WØM FEST – Si chiude con successo l’edizione 2022 del festival che porta a Lucca il meglio della nuova scena musicale italiana

WØM FEST

Si chiude con successo

l’edizione 2022 de festival

che porta a Lucca il meglio della

nuova scena musicale italiana

 


WOM FEST 2022 – Foto di Matteo Ortili e Gianni Pierini

 

Grande successo per l’edizione 2022 del WØM FEST, due giorni dedicati al meglio della nuova scena musicale italiana nel suggestivo parco di Villa Bottini a Lucca.

Tra venerdì 3 e sabato 4 giugno più di 1500 persone da tutta Italia hanno potuto godere del trascinante live dei BNKR44 e quello degli esplosivi  POP X, headliner sul Main Stage delle due serate, accompagnati da Emmanuelle, Adelasia, Pseudospettri e da Hindya che ha sancito l’inizio della collaborazione con lo storico concorso musicale Rock Contest di Controradio. Oltre a questi, per la prima volta, si sono aggiunti i concerti  del Second Stage curato dal collettivo lucchese Creative Hub, un nuovo spazio che si è inserito perfettamente nel cartellone di entrambi i giorni.

Oltre ai concerti, anche l’Area Food/Drink e la colorata Area Expo hanno contribuito a rendere speciale un’edizione del WØM FEST che consolida il ruolo di questo festival nella proposta di alcune delle migliori realtà del panorama indipendente italiano e nella ricerca di quelli che saranno i talenti di domani.

l WØM FEST vuole ringraziare tutti i partner che hanno creduto in questa manifestazione in ascesa (ConfCommercio Lucca e Massa Carrara, Ottavo Nano, Audi Center Terigi, Lucca Promos, The Lands of Giacomo Puccini, FRATRES Consiglio provinciale di Lucca e Piana, Azienda agricola La Badiola, ACI Lucca, Rock Contest – Controradio, KeepOn Live), il Comune di Lucca, la Fondazione CRL, la Fondazione BML, i volontari, i tecnici e tutte le splendide persone che hanno contribuito al successo di questa edizione targata 2022.

 

web: https://www.womfest.it
fb: www.facebook.com/wommovement
insta: www.instagram.com/wom_fest

Primavera Sound Barcellona – Sant Adrià 2022: perché ci sono cose che non si dimenticano mai

Primavera Sound Barcellona – Sant Adrià 2022:

perché ci sono cose che non si dimenticano mai

 

– Al via oggi la più grande edizione della storia del festival barcellonese, che riunisce 674 concerti in 12 giorni

– I 16 palchi del Parc del Fòrum e le 14 sedi del Primavera a la Ciutat trasformeranno Barcellona nella capitale mondiale della musica

– Quasi mezzo milione di partecipanti provenienti da 139 Paesi diversi celebreranno il ventesimo anniversario con il tutto esaurito

 

Questa volta è vero. Oggi inizia finalmente il ventennale del Primavera Sound, la fine di un viaggio e l’inizio di un altro. Qui finiscono 36 mesi senza incontri e allo stesso tempo inizia il percorso che ci porterà in giro per il mondo per il resto del 2022, dal Parc del Fòrum a Porto, Los Angeles, San Paolo, Santiago del Cile e Buenos Aires. Ma non esageriamo, perché dopo tutto quello che è stato necessario per arrivare fin qui, ora meritiamo di goderci ogni secondo di tutto ciò che accadrà nei prossimi dodici giorni. E ci saranno molte, molte, molte cose.

Dall’inizio della giornata di benvenuto al Poble Espanyol di oggi fino alle danze sulla spiaggia di Sant Adrià de Besòs il 12 giugno, alla fine del party Brunch -On The Beach, la più grande edizione della storia del Primavera Sound riunirà 674 artisti per trasformare Barcellona nella capitale mondiale della musica. E non stiamo esagerando: il festival accoglierà circa mezzo milione di partecipanti provenienti da 139 Paesi diversi, alla ricerca di una line up con la stessa varietà di origini sonore.

