondo, in grado di fare tutto esaurito ovunque stupendo i loro fan con I loro show indimenticabili.

Octane Twisted presenta l’album The Incident nella sua interezza, registrato live a Chicago. Inoltre sono presenti 5 brani classici dei PT, anch’essi registrati a Chicago, e 3 momenti salienti del concerto alla Royal Albert Hall.

Octane Twisted cattura davvero l’atmosfera e l’energia di un concerto dal vivo dei Porcupine Tree. Registrato all’apice del tour con la band nel suo miglior momento di forma, è possibile riascoltare la perfetta interazione tra i musicisti e la risposta del pubblico, attraversando The Incident e molte altre vecchie canzoni“. Gavin Harrison

Originariamente pubblicato su 2CD+DVD nel 2012, questa nuova uscite vede Octane Twisted su vinile per la prima volta con i 7 lati in un box set di 4LP e una nuova incisione del designer collaboratore di lunga data Carl Glover.

Porcupine Tree – Octane Twisted 4 LP uscirà per Trasmission il 16 aprile ed è disponibile qui per il PRE-ORDINE

 

 

 

Segui i Porcupine Tree

https://www.facebook.com/PorcupineTreeOfficial

@porcupinetreeofficial

http://www.porcupinetree.com/

 

 

“Rattlesnake Shake” con Steven Tyler e Billy Gibbons è il secondo brano dal vivo tratto dal concerto tributo “Mick Fleetwood & Friends”

MICK FLEETWOOD & FRIENDS

CELEBRATE THE MUSIC OF PETER GREEN

AND THE EARLY YEARS OF FLEETWOOD MAC”

AD UN ANNO DALLO SHOW FESTE GGIAMO L’ANNIVERSARIO
CON L’USCITA DI UN NUOVO ESTRATTO

GUARDA/ASCOLTA ‘RATTLESNAKE SHAKE’

LA PERFORMANCE LIVE CON OSPITI
STEVEN TYLER E BILLY GIBBONS 

UN CAST DI ALL-STAR PER UN CONCERTO UNICO NEL SUO GENERE IN ONORE DEI PRIMI ANNI DEI FLEETWOOD MAC E DEL LORO FONDATORE PETER GREEN

REGISTRATO AL PALLADIUM DI LONDRA IL 25 FEBBRAIO 2020

IN ARRIVO IN FORMATO VIDEO ON DEMAND ONLINE AD APRILE 2021

IN USCITA FISICA E DIGITALE PER BMG VENERDÌ 30 APRILE 2021

Una graffiante versione di “Rattlesnake Shake”, con Steven Tyler degli Aerosmith e Billy Gibbons degli ZZ Top, è il secondo brano dal vivo tratto dal concerto tributo ai primi anni dei Fleetwood Mac e del loro fondatore Peter Green.

La band al completo per questo brano include Mick Fleetwood stesso, che ha curato l’evento, insieme a Dave Bronze, Jonny Lang, Andy Fairweather Low, Ricky Peterson, Zak Starkey e Rick Vito.

Questa uscita è il secondo assaggio della stupefacente e unica celebrazione che, a causa delle restrizioni Covid globali e delle chiusure dei cinema, arriverà in video on demand online in aprile (a breve maggiori dettagli), oltre all’uscita digitale e fisica in formati speciali boxset.

L’album uscirà in vinile 4LP gatefold oltre al formato Blu-Ray e 2CD con mediabook di 20 pagine. Sarà disponibile inoltre la versione deluxe in confezione rigida con bookpack di 44 pagine con note di copertina del biografo di Mick Fleetwood, Anthony Bozza, splendide foto dell’evento e del dietro le quinte, vinile 4LP Gatefold, 2CD e Blu-Ray.

 

About “Mick Fleetwood & Friends Celebrate

The Music Of Peter Green and The Early Years of Fleetwood Mac”

Il 25 febbraio 2020, pochi giorni prima della scoperta del primo caso di COVID-19 nel Regno Unito, sfociato poi nella pandemia in corso che ha reso necessaria la sospensione della società moderna, si è tenuto un concerto molto speciale al leggendario Palladium di Londra per celebrare le canzoni di Peter Green e la formazione originale dei Fleetwood Mac.

