Release.
THE REGAL

THE REGAL

Promo video.

Info.

Quattro anni fa il loro debutto omonimo fu accolto molto calorosamente dalla critica musicale e The Regal, dalla provincia fiorentina, furono salutati come un sincero esempio di come si possa essere profondamente influenzati dal folk—rock americano, cantare in inglese, e riuscire a creare ballate raffinate, piccoli gioielli rock e testi profondi. Cosa è poi successo nel frattempo? Andrea Badalamenti ed i suoi compagni di viaggio Manuel Pio e Alessio Consoli sono molto schivi e, come la loro musica ci suggerisce, preferiscono le lunghe session di studio ai concerti in cui le scarse condizioni tecniche spesso non permettono alla band di esprimersi come vorrebbe. La ricerca in studio non è quindi mai stata interrotta.
La matrice musicale del loro secondo capitolo “The shade of the human job”è rimasta invariata, ma oggi Andrea Badalamenti (ancora autore di tutte e dieci le canzoni del disco) vuole parlarci dell’essere umano, sempre più alla deriva, sempre più lontano da quelli che sono gli scopi che dovrebbero contraddistiguerlo.

“In questi anni, spiega Badalamenti, ho potuto leggere molto e concentrarmi sugli assunti e i dogmi creati dall’uomo con presunzione e il cinismo nel corso della storia.
Intorno a questi pensieri si sviluppa tutto il disco, dall’incapacità relazionale (The unloved), alla bolla oppressiva del sistema globalizzato moderno (The machine), a rivoluzioni sanitarie (The green cross), a ringraziamenti e citazioni (Bomb of peace/Kimera), fino ad arrivare alle riscoperte essenziali e spirituali (The house on the tree). Il titolo dell’album è ispirato ad un verso contenuto in Kimera, canzone omaggio a Dino Campana, un poeta la cui opera ha influenzato e spinto Badalamenti alla scrittura.

Il CD è autoprodotto interamente dalla band ed è nato all’interno del loro Fadiestudio in Firenze, il centro delle loro attività, il luogo dove in questi anni hanno dato forma ai nuovi brani, insieme ad una ricerca tecnica che gli permette oggi di ottenere un risultato sonoro molto più vicino a quanto vogliono esprimere.

“The shade of the human job” vuole suonare molto più trasparente rispetto al debutto e le impronte ritmiche e armoniche di Manuel Pio (batteria) e Alessio Consoli (basso) sono ancora più accentuate, sfruttando a volte la registrazione in presa diretta.
Le edizioni e l’ufficio stampa sono ancora firmate da A Buzz Supreme.
Il disco è stato realizzato con il sostegno del Progetto 100band all’interno di Giovanisì-Regione toscana.

“Con questo disco”, continua Andrea, “vorrei mettere una pulce nell’orecchio dell’ascoltatore, pregando che possa farsi due domande in più, come Essere Umano e non come animale sociale”