Perché all’interno di questa eccezionalità che è la norma per il Primavera Sound, possono convivere l’esuberanza dei Run The Jewels e il minimalismo dei Magnetic Fields, il rodeo di Kacey Musgraves e il laboratorio degli Autechre, lo shock grindcore dei Napalm Death e il balsamo soul di Mavis Staples. Tame Impala, Bauhaus, PinkPantheress. The Strokes, Yeah Yeah Yeahs e Interpol che difendono la scena newyorkese di inizio secolo. Tyler, The Creator, Peggy Gou, Beck. Dua Lipa con tutta la brillantezza di una supernova pop. Low, Jorja Smith, Nicki Nicole. Shellac, ancora una volta e tutte le volte che vogliono. Goldie, La Zowi, Beach House. 75° compleanno di Maria del Mar Bonet e 12° compleanno di Mila de la Garza delle Linda Lindas. Lorde, DJ Playero, Rina Sawayama. Pabllo Vittar come paradigma del festival gratuito. Megan Thee Stallion, The National, Les Amazones d’Afrique. Bad Gyal nella sua incoronazione a casa. Kim Gordon, 100 gecs, Courtney Barnett. Thom Yorke con The Smile e Damon Albarn con i Gorillaz. Charli XCX, Yo La Tengo, Brittany Howard. Il ritorno dei Pavement e di Antònia Font. Nick Cave and The Bad Seeds, M.I.A., Caroline Polachek. King Gizzard & The Lizard Wizard cinque volte, Little Simz, Mogwai, Arooj Aftab, Caribou, non possono fare a meno di voi.

Insomma, lo zoom sulla lineup del Primavera Sound Barcelona – Sant Adrià 2022 continua a riservare sorprese e scoperte anche a un anno dalla sua presentazione. E da oggi, tutti quei nomi escono dalla locandina e diventano realtà. Ciò che fino ad ora era solo scritto, da ora costituirà i suoni e le immagini di un’edizione che ancora una volta crede nella rilevanza di una line up equilibrata dal punto di vista del genere come acceleratore di cambiamenti nella società, ma anche nel suo valore artistico. Perché una line up diversa e trasversale, in tutti i sensi, deve essere necessariamente una line up migliore.

E adesso? Sappiamo benissimo cosa fare al Primavera Sound, anche se non lo viviamo da tre anni: il segreto è avere tutto perfettamente calcolato e poi lasciare che sia la logica stessa del festival a mandare in fumo i tuoi piani, quando ti trovi di fronte a un momento straordinario che non avevi previsto. Uno di quei momenti speciali che vanno oltre i numeri. Può accadere su uno dei 16 palchi del Parc del Fòrum o in uno dei 14 siti e luoghi che compongono l’insolito percorso del Primavera a la Ciutat. O magari al Primavera Pro, il punto d’incontro del settore musicale dell’universo Primavera, che si terrà dal 6 al 9 giugno al CCCB per riunire ancora una volta il dibattito culturale e la musica dal vivo di tutto il mondo. Questo ventesimo anniversario sarà celebrato in ogni angolo della città e anche attraverso lo streaming fornito dal canale Twitch di Amazon Music Spain.

È il momento di dare il via alle attività e di vedere che, per quanto tempo passi, ci sono cose che non si dimenticano. Un Primavera Sound come mai prima, come sempre.

 
Il Primavera Sound Barcellona – Sant Adrià 2022 è possibile grazie al sostegno e all’impegno per la musica dal vivo di Estrella Damm, Pull&Bear, Binance e Cupra, partner strategici del festival, e alla collaborazione di Organics by Red Bull, Ouigo, Tous, Plenitude, Aperol Spritz, Adidas, Jack Daniel’s, Seat MÓ, Brugal e Amazon Music.

 

Cambiamenti last minute nella line up del

Primavera Sound Barcellona – Sant Andrià 2022

 

 

– Joan Miquel Oliver presenta Surfistes en càmera lenta, Joey Bada$$, Let’s Eat Grandma, Los Hermanos Cubero e Nexcyia si aggiungono alla lineup, mentre 107 Faunos, Low, Marina Herlop, Paloma Mami e Rigoberta Bandini aggiungono nuovi spettacoli a quelli già previsti.

– Afrikan Sciences, Bestia Bebé, Bikini Kill, DJ Black Low, Georgia, Girl in Red, Kehlani, Lingua Ignota, Pa Salieu e Rapsody, infine, non potranno esibirsi al festival.