Il pubblico dello show, sold out, è stato testimone di qualcosa di unico, in quello che sarebbe stato uno degli ultimi concerti dal vivo prima della loro sospensione. Questo spettacolo assume oggi un significato particolarmente toccante, dopo la scomparsa di Peter Green nel luglio 2020.

I musicisti riuniti per questo evento hanno formato un cast di tutto rispetto, mostrando un profondo e incredibile legame cosmico con le canzoni.

I musicisti sul palco erano Neil Finn, Noel Gallagher, Billy Gibbons, David Gilmour, Kirk Hammett, John Mayall, Christine McVie, Jeremy Spencer, Zak Starkey, Pete Townshend, Steven Tyler e Bill Wyman. Il produttore leggendario Glyn Johns si è unito come produttore esecutivo del suono e la house band era composta dallo stesso Mick Fleetwood con Dave Bronze, Jonny Lang, Andy Fairweather Low, Ricky Peterson e Rick Vito.

Per maggiori informazioni visitare il sito:
https://MFAF.lnk.to/websitePR

 

L’ALBUM IN USCITA

IL 30 APRILE 2021 PER BMG

Disponibile come hardbound bookpack 44 pagine, che include:

  • Note di copertina di Anthony Bozza in collaborazione con Mick Fleetwood.
  • Foto dell’evento e citazioni degli artisti che hanno suonato quella notte.
  • Ampio reportage fotografico del concerto, delle prove e del dietro le quinte.
  • Blu-Ray del film del concerto e la registrazione completa su doppio CD e quadruplo vinile.

 

Disponibile anche come: Gatefold 4LP, 2CD/Blu-Ray mediabook e Audio Digitale.

 

Tracklist:

Act I

  1. Rolling Man (feat. Rick Vito)
  2. Homework (feat. Jonny Lang)
  3. Doctor Brown (feat. Billy Gibbons)
  4. All Your Love (feat. John Mayall)
  5. Rattlesnake Shake (feat. Billy Gibbons & Steven Tyler)
  6. Stop Messin’ Round (feat. Christine McVie)
  7. Looking For Somebody (feat. Christine McVie)
  8. Sandy Mary (feat. Jonny Lang)
  9. Love That Burns (feat. Rick Vito)
  10. The World Keep Turning (feat. Noel Gallagher)
  11. Like Crying (feat. Noel Gallagher)
  12. No Place To Go (feat. Rick Vito)
  13. Station Man (feat. Pete Townshend)

 

Act II

  1. Man Of The World (feat. Neil Finn)
  2. Oh Well (Pt.1) (feat. Billy Gibbons & Steven Tyler)
  3. Oh Well (Pt.2) (feat. David Gilmour)
  4. Need Your Love So Bad (feat. Jonny Lang)
  5. Black Magic Woman (feat. Rick Vito)
  6. The Sky Is Crying (feat. Jeremy Spencer)
  7. I Can’t Hold Out (feat. Jeremy Spencer)
  8. The Green Manalishi (With The Two Prong Crown) (feat. Billy Gibbons & Kirk Hammett)
  9. Albatross (feat. David Gilmour)
  10. Shake Your Moneymaker (group finale)

 

Mick Fleetwood & Friends –

Celebrate The Music Of Peter Green And The Early Years Of Fleetwood Mac

Formato : Blu-Ray, 2CD, 4LP, 44p Bookpack – Cat No. BMGCAT454BOX
Formato : Blu-Ray, 2CD, 20p mediabook – Cat No. BMGCAT454TCD
Formato : 4LP Gatefold – Cat No. BMGCAT454QLP

 

 

IRA il nuovo album di IOSONOUNCANE

IRA

IL NUOVO ALBUM DI 

IOSONOUNCANE

 

 

 

6 tracce, una suite di 38 minuti, aprile 2015: DIE è il disco che più ha caratterizzato la scena musicale indipendente italiana nello scorso decennio.

17 tracce, 1 ora e 50 di musica: IRA, il nuovo album di IOSONOUNCANE, uscirà il 14 maggio per  la rinata etichetta Numero 1 (distribuzione Sony), che affiancherà La Famosa Etichetta Trovarobato per questa uscita. Dopo il successo, più volte ristampato, del 7” pollici contenente “Novembre” e la cover di “Vedrai, vedrai” di Tenco è giunto il momento di alzare il sipario sulla nuova produzione del compositore sardo, un progetto che promette di non fare sconti a nessuno.

