La Metralli ospiti di Vinicio Capossela per la Festa della Liberazione a Carpi

La Metralli ospiti di Vinicio Capossela per la

Festa della Liberazione a Carpi

Per festeggiare la Festa della Liberazione, giovedì 25 aprile Vinicio Capossela sarà live in Piazza dei Martiri di Carpi, Modena, nel tardo pomeriggio per un concerto gratuito e per presentare in anteprima anche alcuni brani nuovi a pochi giorni dall’uscita del suo prossimo album.

Sul palco con Capossela ci saranno anche La Metralli, accompagnati dal coro Le chemin des femme, per eseguire il brano tradizionale “Son la mondina, son la sfruttata” dedicato alle Mondine di Novi, come anticipazione dal loro nuovo album in uscita a fine Estate e prodotto da Amigdala e dal Centro Musica – Comune di Modena, attraverso il progetto Sonda con il contributo della Regione Emilia Romagna.
 

www.facebook.com/METRALLI/

www.lametralli.com

 

Le good vibrations del Primavera Pro 2019

Le good vibrations del

Primavera Pro 2019

 

Dov’è la mia gente?”, si chiede J Balvin. “Qui, ovunque”, potremmo rispondergli. Il clamore suscitato dall’artista colombiano, primo artista reggaeton ad essere tra i protagonisti del cartellone del Primavera Sound, è solo uno dei tanti segnali dell’ascesa stratosferica che la musica latinoamericana, con il suo incrocio di sonorità urbane, sta vivendo al momento, attirando un pubblico sempre più trasversale. Il Primavera Pro 2019 approfondirà il fenomeno del sound latino, che non sembra avere limiti ed è qui per rimanere, con una tavola rotonda moderata dal giornalista argentino Yumber Vera Rojas, con la partecipazione di esperti di diverse aree e nazionalità: Alba Blasi, curatrice di Club Marabú, un evento che ha dato un grande contributo nello sviluppo di questi suoni nella vita notturna di Barcellona; Lalo Rojas, del management messicano Caballeros; Philippe Siegenthaler, dell’agenzia booking Páramo, da Bogotá e Judy Cantor-Navas, corrispondente di Billboard a Barcellona e divulgatrice di musica cubana.

Oltre al panorama latinoamericano, il Primavera Pro sposterà le sue coordinate per viaggiare verso l’Oriente. Più specificamente, verso il Giappone, paese finora difficile da penetrare musicalmente, ma le cui band stanno ottenendo un riscontro sempre più globale. A cosa si deve questo cambiamento? C’è una maggiore richiesta di musica giapponese da parte del pubblico occidentale o sono gli artisti nipponici ad avere una maggiore necessità di proporsi all’estero? Cercheremo di dare una risposta a queste domande insieme a Jack Notman, dirigente dell’agenzia di management britannico-giapponese Ran Touring, e KOM_I, cantante della band Wednesday Campanella, una delle formazioni che compongono la nutrita rappresentazione del paese del Sol Levante al Primavera Sound 2019. L’incontro sarà moderato da Andy Votel, DJ e fondatore dell’etichetta Finders Keepers, che ha pubblicato esotiche gemme discografiche dal Giappone e da altre latitudini.

Col suo costante interesse nei confronti di progetti insoliti ed emozionanti, attivi oltre i confini dell’industria musicale, il Primavera Pro si concentrerà su 37d03d, uno spazio (fisico e virtuale) nato come punto di incontro e collaborazione, dove gli artisti possono abbandonarsi alla loro creatività senza pressioni ed ostacoli. Il chitarrista dei The National Aaron Dessner presenterà questo luogo ameno digitale, inaugurato insieme al fratello Bryce Dessner e a Justin Vernon (Bon Iver) e che è al momento curato da Mary Hickson, che sarà anche lei tra i partecipanti di un incontro moderato dalla giornalista Laura Snapes.