 

A poche ore dal Primavera Sound, vengono annunciati alcuni cambiamenti nel programma. Bestia Bebé, Bikini Kill, Georgia, Girl in Red, Kehlani, Lingua Ignota, Pa Salieu e Rapsody non potranno esibirsi nei giorni pdel festival e Afrikan Sciences e DJ Black Low non faranno parte del Primavera a la Ciutat. Little Simz, dal canto suo, annullerà il suo concerto al Poble Espanyol il 5 giugno, ma manterrà la sua esibizione il 3 giugno al Parc del Fòrum.

Per quanto riguarda la nuova lineup, si sono aggiunti Joan Miquel Oliver con il suo Surfistes en càmera lenta (giovedì 2 giugno, Auditori Rockdelux), il rapper newyorkese Joey Bada$$ (giovedì 2 giugno, Pull&Bear stage), il duo elettropop Let’s Eat Grandma (giovedì 2 giugno, Tous stage), la proposta heterodox dei Los Hermanos Cubero (venerdì 3 giugno, Cupra stage) e il produttore ambient Nexcyia (lunedì 6 giugno, LAUT hall). Inoltre, 107 Faunos (sabato 4 giugno, palco Ouigo), Low (sabato 4 giugno, palco Binance), Marina Herlop (venerdì 10 giugno, palco Cupra), Paloma Mami (domenica 5 giugno, Poble Espanyol) e Rigoberta Bandini (venerdì 3 giugno, palco Cupra) aggiungono nuovi concerti a quelli già programmati per offrire nuove opportunità ai loro fan. 

 

 

PRIMAVERA SOUND PRESS AREA

 

 

La Dope Noir Records di Klaus Waldeck celebra il suo 20° anniversario con una serie di concertiil 3 e 4 giugno 2022

La Dope Noir Records
del musicista e produttore
Klaus Waldeck
celebra il suo 20° anniversario
con  una serie di concerti
il 3 e 4 giugno 2022
dal leggendario club viennese
Porgy & Bess

 
  
 

L’etichetta discografica viennese di culto Dope Noir Records guidata dal musicista e produttore Klaus Waldeck, celebra il suo 20° anniversario con una serie di concerti il 3 e 4 giugno 2022 presso il leggendario club musicale viennese Porgy & Bess, disponibili in streaming on line.
Sono previsti 4 concerti distribuiti su 2 serate:

Venerdì 3 ore 20,30
Waldeck “Belle & Pop”
Saint Privat “Bossa Casanova”
www.porgy.at/events/11007/

Sabato 4 giugno ore 20,30
Waldeck Sextet “It might be french”
Soul Goodman “Midnight Safari”
www.porgy.at/events/11008/

 

Breve cronistoria della Dope Noir Records

Il Dr. Klaus Waldeck, avvocato, decise contemporaneamente di lasciare il suo lavoro quotidiano e il contratto che lo legava con una major, per fondare una propria etichetta discografica e commercializzare la propria musica come era consuetudine nella scena elettronica viennese del tempo. Il nome dell’etichetta è stato trovato in fretta, perché a quel tempo i beat ipnotici e fumosi erano all’ordine del giorno: è così, voilà, è nata la Dope Noir Records.

Inizialmente il sound era dedito al downbeat, Dope Noir ha celebrato i suoi maggiori successi con il progetto francofilo jazz & bossa nova Saint Privat, premiato con l’Austrian Music Prize nel 2005 e nel 2007 con l’album di Waldeck “Ballroom Stories”, che anni dopo la sua pubblicazione è stato dichiarato pioniere dell’electroswing (una nicchia in cui Waldeck non ama necessariamente essere collocato). Ma anche gli anni più recenti sono stati caratterizzati dal successo e dalla varietà di proposte, sia che si trattasse di un omaggio allo Spaghetti Western, al Film Noir francese o al Road Movie americano. Il licensing di molti titoli del catalogo Dope Noir per la TV e il cinema (Greys Anatomy, Dr. House) e per la pubblicità (Daimler, Heineken, Vodafone, Ferrero e una campagna pubblicitaria mondiale di 10 anni per il marchio di moda Versace) completano la storia di questo successo.