La copertina di IRA ritrae un uomo nudo. Cosa rappresenta impareremo a conoscerlo, a supporlo, a immaginarlo con l’ascolto del disco.
Per il momento il messaggio è chiaro, nessuna concessione al nostro tempo.

IRA è il frutto di un lavoro estenuante che ha attraversato un arco temporale di circa cinque anni. Un disco che, partendo da circa 15 ore di bozze e provini, IOSONOUNCANE ha scritto e arrangiato in ogni singola parte, nota, accento.

IRA non sarebbe però stato possibile senza i musicisti che lo hanno accompagnato e sostenuto in questo lungo lavoro, e sulle specificità dei quali sono state  modellate strutture, arrangiamenti, timbri: Serena Locci, Simone Cavina, Mariagiulia Degli Amori, Francesco Bolognini, Simona Norato, Amedeo Perri. Ancora una volta IOSONOUNCANE ha voluto condividere la produzione artistica del disco con Bruno Germano

IRA sarà, nei suoi formati fisici, un triplo vinile e un doppio cd ed è già preordinabile a questo link: SMI.lnk.to/ira

 

https://www.facebook.com/iosonouncane

https://www.instagram.com/iosonouncane/

www.iosonouncane.com

 

JONATHAN HULTÉN presenta il video di “Wasteland (forest version)”

JONATHAN HULTÉN ha pubblicato il video di
“Wasteland (forest version)
una versione alternativa della canzone tratta dal suo album
di debutto solista Chants From Another Place

GUARDA IL VIDEO DI “WASTELAND (forest version)”

 

Dopo aver pubblicato il suo album di debutto da solista Chants From Another Place su Kscope nel 2020, l’enigmatico cantautore svedese vincitore di un Grammy, JONATHAN HULTÉN, presenta una versione alternativa della canzone “Wasteland” accompagnata da un nuovo video inquietante.

Jonathan spiega l’idea della nuova versione rielaborata e le difficoltà delle riprese in una foresta al buio: “Questa è ‘Wasteland’ in una forma più minimalista. Il piano è stato sostituito da un organo e le armonie vocali sono uscite dal quadro. Essendo spogliata dei suoi elementi, la canzone è più vicina al suo nucleo emotivo.

Il video è stato girato nei boschi di notte ed è stato davvero un esperimento, la realizzazione di una visione onirica. Non eravamo sicuri che saremmo stati in grado di realizzarlo a causa delle difficoltà pratiche; il vecchio organo doveva essere trasportato su una barca un po’ troppo piccola lungo un fiume e poi essere portato tra gli alberi fino al luogo previsto. Ma è stata una lotta divertente, realizzare idee folli è già una ricompensa.

Questo video è anche il primo pezzo di un puzzle più grande che si comporrà gradualmente a tempo debito. Cosa sarà esattamente resta ancora da vedersi…”.
 

I fan possono anche vedere il video animato originale per “Wasteland” creato da Jonathan Hultén QUI

L’ispirazione principale per il nuovo lavoro viene dalle composizioni folk a cappella e da corali religiosi. In tutto l’album si intrecciano storie dove si scontrano varie influenze musicali, che ci riportano alla mente personaggi come Nick Drake, Sufjan Stevens, Wovenhand e Fleet Foxes, così come artisti folk tradizionali come John Martyn fino ai più contemporanei Anna Ternheim, José Gonzales, Anna von Hausswolff, Chelsea Wolfe e Hexvessel.

 

Chants From Another Place tracklist:
1 A Dance In The Road [04:18]
2 The Mountain [03:51 GUARDA IL VIDEO
3 Next Big Day [03:09]
4 The Call To Adventure [04:39]
5 Wasteland [03:12] GUARDA IL VIDEO
6 Outskirts[02:27]
7 Holy Woods [02:52]
8 Where Devils Weep [03:19] GUARDA IL VIDEO
9 The Fleeting World[02:43]
10 Ostbjorka Brudlat [03:07]
11 The Roses [04:14]
12 Deep Night [02:50]

 

Chants From Another Place è uscito in CD, LP e su tutte le piattaforme digitale disponibile QUI