Inoltre, On-Screen, la sezione del Primavera Pro dedicata al dialogo tra musica e discipline audiovisive, darà il benvenuto a Daniel Pemberton, autore della colonna sonora del rivoluzionario Spiderman: Into the Spider-Verse, film vincitore dell’Oscar per il miglior film d’animazione. Il compositore parteciperà a un incontro dedicato alla colonna sonora dell’avventura a cartoni dell’Uomo Ragno, che parte dall’hip hop e dalle sonorità urban per tessere un’intricata narrativa sonora per tornare, inoltre, sulle sue collaborazioni con cineasti come Guy Ritchie e Danny Boyle, che lo hanno reso uno dei nomi più richiesti della musica da film odierna. La programmazione di On-Screen ospiterà anche una session sulla supervisione e sincronizzazione musicale guidata da Lucía Pérez di Atresmedia e Omar Tenani di Movistar+, che spiegheranno le possibilità offerte agli artisti dalla sinergia tra musica e audiovisivi, concentrandosi su casi di successo come quelli di Delaporte, autori della fortunata colonna sonora di Fama A Bailar e quello di Cecilia Krull, la cui voce si può sentire nei titoli di coda della serie La casa de papel.

Tutte queste attività si aggiungono a quelle già annunciate per il decimo anniversario del Primavera Pro, in cui si darà spazio anche a temi come l’audio branding e l’analisi del ruolo del femminismo nella cultura proposto dalla nuova sezione Insumisas, alla quale si aggiunge la scrittrice e attivista Brigitte Vasallo, che modererà la sessione “Femminismo, politica e cultura: lotte separate?”. Ci saranno anche modifiche nella tavola rotonda sulle identità culturali nella musica: Noelia Cortés non potrà partecipare a quest’ultima, ma si aggiungerà alla discussione la sociologa e artista Iki Yos Piña Nárvaez.

I pass per il Primavera Pro 2019 sono in vendita QUI .
Per quanto riguarda i professionisti italiani che vogliono partecipare, possono contattare A Buzz Supreme usufruendo della speciale scontistica da sempre concordataci.
 

pro.primaverasound.com

La diva pop Miley Cyrus si aggiunge al cartellone del Primavera Sound 2019 in seguito all’annullamento di Cardi B

La diva pop Miley Cyrus si aggiunge al

cartellone del Primavera Sound 2019

in seguito all’annullamento di Cardi B

 

Il Primavera Sound dà il benvenuto a Miley Cyrus, un’icona del pop contemporaneo in tutte le sue forme. L’autrice di Bangerz non ha bisogno di presentazioni, ma una breve descrizione può aiutare: dal country all’urban pop passando per la sperimentazione psichedelica in compagnia dei Flaming Lips, Miley Cyrus si è imposta come una delle voci più anticonformiste dello star system attuale e del dibattito sul genere, calzando così a pennello per l’anno del The New Normal al Primavera Sound.

Allo stesso tempo, ci duole purtroppo annunciare che Cardi B non si esibirà al Primavera Sound 2019. L’artista americana ha annullato la sua partecipazione a causa di impegni promozionali negli Stati Uniti che non è stato possibile rinviare.

Miley Cyrus suonerà al festival venerdì 31 maggio, condividendo quel giorno il cartellone e il palco con altre voci importanti del nuovo pop come Carly Rae Jepsen, Janelle Monáe e Robyn.

E’ possibile chiedere il rimborso del biglietto giornaliero del 31 maggio, QUI tutti i dettagli.

 

MYLES CYRUS (US)
We can’t Stop

Se un artista gettonato, rivoluzionario, oltraggioso e controverso esce dalla line up… devi sostituirlo con un altro simile, no!? Quindi: ciao, Miley! Sei pronta? Unisciti alla festa. Ti piace? Miley è pronta a tutto! A 26 anni ha già una carriera incredibile: da Hannah Montana a diva della country music, fino ad arrivare a quella Miley Cyrus di Bangerz (2013) che ha scandalizzato tutti e ha portato il twerking a livelli mainstream prima di chiunque altro. Con le porte dell’empowerment femminile spalancate, Miley ha messo in pratica ciò che meglio la definisce: don’tgiveafuckism. Vuoi un album di psichedelia insieme ai Flaming Lips e con la collaborazione di Ariel Pink? Ecco qua: Miley Cyrus & Her Dead Petz (2015). E dopo, con Younger Now (2017), un’altra oscillazione del pendolo, il pop puro, forse l’atto sovversivo più efficace al momento. La signorina Cyrus ha già annunciato che il suo prossimo album, che farà il suo debutto al Primavera Sound, sarà come lei: “senza genere”. C’è qualcosa più New Normal di questo?!? Miley, siamo pronti per te.

