Release.
THE ORANGE BEACH

THE ORANGE BEACH

Promo video.

Info.

Amateurs” è frutto di un lavoro abbastanza lungo, durato quasi un biennio.
L’intento era quello di realizzare un lavoro completamente diverso dall’esordio “Fuzz you!!!”, uscito nel 2010, pur conservando chiara e riconoscibile  la cifra stilistica firmata The Orange Beach.
In questo senso hanno contribuito in maniera determinante le varie esperienze personali e quelle in  qualità di musicisti di tutta la band.
Se “Fuzz you!!!” era una festa all’insegna dell’ironia e la dissacrazione con qualche spunto malinconico, “Amateurs” potrebbe definirsi l’hangover del giorno dopo.
Un disco malinconico, ma non  piagnone. Volutamente suonato e registrato con l’intento di lasciare molto spazio agli ambienti, ai riverberi, quasi come se la band avesse voluto dare un suono ai vuoti per mescolarli ai rumori delle proprie inquietudini.
Le riprese del disco, prodotto da Paolo (chitarrista della band) con l’engeenering dei DI Fusco Bros,  sono durate in tutto 7-8 giorni. In “Waterfall” e “Sagra” agli OB hanno avuto il piacere di ospitare alla pedal steel guitar Ferdinando Ghidelli (collaboratore storico di Fausto Mesolella) e, sempre in “Watterfall”,  hanno sperimentato il loro primo “duetto” grazie ad una cantante ed amica straordinaria come Franca Noviello. L’armonica  di “Black Suv” è di Alfredo Parolino dei Bufalo Kill.
Per questo disco la volontà era quella di collaborare ancora una volta con  Kramer (Daniel Johnston,Low,Galaxie 500,Robert,Wyatt e molti altri), produttore dell’album di debutto, ma i rispettivi impegni non hanno permesso loro di trovare date compatibili, ma è stato lo stesso a Kramer a incoraggiare Paolo Broccoli a produrre il disco.
Il metodo di incisione di base è sempre lo stesso, suonare in diretta per rendere vive le canzoni, ma a differenza di “Fuzz You!!!” ci sono state molte sovraincisioni che hanno arricchito il suono originale.

The press.

Gennaio 2016 – “Un disco decisamente fuori moda, un gran complimento di questi” 7 su 10

RUMORE

Gennaio 2016 – “Riff contagiosi, accordi di Fender, basso, batteria. Ci si perde, e ci si ritrova” 7 su 10

MUCCHIO