“Dazzling” – Rockerilla (IT)

Selection of quotes from media reviews for Chants From Another Place

absolutely killer’ Metal Hammer

.. one of the pearls of 2020” Rock Hard DE

“ Delicate, precise and minimalist, Chants From Another Place is an astonishing album of beauty and mystery” Ici Music CAN

« Absolutely sublime vocal harmonies … A rare, beautiful, and precious record” Rock Hard FR

« “Haunting, dark and atmospheric Scandi folk – imagine Nick Drake playing in a Swedish forest” Americana UK

..goosebump-raising..” Classic Rock

” Singer-Songwriter-Art of the highest level of excellence… Fascinating!” – Eclipsed DE

inspiring and soothing music that opens the horizons of the mind with all its beauty.” – ARP Media CAN

 

 

Segui Jonathan Hultén:

www.jonathanhulten.com
F: @chantsfromanotherplace
IG: https://www.instagram.com/jonathanhulten
www.Kscopemusic.com/artist/jonathanhulten

 

Il cantautore anglo-italiano Piers Faccini presenta il suo settimo lavoro in studio “Shapes of the Fall”

PIERS FACCINI

“Shapes of the Fall”

Etichetta: NØ FØRMAT! / BEATING DRUM 
Data di uscita: 2 Aprile 2021

A Buzz Supreme è felice di continuare la collaborazione con Piers Faccini, il cantautore anglo-italiano che presenta il suo settimo lavoro in studio Shapes of the Fall, un album che persegue la passione per i dialoghi interculturali che sono stati a lungo ascoltati sulle coste del Mediterraneo nel corso dei secoli, collegando l’Europa meridionale con il Vicino Oriente e l’Africa.

Anche se le canzoni sono scritte e cantate in inglese, le influenze musicali in Shapes of the Fall attingono fortemente alle origini mediterranee di Faccini, creando un viaggio musicale la cui geografia varia da canzone a canzone e attraversa molteplici frontiere grazie alla sua voce, dai registri folk anglo-americani innevati di canzoni come “Paradise Fell” o “Together Forever Everywhere”, alle misteriose note disperse nel deserto dei modi mediorientali o nordafricani in brani come “Firefly” o “Dunya”.

Rovina o riparazione e speranza o disperazione sono le narrazioni parallele dell’album e la caduta prende le forme della miriade di pericoli che compongono il mosaico del nostro collasso ambientale, la discesa, canta Faccini, dipende dal nostro fare o disfare.

Bring me my home back”, il ritornello dell’emblematica canzone di apertura dell’album “They Will Gather No Seed”, non è un’invocazione personale del cantante a una casa, ma il lamento animale di innumerevoli specie sull’orlo dell’estinzione.

Nel corso dei suoi otto album in studio, compreso quello in duo con il violoncellista Vincent Segal, Songs of Time Lost, Faccini ha approfondito la ricerca costante del dialogo musicale con artisti del calibro di Ballake Sissoko, Ibrahim Maalouf e Jasser Haj Youssef.

Due artisti eccezionali sono presenti nell’album: il cantautore californiano Ben Harper, che ha collaborato con Faccini anche nell’album Tearing Sky del 2005 e il cantante marocchino e maestro della musica tradizionale Gnawa, Abdelkebir Merchane.

L’album è stato co-prodotto da Piers Faccini e Fred Soulard e uscirà per NØ FØRMAT! / BEATING DRUM il 2 Aprile 2021. Il pre-ordine è già disponibile QUI

Foto di Julien Mignot

www.facebook.com/PiersFacciniMusic

www.instagram.com/piersfaccini/

www.youtube.com/user/PiersFacciniMusic

twitter.com/PiersFaccini

 

 

 

Richard Barbieri presenta ‘Serpentine’ anteprima del nuovo album solista accompagnata da un video a 360 gradi

RICHARD BARBIERI PRESENTA
IL NUOVO SINGOLO ‘SERPENTINE’

ANTEPRIMA DEL NUOVO ALBUM SOLISTA DI
QUESTO GRANDE PIONIERE MUSICALE
ACCOMPAGNATO DA UN VIDEO, UN INCUBO A 360 GRADI


(crediti foto: Carl Glover)
 

GUARDA IL VIDEO DI “SERPENTINE”

 

Richard Barbieri presenta il nuovo singolo ‘Serpentine’, il primo estratto dal suo prossimo album solista Under A Spell in uscita il 26 febbraio per Kscope.