 

CAMBIO DEL PREZZO DEGLI ABBONAMENTI COMPLETI E
DEI BIGLIETTI PER IL SABATO

Gli abbonamenti completi per il Primavera Sound 2019 sono ancora in vendita al prezzo di 195 € fino al 12 aprile. Dal 13 aprile costeranno 215 € (più i costi di distribuzione).

I biglietti giornalieri per sabato 1 giugno sono ancora in vendita al prezzo di 80 € fino al 12 aprile. Dal 13 aprile costeranno 90 € (più i costi di distribuzione).

I biglietti giornalieri per giovedì 30 e venerdì 31 maggio manterranno il prezzo di 80 € (più i costi di distribuzione) fino al raggiungimento dell’85% della capacità del giorno corrispondente.

 

www.primaverasound.es

Primavera Pro 2019 : Lo spazio dove scatenare il dibattito femminista Insumisas e il Primavera Award 2019 vinto da Neneh Cherry

Insumisas: uno spazio dove scatenare il

dibattito femminista al Primavera Pro

 

Organizzato in collaborazione col MIM – Associazione Spagnola delle Donne nell’Industria Musicale, questa nuova sezione si aggiunge alla programmazione principale dell’incontro professionale

Rebeca Lane, Lucía Lijtmaer, Clara!, Cristina Morales, e Remedios Zafra sono alcune delle relatrici finora confermate

Buffy Sainte-Marie. Imogen Heap. Viv Albertine. Christina Rosenvinge. Quattro donne, quattro personalità uniche e geniali che rappresentano solo un piccolo campione delle voci femminili sentite a Primavera Pro nei suoi primi dieci anni di esistenza. In tutto questo tempo, l’incontro professionale ha reso evidente il ruolo delle donne nel settore musicale, il che si è visto tanto nelle presentazioni e tavole rotonde, quanto nella programmazione degli showcase, con una grande percentuale di progetti solisti e band con forti presenze femminili.

Nel 2018, questo impegno si è consolidato con la consegna del Primavera Award all’associazione Mujeres en la Industria de la Música (MIM – l’Associazione Spagnola delle Donne nell’Industria Musicale). Un anno dopo, la collaborazione tra Primavera Pro e MIM si riafferma grazie alla creazione di Insumisas (“Indomite” in spagnolo), una sezione che quest’anno si aggiunge alla programmazione principale aprendo il dibattito sulla libera circolazione del pensiero femminista in ambito culturale, con uno spirito combattivo che si riflette sia nel suo nome che nel titolo dell’incontro: donne, cultura e politica in tempi conservatori

Il perno attorno a cui si concentra il messaggio di Insumisas sarà discusso all’interno di due tavole rotonde. La prima, Femminismo, politica e cultura: battaglie separate? parte con il presupposto che il capitalismo è un sistema patriarcale, che rende le differenze di classe e la segregazione culturale compagne all’interno della disuguaglianza di genere. 
La seconda tavola rotonda, Cartelloni tutti al femminile: necessità o spada a doppio taglio? studierà la linea sottile che divide da un lato tutte quelle iniziative create da donne o per le donne in risposta al bisogno di creare spazi protetti, e dall’altro le iniziative che saltano sul carro del femminismo come semplice strategia di marketing.

Insumisas si svolgerà nel corso di giovedì 30 maggio e oltre a questi incontri, offrirà anche un ricevimento per tutti i partecipanti nel Pati de les Dones.

