La programmazione del Primavera Sound riempirà l’agenda culturale di Barcellona con musica dal vivo per un mese intero

La programmazione del Primavera Sound riempirà l’agenda culturale di Barcellona con musica dal vivo per un mese intero
 

Il Primavera als Bars metterà in cartellone performance in piccoli locali, mentre Primavera als Barris trasformerà le comunità e i centri culturali di Vila de Gràcia, El Clot, Baró de Viver e Sant Adrià de Besòs in autentici palchi del festival

Il quartiere centrale del Raval conferma il suo ruolo di secondo quartier generale del Primavera Sound e di ideale contrappunto alle attività del Parc del Fòrum

 


L’intera città di Barcellona si sta preparando ad ospitare un infinito numero di proposte musicali che la inonderanno nel corso della diciassettesima edizione del Primavera Sound, non solo al Parc del Fòrum ma anche in molteplici spazi disseminati per la capitale catalana. Le porte di una quindicina di bar, ristoranti, hotel e centri culturali e comunitari si apriranno per tutti coloro che desidereranno assistere all’ampia varietà di concerti dal vivo, che avranno luogo durante l’intero mese di Maggio e che saranno parte del cartellone di Primavera a la Ciutat, la denominazione con cui, come ogni anno, vengono presentate le attività gratuite del festival.

Anche la settima edizione del Primavera als Bars, che avrà ancora una volta il prezioso sostegno di Heineken, darà il segnale di partenza. Dal 3 al 24 Maggio un totale di undici tra artisti e band emergenti presenteranno i loro progetti in piccoli locali, che di solito non sono presenti nel circuito della musica live, ma che per questa occasione ospiteranno palchi in cui sarà possibile apprezzare questi promettenti artisti locali. I concerti saranno principalmente di band barcellonesi, anche se ci saranno anche artisti da altre zone della Catalogna, della Spagna e anche dell’Europa. Protagonisti di questa serie di concerti a ingresso gratuito saranno il punk della band belga Cocaine Piss, il talentuoso crooner francese Ryder The Eagle, i Jazz (nuovo progetto di Yago Alcover dei Mujeres), il pop elegante e sensibile di Silent James, il rock classico con accenni Britpop di The Harlock, la divertente passeggiata negli anni ’80 di Papá Topo, il rock atmosferico dei Aldrin y Collins, il folk sperimentale dei All Indians No Chief, l’indie rock dei Belushi, le arie mediterranee del duo da Maiorca Donallop, e le melodie lo-fi di Regalim.

Inoltre, la terza edizione del Primavera als Barris partirà il 4 maggio e continuerà ogni giovedì fino al 25 dello stesso mese. Grazie al crescente impegno del Comune di Barcellona, undici concerti gratuiti saranno ospitati per la prima volta in luoghi come l’Espai Jove La Fontana, il Centre Cultural La Farinera del Clot, il Centre Cívic Baró de Viver e l’Espai Cultural Font de la Mina di Sant Adrià de Besòs. Considerata la fondamentale decisione di dare visibilità a promettenti talenti locali, il progetto è pensato per gli abitanti di questi quartieri, per intensificare il loro coinvolgimento nell’esperienza del festival. In piena armonia con i criteri qualitativi del Primavera Sound, la programmazione sarà guidata dagli inni post-rock dei Retirada!, dal trap del fondatore dei Kefta Boys ELMINI, dalle sofisticate composizioni di Evripidis con i suoi Tragedies, e dal pop malinconico dei Neleonard, il tutto all’interno dei vari centri civici. A questi si unirà anche il pop immediato dei The Crab Apples, il rock con accenni emo dei Keems, le sonorità garage dei No Crafts, gli echi postrock e shoegaze dei Bolga, i popolari vàlius con Carlota Serrahima, Angela (un progetto di Víctor López dei Redthread), e l’hip hop di DirtyPorko & Crie930.