Per la speciale occasione del suo 20° anniversario, la Dope Noir Records ha programmato l’uscita di un doppio CD box (29 maggio) e un LP box (17 giugno) con cinque mini-album in vinile (rigorosamente limitati e numerati a mano) con tracce inedite. Tra gli artisti presenti in questa edizione da collezione ci sono Waldeck stesso, Soul Goodman, il Waldeck Sextet e il premiato progetto francese Saint Privat. La maggior parte della musica è nuova di zecca, ma per onorare l’occasione “20 Years Dope Noir” contiene alcune versioni ri-registrate dei pezzi di maggior successo di Waldeck. In questa release troverete tutti i volti artistici di Klaus Waldeck.

La diretta streaming inizierà circa mezz’ora prima dell’inizio del concerto che sarà disponibile solo in tempo reale. Cliccando su “To the Livestream” si aprirà una finestra in cui sarà possibile guardare il concerto gratuitamente e senza registrazione. Tuttavia, chi vorrà, potrà sostenere il progetto attraverso il “Pay as you wish”.

 

www.waldeck.at

 

 

Un club nel festival: ecco la line up del palco Boiler Room x Cupra al Primavera Sound Barcellona – Sant Adrià 2022

Un club nel festival:

ecco la line up del palco

Boiler Room x Cupra

al Primavera Sound Barcellona – Sant Andrià 2022

 

 

– Kenny Beats, Optimo, Equiknoxx, Pastis & Buenri, Mechatok, Two Shell, Tayhana e MC Carol risplendono in un programma con suoni da tutto il mondo.

– Anche le etichette e i collettivi Jokkoo, Voodoo, Casa Voyager, YCO e Príncipe Discos saranno ai piatti per tutta la durata del festival.

– L’esperienza immersiva sarà garantita grazie al dancefloor circolare

 

Naturalmente, per il 20° anniversario del Primavera Sound Barcellona – Sant Adrià ci sarà anche Boiler Room. Dopo le numerose collaborazioni del passato, la piattaforma di broadcasting musicale online più estesa al mondo sarà nuovamente presente al festival con il supporto di Cupra e con un proprio palco, un club circolare dove l’esperienza immersiva sarà garantita grazie a una pista da ballo che circonderà la cabina dei DJ.

Il palco Boiler Room x Cupra sarà, quindi, un club all’interno del Primavera Sound che eleverà ancor di più programma elettronico già stellare del festival. La ciliegina sulla torta arriva adesso con una line up che, con il sempre affidabile sigillo di approvazione di Boiler Room, riunisce suoni da tutto il mondo ed eventi particolarmente unici, alcuni dei quali saranno trasmessi sui canali ufficiali di Boiler Room.
 
Kenny Beats che si conferma il produttore più ispirato della scena rap contemporanea, una session di cinque ore di Optimo che celebra 25 anni di esplorazioni sonore, le sperimentazioni dancehall di Equiknoxx, la reunion di Pastis & Buenri per scrivere un nuovo capitolo della loro leggenda makinera, il tedesco Mechatok, i misteriosi Two Shell, due prodigi dell’inimitabile N.A.A.F.I. come l’argentina Tayhana e la giamaicana Tygapaw, DJ Playero e DJ Blass uniti in un b2b per la storia del reggaeton, la performance live del vortice funk carioca MC Carol, la colombiana Rosa Pistola che spara perreo estremo. Insomma, la musica da club assumerà infinite forme sul palco di Boiler Room x Cupra, che accoglierà anche alcune delle etichette e dei collettivi più interessanti del mondo, durante i sei giorni al Parc del Fòrum (dal 2 al 4 e dal 9 all’11 giugno). Le crew Jokkoo e Voodoo, l’etichetta marocchina Casa Voyager, l’etichetta britannica YCO e la famiglia Príncipe Discos di Lisbona, riuniranno tutto il loro talento in diversi set eccezionali. 
 

 

PRIMAVERA SOUND PRESS AREA

I fAUST chiuderanno in bellezza il LARS ROCK FEST 2022 con una data unica italiana

I fAUST

chiuderanno in bellezza

il LARS ROCK FEST 2022

con una data unica italiana

Dall’8 al 10 luglio a Chiusi
con ingresso libero

 

 

Saranno i fAUST l’ultimo headliner del LARS ROCK FEST 2022. La storica e venerata band tedesca chiuderà in bellezza con una data unica italiana, domenica 10 luglio, la tre giorni gratuita, completando un cartellone dall’alto profilo internazionale.