Vantando una carriera innovativa iniziata alla fine degli anni ’70 con I visionari del sinth-pop Japan e più recentemente come membro della seminale band art-rock Porcupine Tree, Under A Spell è il primo disco solista di Richard Barbieri dopo Planets + Persona del 2017.

Il primo estratto da Under A Spell, ”Serpentine” è un tortuoso ed dilatato paesaggio sonoro di sei minuti che spazia attraverso molteplici generi e idee. Complesso, rilassante, coinvolgente e sperimentale, ‘Serpentine’ è il perfetto apripista per Under a Spell, il lavoro di un musicista visionario che lavora al suo apice creativo.

La canzone è accompagnata da un video a 360 gradi creato da Miles Skarin, che permette allo spettatore di viaggiare lungo il fondale di una foresta minacciosa e ispirato da un incubo che Richard ha sognato e poi raccontato al regista.

Richard Barbieri non aveva pianificato di realizzare un album come Under A Spell, in origine pensava al suo quarto album solista come diretto seguito del suo predecessore, Planets + Persona del 2017.

Quel disco, realizzato in diversi studi in tutta Europa e con l’inclusione di performance dal vivo con una serie di ospiti, è stato avventuroso e audace, mostrando l’infinita inventiva di Barbieri nella scrittura delle canzoni e la sua padronanza dell’elettronica. Il seguito avrebbe dovuto riprendere da dove si era interrotto, viaggiando ulteriormente nel percorso che aveva tracciato col disco precedente. Poi la pandemia del COVID-19 ha colpito e tutto è cambiato. Dice Barbieri di Under A Spell “L’ho scritto e registrato nel mio studio casalingo, in questo periodo così strano. Il nuovo lavoro è diventato qualcosa di completamente diverso: questo strano album onirico“.

La volontà di Barbieri di ridefinire costantemente i propri confini musicali non è mai stata così evidente come nel brillante, ipnotico Under A Spell, l’ultima pietra miliare di questo viaggio assolutamente unico.

Richard Barbieri:
Miles Skarin ha creato un incredibile video a 360 gradi per il brano Serpentine dal mio nuovo album Under A Spell. È basato su un vivido incubo che ho vissuto dalla prospettiva di un serpente. Ha creato questa fitta foresta dove si intravedono incantesimi e rituali passati, si sentono strane voci e dove il pericolo è davanti a noi. Non rimanere sul sentiero!
Il brano presenta un magistrale arrangiamento di basso di Percy Jones e le voci ‘nascoste’ di Lisen Rylander Love e Steve Hogarth”

Puoi vedere il video qui

NOTA BENE: La visualizzazione è consigliata con Chrome o Safari. Gli utenti Firefox potrebbero avere difficoltà con gli elementi a 360 gradi. Una cuffia VR migliorerà notevolmente l’esperienza sonora

Under A Spell uscirà su Kscope il 26 febbraio 2021, su CD, gatefold doppio LP in vinile nero, gatefold doppio LP in vinile rosso in edizione limitata (in esclusiva per lo shop Kscope) e in digitale con pre-ordini disponibili QUI

Segui Richard Barbieri:
https://www.facebook.com/RichardBarbieriOfficial/
https://www.instagram.com/richardbarbieri_music
http://kscopemusic.com/artists/richard-barbieri

 

Per immagini in alta www.kscopemusic.com/media/richardbarbieri

 

 

 

The Pineapple Thief presentano “The Soord Sessions: Volumes 1-4” la raccolta completa delle session acustiche di Bruce Soord

THE PINEAPPLE THIEF PRESENTANO
THE SOORD SESSIONS: VOLUMES 1-4

 

LA RACCOLTA COMPLETA DELLE SESSION ACUSTICHE DAL VIVO
DEL FRONTMAN DELLA BAND BRUCE SOORD
TRASMESSE IN STREAMING DURANTE IL LOCKDOWN
 

 L’EDIZIONE DELUXE CON 4 DISCHI E LIBRO CARTONATO
USCIRÀ PER KSCOPE IL 16 APRILE 2021

 

Negli ultimi anni The Pineapple Thief, guidati da Bruce Soord e sostenuti alle pelli dal maestro batterista Gavin Harrison, sono rapidamente saliti ai vertici della scena Alternative Rock europea.