 

Neneh Cherry vince il
Primavera Award 2019

Il premio sarà consegnato all’interno del Primavera Pro e l’artista parteciperà a un incontro su una retrospettiva della sua carriera

 

Ha avuto il suo esordio nello spettacolo trent’anni fa, con l’avvincente serie di brani-manifesto contenuti nell’album Raw Like Sushi, proseguendo col panorama sociale descritto in Broken Politics. La profonda coerenza delle parole di Neneh Cherry è in contrasto con l’imprevedibilità della sua produzione musicale, piena di svolte improvvise e momenti di silenzio che sono stati vissuti sia come fase riflessiva, sia come ribellione nei confronti della produttività forzata imposta sugli artisti dall’industria discografica. Ma anche quando si è fatta da parte per rimettere le cose a fuoco, le sue canzoni sono rimaste un faro per chi considera il pop come strumento di resistenza, veicolo di tematiche importanti e di emozioni profonde. Per questo, Neneh Cherry si merita il Primavera Award 2019.

Almudena Heredero, direttrice del Primavera Pro, spiega così la scelta di premiare l’autrice di canzoni come Manchild, Woman e la recente Natural Skin Deep: “La voce di Neneh Cherry ci sta facendo compagnia da molti anni, ispirandoci e sorprendendoci con ognuno dei suoi nuovi progetti. L’impatto della sua musica è diventato evidente man mano che le sue decisioni diventavano rischiose, sia in termini musicali che ideologici. In un anno in cui il Primavera Pro si concentrerà sul ruolo attivo delle donne nella cultura, rendere omaggio a una personalità ribelle come la sua è stata una decisione non solo logica, ma anche necessaria”.

La consegna del Primavera Award a Neneh Cherry avrà luogo venerdì 31 maggio all’interno del Primavera Pro. L’artista parteciperà poi a un incontro incentrato sulla sua carriera, insieme a Natty Kasambala, giornalista della rivista britannica gal-dem. Sabato 1 giugno Neneh Cherry suonerà a Barcellona, all’interno della programmazione del Primavera Sound.

 

I pass per il Primavera Pro 2019 sono in vendita al prezzo di 230 euro più costi di distribuzione.
Per quanto riguarda i professioni italiani che vogliono partecipare, possono contattare A Buzz Supreme usufruendo della speciale scontistica da sempre concordataci.
 

 

pro.primaverasound.com

PATRIZIO FARISELLI con AREA OPEN PROJECT – “100 GHOSTS” Live

PATRIZIO FARISELLI con

AREA OPEN PROJECT

“100 GHOSTS” Live

Giovedì 18 Aprile 2019 – Blue Note Milano
Via Borsieri, 37 – inizio ore 21.00

Ingresso 25 euro in prevendita, 30 euro alla porta


 

Patrizio Fariselli ritorna con una nuova formazione live di altissimo livello, per presentare l’ultimo album “100 Ghosts”, pubblicato da Warner Music nell’ottobre 2018 in contemporanea con la ristampa di “Area – 1978, gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano”

Attivi dal 1972, gli Area – International POPular Group sono stati uno dei gruppi più amati di sempre; capaci di mettere d’accordo amanti del jazz, fan del rock progressivo ed appassionati di sonorità etniche, musica pop e avanguardia colta. 

Lo spirito di ricerca di Patrizio Fariselli in Area Open Project è la diretta continuazione di quello del gruppo storico e di grandissimi musicisti come Demetrio StratosGiulio CapiozzoAres Tavolazzi e Paolo Tofani

Pianista e compositore, Patrizio Fariselli è l’unico membro degli Area ad aver partecipato a tutte le lineup della band.

Nel proporre “100 Ghosts” dal vivo, Fariselli si muove in mondi apparentemente distanti nello spazio e nel tempo: dalle suggestioni distopiche di “Der Golem”, a melodie arcaiche dell’antica Grecia (“Danza Del Labirinto”, “Lamento Di Tecmessa”) o della Tracia (“Aria” e “Paidushka”), alle atmosfere orientali di “Iqbal”, tratto dalla colonna sonora del film d’animazione “Iqbal, bambini senza paura”, di cui Fariselli è autore.