Nati dalla mente di Zappi W. Diermaier come collettivo di improvvisazione,  i fAUST sono considerati gli alfieri del movimento Kraut-Rock anni ’70, anticipando di decenni gli sviluppi della scena Art-Rock europea, con una tacita fiducia nello sviluppo del suono per creare qualcosa di unico, straordinario e visionario.
I fAUST arriveranno a Chiusi per presentare l’ultimo album “Daumenbruch”, uscito a gennaio 2022, che ha visto Zappi W. Diermaier collaborare con una nutrita serie di artisti eccezionali.
Se negli anni i compagni di viaggio di Zappi sono cambiati, nulla è mutato nell’approccio musicale della band da sempre votata all’innovazione e alla sperimentazione.

I fAUST si aggiungono ai già annunciati Algiers, nella prima serata di venerdì 8 luglio, e  Nothing e Porridge Radio  nella seconda.

In attesa di annunciare le altre band che completeranno il caleidoscopio indipendente del cartellone LARS ROCK FEST 2022, il festival conferma anche in questa edizione gli spazi dedicati al Mercatino del Disco e all’Open Book/Festival dell’editoria indipendente. Il mercatino garantirà ai visitatori numerosi stand di vinili e cd, nuovi ed usati, che uniranno ultime uscite a rarità per i collezionisti. Open Book invece sarà un’occasione imperdibile per avvicinarsi al mondo visionario, libero e creativo della piccola e media editoria. Per tre giorni il festival dell’editoria offrirà un’immersione rigenerante nella resistenza culturale, a difesa della bibliodiversità e della pluralità di pensiero: tra libri e riviste, ci sarà la possibilità di farsi raccontare dagli editori le scelte editoriali, il catalogo e le genesi e il futuro dei progetti.
Per info e adesioni scrivere a cultura@assogec.it.

Il festival LARS ROCK FEST 2022 è realizzato dall’associazione culturale “GEC – Gruppo Effetti Collaterali” e si terrà nel weekend dall’8 al 10 luglio nel parco dei Giardini Pubblici di Chiusi (SI), come sempre con ingresso libero. l festival sarà preceduto da un’anteprima a pagamento (prevendite su ticketmaster e diyticket.it) che vedrà martedì 5 luglio il live di The Tallest Man On Earth sul palco della Rocca Medievale di Castiglione del Lago (PG), una suggestiva location che ha visto lo svolgimento negli ultimi due anni di pandemia dello spin-off Zal Fest.

 

linktr.ee/larsrockfest

 

 

Parte dal MI AMI di Milano passando dal Primavera Sound di Barcellona il tour estivo di IOSONOUNCANE prima di una pausa

Parte dal MI AMI di Milano

passando dal Primavera Sound di Barcellona

il Tour Estivo 2022

di IOSONOUNCANE

prima di una pausa

 

Fondazione Musica per Roma – foto di Musacchio, Ianniello e Pasqualini 

 

Al via il Tour Estivo 2022 di IOSONOUNCANE che partirà il 29 maggio dal MI AMI Festival di Milano, passando anche dal Primavera Sound di Barcellona il 3 giugno.

Sul palco la potenza percussiva di Maria Giulia Degli Amori e Simone Cavina, l’elettronica le tastiere e i sintetizzatori affidati ad Amedeo Perri, Francesco Bolognini, Simona Norato e Serena Locci, tutti guidati da IOSONOUNCANE che oltre all’elettronica ha imbracciato nuovamente la chitarra elettrica. Il Tour Estivo 2022 (un ultimo tour estivo prima di una pausa) ripartirà da questa formazione e dall’esperienza del tour teatrale per espandere il suono della Mandria esplorando anche repertori e canzoni diverse.

Durante il tour teatrale di IRA, concluso il 23 aprile 2022, IOSONOUNCANE ha eseguito integralmente, assieme ai musicisti con cui l’ha registrato, le 17 tracce che compongono l’album uscito il 14 maggio 2021.