Con il plauso dei media e dei fan di tutto il mondo, nel settembre 2020 è uscito Versions Of The Truth, l’ultimo capitolo della discografia della band. Questo doveva essere seguito, quasi immediatamente, da un vasto tour live che purtroppo, a causa della situazione COVID-19 in corso, è stata rimandato al 2021.

Bruce Soord, non volendo deludere i fan, ha annunciato che si sarebbe esibito in una performance acustica streaming in solo, suonando canzoni dal repertorio di The Pineapple Thief. Grazie al successo della prima performance, le session sono state quattro durante l’estate.

Bruce Soord spiega: “Nella primavera del 2020 ho deciso di fare uno spettacolo acustico dal vivo dal mio studio casalingo in soffitta. Ho pensato di allestire qualcosa di un po’ più prodotto rispetto a quello che vedevo in giro. Ho creato un piccolo paradiso di chitarre, pedali, looper, microfoni e webcam e li ho mixati tutti insieme pronti per essere inviati al mondo“.

Bruce Soord non aveva mai trasmesso uno spettacolo dal vivo e non aveva suonato in solo la maggior parte di quel repertorio, anzi, alcuni di quei brani non erano mai stati eseguiti in concerto.

Ho suonato il mio primo spettacolo, tuffandomi a capofitto nell’ignoto e quando ho saputo quante persone l’avevano apprezzato, ho deciso di fare altre 3 sessioni nelle settimane successive, suonando brani dai 20 anni con i Pineapple Thief e più recentemente dal mio repertorio solista“. 

The Soord Sessions Volumes 1-4 sarà pubblicato in un’edizione deluxe con 4 CD con copertina rigida. I 4 CD contengono 36 tracce dalla discografia di The Pineapple Thief e dagli album solisti di Bruce Soord. Il libro di 48 pagine contiene un’estesa introduzione e note su ogni session scritte da Bruce Soord più foto inedite dallo studio casalingo in soffitta e immagini dai live stream insieme a informazioni tecniche e personali sull’attrezzatura usata.

 

DISCO 1 (Soord session 1 – acoustic)
1. Intro [00:47]
2. Shoot First [05:03]
3. Willow Tree [05:59]
4. Part Zero [08:30]
5. No Man`s Land [06:44]
6. Snowdrops [07:22]
7. The Final Thing On My Mind [14:26]

DISCO 2(Soord session 2 – acoustic)
1. Intro [00:46]
2. Magnolia [05:04]
3. My Debt To You [06:21]
4. Alone At Sea [08:25]
5. Clapham [06:19]
6. Cut The Flowers [08:06]
7. Shed A Light ([08:23]
8. White Mist [13:03]
Bonus Track
9. White Mist [13:11](Soord session 5 – acoustic)

DISCO 3 -(Soord session 3 – acoustic)
1. Intro [00:41]
2. All The Wars [04:48]
3. Threatening War [07:37]
4. Fend For Yourself [05:23]
5. The One You Left To Die [06:14]
6. Someone Here Is Missing [04:14]
7. Reaching Out [10:06]
8. A Loneliness [03:32]
9. Remember Us [12:32]
Bonus Track
10. A Loneliness [03:20](Soord session 5 – acoustic)

DISCO 4 – (Soord session 4 – acoustic)
1. Intro [00:25]
2. In Exile [05:04]
3. Someone Pull Me Out [04:33]
4. Demons [07:51] GUARDA IL VIDEO
5. All This Will Be Yours [06:11]
6. Last Man Standing [05:39]
7. The Solitary Path Of A Convicted Man [03:51]
8. Versions Of The Truth[06:17]
9. Bond [07:58]
Bonus Track
10. Barely Breathing [04:21]
 

The Soord Sessions Volumes 1-4 uscirà per Kscope il 16 aprile ed è disponibile ora in pre-ordine QUI

The Pineapple Thief sosterranno l’uscita di The Versions Of The Truth dal vivo in tutto il mondo nel 2021 e nel 2022, le date sono state riprogrammate dal 2020 e altre saranno annunciate. Per i dettagli vedi www.thepineapplethief.com