Per il secondo anno consecutivo il Primavera al Raval conquisterà il cuore della città grazie alla sua nuova collaborazione con la marca di auto barcellonese SEAT. Nel primo fine settimana di Giugno, si terranno oltre 70 concerti durante il girno, su tre palchi collocati nel caratteristico Centre de Cultura Contemporània de Barcelona (CCCB), in parallelo con le attività del Parc del Fòrum.

I concerti di maggior richiamo si svolgeranno all’aperto, nella Plaça Joan Coromines, sul palco SEAT, mentre i concerti più intimi si terranno Sala Teatre del CCCB. L’incontro per professionisti dell’industria musicale Primavera Pro avrà ancora una volta il suo palco per showcase al Pati de les Dones, dove si potranno apprezzare concerti di artisti provenienti da Brasile, Cile, Corea del Sud, Australia, Peru, Austria, Repubblica Sudafricana, Lussemburgo, Taiwan e Italia, senza dimenticare i rappresentanti della scena nazionale dalla Catalogna, le isole Baleari e Valencia. Allo stesso tempo, On-Screen esplorerà i legami tra musica e audiovisivi e ci darà l’opportunità di ascoltare Bill Drummond, che presenterà il suo documentario “Imagine Waking Up Tomorrow and All Music Has Disappeared”, come anche Geoff Barrow dei Portishead e il compositore Ben Salisbury, che mostreranno i loro dieci spezzoni audiovisivi preferiti, e la tavola rotonda in omaggio alla giornalista Paloma Chamorro e al segno indelebile lasciato dal suo programma La Edad de Oro.

Il Primavera Sound riafferma così il suo impegno nel portare musica dal vivo a tutti i tipi di pubblico e nel dare maggiore visibilità al dinamico tessuto culturale della città, fornendo a tutti gli abitanti di Barcellona una moltitudine di eventi concepiti in modo da poter godere del festival in tutte le sue forme.

PITCHFORK si aggiudica il PRIMAVERA AWARD 2017

PITCHFORK, LA VOCE PIÙ INFLUENTE NEL GIORNALISMO MUSICALE, SI AGGIUDICA IL  PRIMAVERA AWARD 2017

Chris Kaskie, presidente di Pitchfork, sarà premiato durante la cena inaugurale del Primavera Pro 2017

Primavera_Award_2017_2

Pitchfork, il più importante sito musicale online, sarà premiato  con il Primavera Award 2017, un premio istituito dal festival Primavera Sound quattro anni fa, come riconoscimento alle carriere di persone, istituzioni e organizzazioni che hanno lasciato il segno sulla scena musicale. Christof Ellinghaus (dell’etichetta City Slang), Barry Dickins (dell’agenzia International Talent Booking) e il festival no-profit danese Roskilde, hanno vinto questo premio negli anni precedenti.

Con le fanzine DIY come riferimento , Ryan Schreiber ha creato Pitchfork come media puramente digitale nel 1996, quando il mondo del WEB era solo una curiosità intrigante. Con sede a Chicago e combinando la sua nuova avventura con il suo lavoro  full time in un negozio di dischi, Schreiber ha iniziato il suo viaggio con lo scopo di rendere Pitchfork un nome di riferimento tra etichette e artisti indipendenti per quanto riguarda interviste e recensioni. Dopo oltre 20 anni, Pitchfork non è solo il sito musicale di riferimento con uffici a New York e Chicago, ma è anche stato una pubblicazione trimestrale chiamata The Pitchfork Review (dal 2013 al 2016) e gestisce ormai da tempo il proprio festival Pitchfork Music Festival, con edizioni a Chicago e Parigi.

Il Primavera Award verrà consegnato a Chris Kaski il 31 maggio, durante la cena inaugurale del Primavera Pro 2017 nel Pati de les Dones del Museo di Arte Contemporanea di Barcellona (CCCB). Il giorno successivo Kaskie sarà intervistato dallo storico giornalista Mark Richardson, direttore esecutivo di Pitchfork, sul passato, presente e futuro dei media all’interno dell’intenso programma del Primavera Pro 2017.

