The O.R.k. in uscita il 22 febbraio con “Ramagehead” e in tour in Italia

O.R.k.

Da febbraio in tour europeo
con 6 date in Italia

 15.2 Ravenna (IT) – Bronson
16.2 Lugagnano di Sona/Verona (IT) – Il Giardino
17.2 Pisa (IT) – Lumiere
21.2 Bari (IT) – Garage Sound
22.2 Roma (IT) – Largo Venue (support @ The Pineapple Thief)
23.2 Milano (IT) – Santeria Social Club (support @ The Pineapple Thief) 

 Guarda ora il video di “Kneel To Nothing
il primo brano estratto da “Ramagehead”


Il NUOVO ALBUM

RAMAGEHEAD

IN USCITA IL 22 FEBBRAIO 2019 SU KSCOPE

 

  • La band ha al suo interno nomi di grande rilievo tra i quali il premiato compositore / vocalist Lorenzo Esposito Fornasari, Pat Mastelotto dei King Crimson, Colin Edwin dei Porcupine Tree e Carmelo Pipitone dei Marta Sui Tubi

 

  • L’album include la collaborazione con lo special guest Serj Tankian dei System Of A Down

 

  • Confermati gli show live in tutta Europa e UK all’inizio del 2019 + le esibizioni come band di supporto dei The Pineapple Thief

 

 

Gli O.R.k., che hanno al loro interno alcuni dei più acclamati artisti della musica contemporanea, hanno unito nuovamente le loro forze creative per un nuovo studio album; il primo per l’innovativa etichetta britannica Kscope e distribuito da Audioglobe; Ramagehead (questo il titolo del disco) uscirà il 22 febbraio 2019.
 
La band è composta dalla voce del produttore italiano, oltre che premiato autore di colonne sonore, Lorenzo Esposito Fornasari a.k.a LEF (lead vocals), Pat Mastelotto dei King Crimson (batteria), Colin Edwin dei Porcupine Tree (basso), Carmelo Pipitone dei Marta Sui Tubi (chitarre); Ramagehead contiene anche una collaborazione stellare con il vincitore del Grammy Award Serj Tankian dei System of a Down, che è senza dubbio una delle più grandi e rinomate voci del panorama metal.
Scritto durante il periodo del loro tour europeo per il secondo album, Soul of an Octopus del 2017; Ramagehead è nato dalla visione collettiva della band, da influenze uniche e dal riflesso delle loro diverse esperienze dal vivo, sempre potenti e coinvolgenti. Il risultato contiene tutti gli ingredienti di una ardente performance degli O.R.k. con riff scuri e potenti, atmosfere magnetiche e testi che svelano lo smarrimento della band causato dal nostro mondo moderno: un mondo sovraccarico di informazioni, di incertezze e messaggi fatti di post-verità. Spiega il bassista Colin Edwin:
Ramagehead non è un vero e proprio concept album, ma sicuramente ha un tema ben identificabile, nel quale proviamo a spiegare lo smarrimento quotidiano causato dai tempi incerti in cui viviamo, e il costante sovraccarico di informazioni confusionarie al quale siamo tutti sottoposti in questo ambiente basato sui post che diventano fatti. Volevamo anche sfruttare la potenza, l’imprevedibilità e la spontaneità dell’esperienza live degli O.R.k. in una registrazione puntando allo spazio sonoro ad alta risoluzione che può essere ripetutamente rivisitato dall’ascoltatore avido per scoprire livelli sempre più profondi.”
 
Registrato nel 2018 al LefMusicStudio (Italy), The Wormhole (USA) e Nightspace (UK). Il missaggio di Ramagehead è stato curato da Adrian Benavides e dal tre volte vincitore di un Grammy Marc Urselli (U2, Foo Fighters, Nick Cave), mastering di Michael Fossenkemper, engineering di Benavides e Bill Munyon (King Crimson), cover art di Adam Jones (TOOL) e design di Denis Rodier (Superman, Batman, Wonder Woman). La registrazione e il coinvolgimento di Serj Tankian dei SOAD nel prossimo singolo, “Black Blooms“, consolidano il serio intento della band di usare la loro chimica musicale per esplorare le possibilita del rock.