Tutte le date hanno registrato il sold out: dall’Auditorium San Domenico di Foligno all’Auditorium Parco della Musica di Roma, dal Teatro Duse di Bologna all’Auditorium Verdi di Milano, per arrivare alle OGR di Torino, passando per Napoli (Teatro Bellini) e Mestre (Teatro Toniolo). Più di 7000 spettatori hanno potuto riascoltare IRA dal vivo e constatare come al centro dello spettacolo ci fossero tutti e sette i musicisti e l’opera stessa, per uno sforzo collettivo, ripagato, ogni singola sera, da applausi scroscianti.

Un Tour Estivo che si annuncia potente, catartico, autorevole.
Queste le date al momento confermate:
29.05 Segrate (MI) – MI AMI Festival
03.06 Barcellona – Primavera Sound
10.06 Bologna – Express Festival / Arena Puccini
11.06 Prato – Off Tune Festival
01.07 Siracusa – Maniace Summer Fest
31.07 Bauladu (OR) – Dromos Festival
05.08 Arezzo – Fortezza Medicea
16.09 Roma – Spring Attitude Festival

 

https://www.facebook.com/iosonouncane

https://www.instagram.com/iosonouncane/

www.iosonouncane.com

 

 

“Music for Vera” è la colonna sonora composta da Dan Solo e Paolo F. Bragaglia per il film “Vera de Verdad”

“Music for Vera”

è  la colonna sonora composta da

Dan Solo e Paolo F. Bragaglia

per il film “Vera de Verdad”

 

 

È uscito in questi giorni su tutte le maggiori piattaforme digitali “Music for Vera” (pieces for and from the motion picture Vera de Verdad) un album che raccoglie  i brani originali composti da Dan Solo e da Paolo F. Bragaglia  per il film “Vera de Verdad” di Beniamino Catena, uscito nelle sale italiane il 17 febbraio e in Sud America il 21aprile. 

Il film è un lungometraggio intriso di realismo magico, una storia che crea un ponte misterioso tra due vite tra loro lontanissime: quella di una adolescente italiana e quella di un uomo che vive in Cile, aprendo prospettive inusuali verso i misteri insondabili del cosmo profondo. I due musicisti, già collaboratori del regista in molti progetti, sono stati  incaricati di comporre una parte della colonna sonora di questa originalissima coproduzione Italo-Cilena.

L’album, edito da A Buzz Supreme Srl, raccoglie sia i brani presenti nel film che gli outtakes nati per la colonna sonora ma non inclusi nella versione definitiva del film. Il lavoro dei due autori esprime in maniera netta la diversità dei piani narrativi del film,  sospeso tra la dimensione europea e gli ampi spazi desertici del Cile e delle Ande. Una serie di suggestioni sonore che vanno dal roadmovie ad atmosfere intimistiche, da sonorità sperimentali e neoclassiche a suggestioni etniche e psichedeliche, che disegnano un percorso d’ascolto affascinante e di grande coinvolgimento. Inoltre degna di nota è la presenza della voce di Serena Abrami la talentuosa cantautrice già protagonista di X Factor 2009 e Sanremo 2011. Sua è la voce che si può ascoltare, ad esempio, nel tema “Dove c’è fuoco, c’è luce“ di Paolo F. Bragaglia.

Dan Solo, autore e compositore, bassista dei Marlene Kuntz dal 1995 al 2004, ideatore insieme al regista Beniamino Catena del docu-fiction “Pornodrome, una storia dal vivo” (Mescal/Sony 2003) e fondatore dei Petrol (“Dal fondo” Casasonica/EMI 2007), autore di varie colonne sonore, tra cui “Indagine su un cittadino di nome Volontè” (Atacama film e quattroterzi/Luckyred 2008).

Paolo F. Bragaglia è un compositore elettronico musicalmente nato in un mondo analogico e che, nel nostro presente digitale, è costantemente interessato alla metamorfosi del suono attraverso i generi musicali. Ha composto innumerevoli musiche per spot pubblicitari, documentari, musica per televisione e film proiettati in festival di tutto il mondo ed ha lavorato in numerosi spettacoli teatrali e audiovisivi. Ha di recente pubblicato il suo sesto album da solista “The man from the Lab” (Minus Habens 2021).