 

 Segui The Pineapple Thief:

Sito

Facebook

Twitter

Instagram

Spotify

YouTube

Apple Music

 

 

Lunatic Soul presenta il video di “Hylophobia” tratto da Through Shaded Woods

LUNATIC SOUL PRESENTA IL VIDEO DI “HYLOPHOBIA”

TRATTO DALL’ULTIMO ALBUM THROUGH SHADED WOODS

 

L’hilofobia, conosciuta anche come xilofobia, è la paura irrazionale di boschi e foreste

 

Dopo l’uscita del nuovo album Through Shaded Woods e i grandi consensi ottenuti sia dai fan che dai media, con Prog Mag che lo ha descritto come “uno dei dischi più evocativi e melodicamente potenti che l’artista ha realizzato“, Lunatic Soul presenta il nuovo clip di “Hylophobia”.

 

GUARDA IL VIDEO IPNOTICO DI “HYLOPHOBIA”

 

“L’ultimo album di Lunatic Soul, Through Shaded Woods, racconta come superare l’oscurità e trovare la luce interiore dove il titolo ‘shaded woods’ è sinonimo delle nostre paure, traumi e incubi. In questo nuovo video, creato dai miei amici di Sightsphere abbiamo cercato di visualizzare come potrebbero essere queste paure e questi incubi. Quindi lasciate che le mie oscure immaginazioni vi portino in un viaggio misterioso e spero davvero che non soffriate di Hylophobia”. Mariusz Duda

Dopo il suono marcatamente elettronico dei precedenti album Fractured e Under the Fragmented Sky, Through Shaded Woods è completamente privo di elettronica ed è il primo album nella discografia di Mariusz Duda in cui lui stesso suona tutti gli strumenti. In questo suo settimo album, Duda ha esteso le sue esplorazioni musicali in aree nuove e più oscure che includono il folk scandinavo e slavo, dopo aver trovato la sua ispirazione nella natura e nei boschi della sua casa d’infanzia in Polonia. All’interno di queste metafore e riferimenti oscuri l’ascoltatore scoprirà un album che diventa musicalmente più “luminoso” man mano che procede, dall’introduzione atmosferica di “Navvie” fino alla title track, che porta l’ascoltatore ad una melodiosa trance come in “Oblivion”, che riecheggia lo stile dei Dead Can Dance.

 

Ecco una breve selezione di estratti dalle recensioni di Through Shaded Woods:

“Fascinating album” Rockerilla (IT)
blissfully otherworldly The Progressive Mind (10/10)
“…a record of sheer captivating charm” Classic Rock Magazine (DE)
musically enthralling” musikreviews.de
A dreamlike journey into the dark Scandinavian and Slavic folk. A huge album! A must have ! “Highlands Magazine (FR)
With this mysterious voice like an enchanting echo, Through Shaded Woods is an album of pure and immense folklore which takes you to the heart of a forest between fear and courage” Alternative Rock Press (CAN)
“…beautiful atmosphere” Rock Tribune (BE)

Through Shaded Woods tracklist

Navvie [04:03] GUARDA QUI
The Passage [08:57] GUARDA QUI
Through Shaded Woods [05:51]
Oblivion [05:03]
Summoning Dance[09:52]
The Fountain [06:04] GUARDA QUI

Tracce bonus aggiuntive contenute nel disco 2 del formato CD Ltd Ed:
Vyraj [05:32]
Hylophobia [03:20]
Transition II [27:45]

 

Through Shaded Woods è disponibile su CD; 2 CD con un disco bonus di 3 tracce aggiuntive tra cui “Hylophobia” e una suite di 26 minuti chiamata “Transition 2”; LP in vinile nero gatefold e su tutte le piattaforme digitali, ordinabile da QUI

 


(Foto di MD Archives)

 

Segui Mariusz Duda e Lunatic Soul:
Sito: www.lunaticsoul.com
Sito di Mariusz: www.mariuszduda.md
Facebook: https://www.facebook.com/lunaticsoulband
Instagram:  https://www.instagram.com/marivsz_riv/
Twitter: @Marivsz_Riv
Per materiale grafico in alta https://kscopemusic.com/media/lunaticsoul/

 

 

 Page 1 of 39  1  2  3  4  5 » ...  Last »