RAMAGEHEAD tracklisting

Kneel to Nothing
Signals Erased
Beyond Sight
Black Blooms (feat. Serj Tankian)
Time Corroded
Down the Road
Some Other Rainbow Part 1
Strangled Words
Some Other Rainbow

Ramagehead disponibile dal 22 Febbraio su CD / 180g Black vinyl LP / Digitale
ed è disponibile per il
PRE-ORDINE QUI
 
GUARDA IL TRAILER QUI
 
Gli O.R.k. hanno anche un’intensa attività live pianificata a supporto di Ramagehead che inizierà a Febbraio 2019 con un tour di Europa e UK sia come head line che come ospiti speciali del “Dissolution Tour” dei nuovi compagni di etichetta The Pineapple Thief.
 
Colin Edwin commenta “Ramagehead è il nostro lavoro più intenso, ambizioso e accessibile e non vedo davvero l’ora di esplorare questo nuovo materiale dal vivo e di condividere la nostra energia tutti assieme. Per me l’esperienza live con gli O.R.k. è sempre totalmente immersiva e indimenticabile, is always a completely immersive and unforgettable experience in the live arena, quindi, con nuovi brani da suonare e l’opportunità di raggiungere luoghi e persone che ancora non abbiamo raggiunto, questo tour sarà il nostro migliore.”

** show con The Pineapple Thief
15.2 Ravenna (IT) – Bronson
16.2 Lugagnano di Sona/Verona (IT) – Il Giardino
17.2 Pisa (IT) – Lumiere
21.2 Bari (IT) – Garage Sound
22.2 Roma (IT) – Largo Venue**
23.2 Milano (IT) – Santeria Social Club **

24.2 Pratteln (CH) – Z7 **
26.2 Stuttgart (DE) – LKA Longhorn **
27.2 Frankfurt (DE) – Batschkapp **
28.2 Strasburg (FR) – La Laiterie **
1.3 Zoetermeer (NL) – Borderij ** 
2.3 Hamburg (DE) – Grosse Freiheit 36 **
3.3 Copenhagen (DK) – Store Vega **
5.3 Stockholm (SE) – Nalen **
6.3 Oslo (NO) – Rockefeller **
8.3 Iserhagen/Hannover (DE) – Blues Garage 
10.3 Cologne (DE) – Yard Club 
12.3 Munich (DE) – Backstage
13.3 Budapest (HU) – Durer
14.3 Nove Mesto nad Vahom (SK) – Blue Note
15.3 Berlin (DE) – Music & Frieden
17.3 Paris (FR) – Petit Bain
19.3 London (UK) – Borderline
20.3 Newcastle (UK) – o2 Academy **
21.3 Glasgow (UK) – St. Luke’s **
22.3 Manchester (UK) – o2 The Ritz **
23.3 Birmingham (UK) – o2 The Institute 2 **
24.3 Bristol (UK) – SWX **
 
O.R.k.:
Lorenzo Esposito Fornasari a.k.a LEF – voce
Pat Mastelotto – batteria
Colin Edwin – basso
Carmelo Pipitone – chitarra
 
Segui gli O.R.k.
http://www.orkband.com/
https://www.facebook.com/O.R.k.band/
https://www.instagram.com/orkband/
https://twitter.com/ORKBAND

Keith Richards – In arrivo la ristampa di “Talk Is Cheap” e il video dell’inedito “My Babe”

Keith Richards “Talk Is Cheap”

in uscita il 29 Marzo su BMG
la ristampa per il 30° anniversario 

 

Disponibile in diversi formati:
Super Deluxe Box Set, Deluxe Box Set,
CD, LP, Digitale

 

Attivo il preordine a questo link
Guarda ora il lyric video dell’inedito “My Babe

   

Nel 1988 è uscito il primo album solista di sempre di Keith Richards, “Talk Is Cheap”, una master class di undici brani su tutto ciò che ci può essere di buono nel rock ‘n roll.
 
Tutto è iniziato nel 1986 quando Keith era irrequieto. Gli Stones non erano attivi e come ha dichiarato lui stesso era uno di quei momenti “forget about it”. Aveva lavorato con il batterista Steve Jordan per il film di Chuck BerryHail Hail Rock ‘n Roll” ed era alla ricerca di una nuova sfida. Non aveva mai preso in considerazione l’idea di fare un album come solista e ammette di essere stato inizialmente “trascinato scalciando e urlando” nello studio di registrazione.
 
Durante la sua leggendaria carriera con i Rolling Stone è sempre stato un one band man. “Il mio focus principale è sempre stato questo.” dice Keith. “Sentivo che negli Stones avevo il mezzo perfetto per quello che volevo fare. Non potevo immaginare che mettere insieme qualcos’altro sarebbe stato altrettanto appagante.
 