 

ASCOLTA “MUSIC FOR VERA” SU SPOTIFY

 

 

“NOVEMBRE13_” – Nuovo singolo con doppio video dal nuovo album dei JoyCut

“NOVEMBRE13_”

Nuovo singolo con doppio video

dal nuovo album dei JoyCut

 

Guarda JOYCUT | NOVEMBRE13 | MASAMI_

Guarda JOYCUT | NOVEMBRE13 | MASAMI&SHION_

Ascolta e acquista JOYCUT | NOVEMBRE13_

 

Dopo “ThePlasticWhale_”, presente nella compilation EARTH/PERCENT uscita per la giornata Mondiale della Terra nell’ambito dell’iniziativa di sensibilizzazione ambientale lanciata da Brian Eno“NOVEMBRE13_” è il secondo estratto ufficiale dal nuovo album dei JoyCut

TheBluWave_
[TimesWhenSilenceIsAPoem_
TheIceHasMelted_
AndBleedingGlaciersFormOurTears]_

 

atteso il 5 giugno in formato digitale e dal 10 giugno in formato fisico per PillowCase – 伊達直人,

Ascolta e acquista JOYCUT | NOVEMBRE13_

 

Il singolo è accompagnato da due eleganti videoarte di Megan Mylan, estratti dal film “Taller Than The Trees”: “NOVEMBRE13 | MASAMI_” “NOVEMBRE13 | MASAMI&SHION_”.

Guarda JOYCUT | NOVEMBRE13 | MASAMI_

Guarda JOYCUT | NOVEMBRE13 | MASAMI&SHION_

La band presenta oggi, venerdì 20 maggio ore 19.30, il nuovo album con una esperienza dalla formula inedita, una installazione sonora titolata “i n t o t h e B L U” in anteprima esclusiva presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, all’interno della Sala delle Ciminiere.
 

Album cover

“Il nuovo album è finalmente pronto, vivissimo | Un processo di elaborazione che va dalla Biennale di Venezia all’esecuzione esclusiva per il Robert Smith’s Meltdown_

Un intreccio di saturazioni orchestrali e dilatazioni sonore intrise di paesaggi ritmici narrativi, passaggi commoventi che sottovoce mirano alla leggerezza, alla liberazione da questa civiltà | C’è molto Oriente, Africa, c’è assenza, c’è sublime, eppure la profondità di questi abissi ideologici non intimorisce, anzi, ci chiede di sbirciare, di avvicinarci”_

“Nove anni di apparente silenzio | si è urlato, contemplato l’orrore, perso cari e celebrato creature, vissuto, valicato colonne e raccolto appunti di viaggio_
È tempo di scovare nuovi ed ulteriori delicatissimi rifugi interiori, riscoprendo luoghi a dimensione di sguardo, all’interno dei quali ogni distanza sia vinta_
Gli unici possibili dove eseguire e rappresentare il B L U_

Come onde del mare sul disastro”_
 

TRACKLIST:
1- TheFirstSong_
2- Darwin_
3- Ungaretti_
4- SAUN_
5- Novembre13_
6- BluTokyo_
7- ThePlasticWhale_
8- Komorebi_
9- Francis&Violet_
10- Lisantrope_
11- Siberia [BeforeTheFlood]_
12- Antropocene_
13- Plato|SHIRAKABA [TheSmileOfTheSun]_

 

QUI il pre-order del nuovo album dei JoyCut

  QUI il pre-save del nuovo album dei JoyCut
 

 

www.joycut.com

www.facebook.com/JoyCutOfficial

www.instagram.com/joycutofficial

https://twitter.com/joycutofficial

 

Il Tempo e lo spazio dominano il Primavera Sound Barcelona – Sant Adrià 2022: mappa del sito, nuovi palchi e orari

Il tempo e lo spazio dominano il

Primavera Sound Barcelona-Sant Adrià 2022:

mappa del sito, nuovi palchi e orari

 
 

– I nuovi palchi Estrella Damm, Cupra, Binance, Tous, Plenitude, Ouigo, DICE, NTS Warehouse e Boiler Room x Cupra

– Sono disponibili gli orari degli oltre 400 concerti che si terranno nel Parc del Fòrum durante i due weekend del Primavera Sound.