Nel disco, il jazz mantiene comunque un ruolo centrale, come dimostrano le sapienti interpretazioni di “Giant Steps” di John Coltrane, rinominata “Parafrasi”, e di “Young & Fine” di Joe Zawinul

Il brano che dà il titolo all’album, “100 Ghosts”, si riferisce a una leggenda giapponese, la marcia dei cento spettri, e mostra un carattere marcatamente rock, con un senso di urgenza e mobilitazione. Verrà proposto anche al pubblico giapponese il prossimo 18 maggio, a Tokyo; una serata importante in cui si celebrerà una fondamentale stagione della musica italiana, quella della Cramps di Gianni Sassi.

Tra i brani in programma, merita una menzione speciale “Song From Ugarit”, un suggestivo arrangiamento della più antica melodia a noi pervenuta in forma scritta, vergata in caratteri cuneiformi su una tavoletta d’argilla 3500 anni fa, che verrà cantata in lingua originale da Claudia Tellini.

La sensuale voce della cantante, che ha un background jazz, rivela una rara versatilità e si trova perfettamente a suo agio in ruoli complessi come le composizioni di Fariselli, ma anche nel repertorio storico degli Area, che canta nelle stesse tonalità del grande Demetrio Stratos.

Il batterista Giovanni Giorgi, presente anche nei precedenti album di Fariselli “Lupi Sintetici e Strumenti a Gas” e “Notturni”, è senza dubbio uno dei più prestigiosi jazzisti a livello europeo, e, insieme alla giovane e talentuosa bassista Caterina Crucitti, dà vita a una sezione ritmica dall’energia dirompente e di grande raffinatezza.

Nel repertorio live si alternano brani dell’ultimo album “100 Ghosts”, classici degli Area e qualche sorpresa.

Con Area Open ProjectPatrizio Fariselli conduce il pubblico in un viaggio nello spazio e nel tempo, tra jazz e sonorità  world reinterpretati con lo stile sperimentale tipico della band, attraverso atmosfere affascinanti e coinvolgenti, dove l’esotismo incontra l’inaudito.

 

Link utili:
www.patriziofariselli.net
www.bkglive.com
https://www.instagram.com/warnermusicitaly/

LINK PREVENDITA

In tutti i negozi ed on line è uscito Keith Richards “Talk Is Cheap” – Da oggi online la prima parte della conversazione con Little Steven

In tutti i negozi ed on line è uscito
Keith Richards “Talk Is Cheap”
La ristampa nel trentesimo anniversario della sua uscita

Da oggi online la prima parte del video dell’incontro con Little Steven,

girato allo YouTube Space di New York

 

   

E’ uscita per BMG venerdì scorso, 29 Marzo, la ristampa del classico e primo album solista in assoluto di Keith Richards, “Talk is Cheap”, una vera e propria masterclass di 11 brani su quanto di meglio possa offrire il rock ‘n roll.

C’è una gioiosa spavalderia che permea ogni singola canzone in “Talk Is Cheap” che permea ogni singola canzone. Suona bene oggi come faceva trent’anni fa – per dirlo con le parole di Keithfresco come il giorno in cui è stato fatto“. Questa ristampa include 6 bonus track, quattro delle quali vedono la collaborazione del pianista Johnnie Johnson, compresa “Big Town Playboy” di Eddie Taylor, “Blues Jam”, “Slim” e la cover di Jimmy ReddMy Babe”.

Il Super Deluxe e il Deluxe Box Set includono speciali, una custodia e stampe esclusive, le note complete di Anthony De Curtis che raccontano la storia della produzione dell’album, l’impatto culturale con la sua uscita, foto inedite e memorabilia rari.

Questo album resiste”, dice Keith Richards. “L’ho ascoltato e non attraverso la nebbia della nostalgia, perché non mi influenza in questo senso. Questo disco è più della somma delle sue parti. Lo ammiro davvero. Ci stavamo divertendo e si sente. “

Keith inoltre ha incontrato il leggendario chitarrista ed attore Little Steven (The E-Street Band) presso lo YouTube Space di New York per una amichevole conversazione su tutto quello che riguarda “Talk Is Cheap”.
Il video sarà distribuito a livello mondiale in tre parti (oggi, mercoledì e venerdì) sul canale YT di Keith Richard, insieme ai video originali e quelli nuovi della ristampa di “Talk Is Cheap”.         

 

www.keithrichards.com