Fortunatamente ha dato vita agli incomparabili X-Pensive Winos. Sono stati come una band fin dall’inizio, con il chitarrista Waddy Wachtel, un’ovvia aggiunta a Steve Jordan. “Waddy ed io siamo come Ronnie e me” dice Keith. “Nel giro di cinque minuti è come se ti conoscessi da tutta la vita.
 
Con Charley Drayton, al basso e percussioni, da tre sono diventati quattro, poi cinque con il cantante e tastierista Ivan Neville. Sono tutti polistrumentisti, musicisti a tutto tondo che hanno fondato un camp a Le Studio, in Quebec. Isolato dalle distrazioni delle grandi città, la musica ha iniziato a scorrere fin dall’inizio. “C’era un treno che stava passando e tutto quello che dovevo fare era aggrapparmici.
 
Uno dei primi brani che hanno registrato è stata l’esplosiva ‘Take It So Hard’, un classico un po’ tirato ma immeditato che spiega in maniera semplice perché Keith sia soprannominato il riff umano.
Definisce la musica rock moderna.
 
Più tardi le registrazioni si sono spostate a Montserrat, nelle Bermuda e altri locali con apparizioni di ospiti stellari come Sarah Dash, Bootsy Collins, Maceo Parker, i Memphis Horns, Patti Sciafia e Mick Taylor.
 
C’è una gioiosa spavalderia in “Talk Is Cheap” che permea ogni singola canzone. Suona bene oggi come faceva trent’anni fa – per dirlo con le parole di Keith “fresco come il giorno in cui è stato fatto“. Questa ristampa include 6 bonus track, quattro delle quali vedono la collaborazione del pianista Johnnie Johnson, compresa “Big Town Playboy” di Eddie Taylor, “Blues Jam”, “Slim” e la cover di Jimmy ReddMy Babe”.
Il Super Deluxe e il Deluxe box set includono speciali, una custodia e stampe esclusive, le note complete di Anthony De Curtis che raccontano la storia della produzione dell’album, l’impatto culturale con la sua uscita, foto inedite e memorabilia rari.
 
Questo album resiste”, dice Keith Richards. “L’ho ascoltato e non attraverso la nebbia della nostalgia, perché non mi influenza in questo senso. Questo disco è più della somma delle sue parti. Lo ammiro davvero. Ci stavamo divertendo e si sente.
 
Talk Is Cheap” uscirà in formato CD, vinile, Deluxe e Super Deluxe box set.
 
“Talk Is Cheap” CD e vinile tracklisting:

  1. Big Enough
  2. Take It So Hard
  3. Struggle
  4. I Could Have Stood You Up
  5. Make No Mistake
  6. You Don’t Move Me
  7. How I Wish
  8. Rockawhile
  9. Whip It Up
  10. Locked Away
  11. It Means A Lot
     

‘Talk Is Cheap’ Deluxe & Super Deluxe Box Set include queste bonus tracks: 

  1. Blues Jam
  2. My Babe
  3. Slim
  4. Big Town Playboy
  5. Mark On Me
  6. Brute Force
     

‘Talk Is Cheap’ Deluxe Box Set inoltre include

  • 180g LP album &180g LP con materiale bonus
  • Singolo 7” (Take It So Hard / I Could Have Stood You Up)
  • Singolo 7” (Make No Mistake / It Means A Lot)
  • CD album & CD con materiale bonus
  • Libro di 80 pagine contenente un saggio di Anthony De Curtis, nuove interviste con with Keith Richards e foto
  • Memorabilia: 1 laminato del tour, 2 note sui testi, invito di “Talk Is Cheap”, plettro del tour e 2 poster
  • Confezionato con il materiale dei case delle chitarre Fender

‘Talk Is Cheap’ Super Deluxe box set

  • Limitato e numerato
  • Tutto quello che è contenuto nel Deluxe Box set
  • Un involucro esclusivo unico nel suo genere che replica la chitarra Fender preferita di Keith “Micawber”

Confezionato a mano in legno di frassino prodotto artigianalmente presso il Fender Custom Shop in California 

Yusuf / Cat Stevens “Back To Earth” – La riedizione dello storico album in uscita a giugno 2019

YUSUF / CAT STEVENS
BACK TO EARTH

LA RIEDIZIONE DELLO STORICO ALBUM

IN USCITA A GIUGNO 2019

 

Nel 1978, dopo aver venduto milioni di dischi ed essere diventato uno dei più grandi artisti internazionali degli anni ’70, Cat Stevens ha deciso di uscire dai riflettori da rock star ed andare oltre. Lo stesso anno è uscito il suo ultimo album sotto quel nome.