– L’area di Barcellona Sona riunirà una vetrina di talenti locali con 48 concerti e session
 

 
 

Dal 2 al 4 e dal 9 all’11 giugno dopo tre anni torneremo al Parc del Fòrum per vivere un nuovo Primavera Sound, anche se il tempo non si ferma mai, né per il festival né per il luogo che lo ospita. Entrambi formano un universo vivente in cui le cose si succedono continuamente, un ecosistema musicale in continua trasformazione: dal momento in cui si arriva a quello in cui si parte, il Parc del Fòrum muta più volte per svelare nuove sorprese. Le giornate principali del ventennale del festival si svilupperanno su 16 palchi, dalla spianata principale all’area Primavera Bits inaugurata nel 2018.

Tra le novità più eclatanti, il Primavera Sound Barcelona – Sant Adrià 2022 allineerà i due palchi principali (Estrella Damm e Pull&Bear) per facilitare gli spostamenti e, per la prima volta nella storia del festival, avrà un palco alimentato da energia sostenibile e rinnovabile. Nato con l’obiettivo di crescere di anno in anno per continuare a ridurre l’impatto ambientale, il progetto sostituirà i generatori con batterie sul palco Plenitude, situato sotto l’iconico pannello solare del Parc del Fòrum. Accanto ad esso ci saranno il palco Ouigo, NTS Warehouse (baluardo dei suoni più avanguardistici ed elusivi della line-up presentata dall’influente stazione radiofonica online britannica) e Boiler Room x Cupra (piccolo club circolare la cui line-up di DJ sarà svelata nei prossimi giorni perché, come abbiamo già detto, il Primavera Sound non smette mai di cambiare). 

 Il percorso attraverso il Parc del Fòrum sarà completato dai palchi Binance (il nuovo palco del Primavera) e Cupra (il mitico anfiteatro con vista sul mare che regalerà ancora una volta alcuni dei momenti più memorabili del Primavera Sound) e dall’area Primavera Bits, dove oltre il ponte i palchi DICE, Tous e Night Pro attendono ai margini della spiaggia di Sant Adrià de Besòs. Inoltre, durante il primo fine settimana, l’Auditori Rockdelux sarà un rifugio per alcune delle proposte più intime del festival, la minimúsica sarà ancora una volta il miglior punto d’incontro per tutta la famiglia e la zona Barcelona Sona, che si presenta come l’area perfetta per rilassarsi un po’ in riva al mare, ospiterà 48 concerti e sessioni che concentreranno il meglio del talento locale sui suoi tre palchi (Estrella Damm Sona, Tous Sona e Jack Daniel’s Sona).

Dopo aver padroneggiato la variabile spazio, è ora di iniziare a fare i conti con la variabile tempo. Quando incontreremo di nuovo i classici artisti del Primavera Sound come Beach House e Jamie xx? Quando debutteranno al festival Dua Lipa e Gorillaz? Quando saliranno sul palco i Pavement per la prima volta da oltre dieci anni? Quando Bad Gyal mostrerà alla sua città natale di cosa è capace? Possiamo scoprirlo consultando il calendario dei due weekend del Primavera Sound Barcelona Sant – Adrià 2022. Dal primo pomeriggio fino all’alba, oltre 400 performance per celebrare, nel Parc del Fòrum, un ventesimo anniversario che, ormai, è decisamente vicino…

Siamo spiacenti di informarvi che, a causa di circostanze impreviste che hanno influito sulla pianificazione dei loro tour, Japanese Breakfast, Oli XL e Las Ligas Menores non suoneranno al Primavera Sound Barcelona – Sant Adrià 2022. Al loro posto, Stella Donnelly, Mumdance e Bestia Bebé entreranno a far parte del programma del festival: la cantautrice australiana ci farà assaggiare parte del materiale contenuto nel suo secondo album recentemente annunciato, il visionario produttore e DJ britannico si ripresenterà al festival a distanza di tre anni e la band argentina ripercorrerà il percorso che li ha portati a occupare un posto d’onore nella scena indie-rock del proprio Paese. Inoltre, il misterioso duo Two Shell si unirà al party Young (7 giugno, LAUT) per portare le sue produzioni fantastiche al Primavera a la Ciutat. 

 

PRIMAVERA SOUND PRESS AREA

 

 

 Page 5 of 57  « First  ... « 3  4  5  6  7 » ...  Last »