Mentre la schiera di suoi fan era rattristata dalla notizia, insieme ai musicisti che hanno suonato con lui sia in tour che nei dischi, il cantante in realtà era euforico all’idea di questo cambiamento. “Era come tornare alla mia vera natura” riflette su quel momento. “Indietro fino all’infanzia con gli occhi spalancati”.

Giustamente intitolato Back To Earth, è stato il suo regalo di addio: un album che ha visto il cantante londinese salutare i suoi fan e allo stesso tempo spiegare la sua decisione di lasciare con canzoni come “Last Love Song” e “Just Another Night”.
Quello che succede dietro la facciata della celebrità o del palco può essere un vero e proprio mondo a sé stante”, dice ora, “e questo è quello che è stato la maggior parte delle volte. Ho mantenuto il mio buonsenso e ho tenuto gli occhi aperti.

Giugno 2019 vedrà la ripubblicazione di Back To Earth su Cat-O-Log Records / BMG in vari formati, incluso un cofanetto deluxe che contiene l’album originale (rimasterizzato ad Abbey Road), insieme a demo, brani inediti e materiale del concerto per l’unicef del 1979 Year Of The Child, l’ultima esibizione dal vivo del cantante con il nome Cat Stevens.
L’uscita segna l’inizio di una serie di ripubblicazioni ed edizioni speciali che copriranno l’intera carriera di Yusuf / Cat Stevens, che dura da cinque straordinarie decadi.

Dopo la sua uscita, Back To Earth ha ricevuto critiche entusiaste. “Cat ha scritto un album della stessa qualità di quelli che lo hanno reso una superstar”, dichiarava il London Evening News. “Semplicemente una canzone da urlo dopo l’altra”. Contemporaneamente Billoboard acclamava “ballate tenere e genuine e i toni pop animati”. Hot Press lo ha accolto come “un seducente ed intricato intreccio di splendide melodie… davvero un ritorno in gran forma”.

Cat Stevens ha pensato a lungo e intensamente di lasciare la sua carriera musicale. Tralasciando la sua generale disillusione nei confronti della fama, il cantante ha vissuto un’epifania spirituale dopo essere stato colto da una fitta corrente e quasi annegato nuotando nell’Oceano Pacifico tre anni prima. Piangendo rivolgendosi al cielo ha detto, “Se mi salvi, lavorerò per te“, fu salvato da un’onda delicata che lo riportò sulla riva.

Quello che lui chiama il suo “graduale risveglio” e la decisione di diventare Mussulmano nel 1977, cambiando il suo nome in Yusuf Islam, è stata scatenata dal fratello nel momento in cui ha regalato al cantante una copia del Corano per il suo 27° compleanno. “Avevo scoperto un nuovo modo di vedere l’universo.” spiega. “Come un bambino che aveva viaggiato su di un razzo spirituale verso un nuovo eccitante mondo.

Ci sono molti messaggi affascinanti nelle canzoni e nei testi di questo album; ‘The Artist’ non ha parole, perché non riuscivo a trovare le parole per lodare a sufficienza il Creatore per questo incredibile universo; ‘Daytime’ trasmette il senso di innocenza che ho riscoperto; infine ‘Never’ è decisamente appropriata come ultima traccia e giustamente è piena di speranza e sentimenti.”
Back To Earth è stato sicuramente un notevole ritorno in gran forma, riunendo Stevens con Paul Samwell-Smith, il produttore dei suoi storici album multi platino Tea For The Tillerman (1970) e Teaser And The Firecat (1971), oltre che a consolidare la sua collaborazione creativa con il chitarrista di lunga data Alun Davies.

Dal punto di vista musicale, l’album era un mix tra lo stile delle ballate acustiche e la ricerca spirituale che ha reso il cantante una star a livello mondiale, assieme ad alcuni richiami un po’ più distanti degli anni in cui stava crescendo come Steven Demetre Georgiou nel West End londinese. Brani come New York TimeseRandy richiamano su di lui l’influenza dei teatri di Londra e – dal momento che parte del disco è stata incisa a New York – Broadway.

C’era quest’altro mio lato che era una sorta di compositore di musical,” ricorda “amavo i musical ed ero circondato da loro dove vivevo. Quindi, avevo Bernstein nelle mie vene.

Atteso a lungo per una rivalutazione, Back To Earth è un album brillante ed affascinante che cattura Yusuf/Cat Stevens in un momento chiave della sua vita.

Ora,” come ha dichiarato nel momento della sua partenza dal mondo della musica, “sono sceso dalle stelle.

 

BACK TO EARTH: SUPER DELUXE EDITION

CD ONE: Back To Earth
Album originale del 1978 rimasterizzato dai nastri originali analogici agli Abbey Road Studios per degli effetti sbalorditivi
1. Just Another Night
2. Daytime
3. Bad Brakes
4. Randy
5. The Artist
6. Last Love Song
7. Nascimento
8. Father
9. New York Times
10. Never
CD TWO: Return To Earth: The Original 2001 Stereo Master.
1. Just Another Night
2. Daytime
3. Bad Brakes
4. Randy
5. The Artist
6. Last Love Song
7. Nascimento
8. Father
9. New York Times
10. Never
CD THREE: Distant Planets: Unearthed Gems.
Back To Earth brani live, demo rare e due registrazioni bellissime ed assolutamente inedite
1. Toy Heart (Inedito)
2. Butterfly (Inedito)
3. Just Another Night (Demo) Inedito
4. Last Love Song (Demo) Inedito
5. Bad Brakes (Instrumental) Inedito
6. New York Times (New Mix) Inedito
7. Nascimento (Instrumental) Inedito
8. Daytime (Live 2017)
9. Just Another Night (Live 2016)
10. Last Love Song (Live 2014)
11. Never (Live 2013)
12. Bad Brakes (Live 2011)

CD FOUR: Alpha Omega (A Musical Revelation)
Chiusura del cerchio. Yusuf aiuta suo fratello David a realizzare la propria ambizione producendo l’album del 1978 Alpha Omega, che contiene la tanto amata ‘Child For A Day’

1. Universe
2. I Who Am I
3. Paradise
4. Inventions
5. I See That Face
6. Child For A Day
7. Sing, Love Is Everywhere
8. Alpha Omega
9. Music Is The 7th Wonder
10. Dreamer
11. World
12. Listen To Me
13. I Believe
CD FIVE: UNICEF Year Of The Child Concert at Wembley Arena 1979.
L’ultima canzone d’amore. Yusuf si esibisce in quello che lui è convinto essere il suo addio alle scene durante il concerto di beneficenza UNICEF del 1979 Year Of The Child alla Wembley Arena di Londra.
1. The Wind con l’intro di Paul Gambaccini
2. On The Road To Find Out
3. Just Another Night
4. Daytime/Where Do The Children Play?
5. Father & Son
6. Morning Has Broken (Con The Belmont Junior School Choir)
7. Peace Train
8. Child For A Day (Con David Essex e Richard Thompson)
Blu-ray ONE: Immagini dal concerto UNICEF Year Of The Child alla Wembley Arena 1979 + Original Album Remastered in alta risoluzioneLP ONE: Original Album Remastered

LP TWO:  UNICEF Year Of The Child Concert at Wembley Arena 1979

+ libro di 50 pagine contenente tutte le nuove interviste e I testi di Tom Doyle, con il contributo di Paul Gambaccini
+ riproduzioni delle uscite stampa originali, foto, fanzine, poster e molto altro

 

BACK TO EARTH: DELUXE EDITION
CD ONE: Back To Earth
Album originale del 1978 rimasterizzato dai nastri originali analogici agli Abbey Road Studios per degli effetti sbalorditivi
1. Just Another Night
2. Daytime
3. Bad Brakes
4. Randy
5. The Artist
6. Last Love Song
7. Nascimento
8. Father
9. New York Times
10. Never
CD TWO: Return To Earth: The Original 2001 Stereo Master.
1. Just Another Night
2. Daytime
3. Bad Brakes
4. Randy
5. The Artist
6. Last Love Song
7. Nascimento
8. Father
9. New York Times
10. Never

+ quattro demo inediti, live e brani mai ascoltati

Booklet con i nuovi testi di Tom Doyle, interviste e contributi di Paul Gambaccini

I formati standard di CD e LP corrispondono alla versione rimasterizzata del disco originale.

Preordina tutti i formati disponibili, compreso il super deluxe box set e l’edizione 2 CD deluxe ed altri articoli esclusivi qui: https://yusufcatstevens.pmstores.co

Multilink: https://cat-stevens.lnk.to/BackToEarth2P