 

pro.primaverasound.com

I NICKELBACK presentano il nuovo video ufficiale ‘FEED THE MACHINE’

I NICKELBACK PRESENTANO

IL NUOVO VIDEO UFFICIALE

FEED THE MACHINE

 

Nono Album “Feed The Machine” disponibile dal 16 Giugno

“Feed The Machine Tour” in 45 città in vendita da oggi

 

TORONTO, (19 aprile 2017) I Nickelback, band ormai di statura mondiale con cifre record di vendita in tutto il mondo, annunciano ufficialmente in anteprima il video del loro singolo Top ten “Feed The Machine” da oggi sul canale YouTube della band. Diretto da Simian Design, l’anteprima di questo video prepara il terreno per l’uscita del loro nono album in studio “Feed The Machine” previsto per 16 giugno e il colossale tour che li porterà in 45 città del Nord America per il Feed The Machine Tour.

Guarda qui il video: QUI.

Feed The Machine (BMG, distribuzione ADA/Warner in Italia), sarà ufficialmente disponibile dal 16 Giugno,

Il singolo, rovente e ribelle, “Feed the Machine” è già una hit da Top 10 nelle Rock Radio in Canada e negli Stati Uniti ed è attualmente al numero 11 della classifica di Active Rock, con segnalazione da parte di più di 100 stazioni.

Prodotto da Live Nation, il Feed The Machine Tour prenderà il via 23 giugno a Noblesville, Indiana, per poi proseguire con 45 date in Nord America comprendendo, Los Angeles, Chicago, Toronto, Vancouver, più altre date che saranno aggiunte strada facendo. Daughtry si unirà ai Nickelback come ospite speciale per tutte le date degli Stati Uniti, così come a Toronto e Montreal, mentre Shaman’s Harvest sarà presente in tutte le date.

Cheap Trick, autentica icona della Rock & Roll Hall Of Fame saranno gli special guest per le date canadesi occidentali del tour.
 

I Biglietti per il Feed The Machine Tour sono già in vendita con limitata disponibilità di pacchetti VIP per tutti gli show.

I Fans possono visitare www.nickelback.com per maggiori informaziomni sul pacchetto VIP.

Altre informazioni utili riguardanti i biglietti sono su livenation.com.

Nello scorso mese di marzo, i Nickelback hanno aderito al club esclusivo DIAMOND dopo che la RIAA ha certificato che il quinto album in studio del gruppo, All the Right Reasons, ha superato i 10 milioni di copie vendute.

Sin dalla loro nascita ad Alberta, in Canada, nel 1995, la band, oltre a raggiungere ragguardevoli traguardi in termini di vendite, ha cementato il proprio successo e il proprio status tra le realtà commercialmente più valide ed importanti degli ultimi due decenni. Il successo dei Nickelback comprende vendite a livello mondiale per oltre 50 milioni di unità, grazie alle quali si sono piazzati all’undicesimo posto della classifica tra i migliori act di sempre e sono il secondo gruppo straniero più venduto negli USA nel 21° secolo, dietro solo ai Beatles.

La loro irresistibile “How You Remind Me” è stata nominata ‘Top Canzone Rock del Decennio’ da Billboard ed è stata numero 4 della Top 10 delle canzoni del 2000.

Oltre a tutti questi riconoscimenti, Billboard li ha nominati “Top Rock Group of the Decade”.

Nel corso della luminosa carriera hanno ricevuto ben nove nomination ai Grammy Award, tre American Music Awards, un World Music Award, un People’s Choice Award, ben dodici Juno Awards, ( i Grammy canadesi) sette MuchMusic Video Awards, e sono stati introdotti nella Walk of Fame in Canada (2007).

Con più di 23 singoli in vetta alle classifiche e una nutrita schiera di appassionati sparsi per il globo, i Nickelback vantano dodici consecutivi tour internazionali sold-out, di fronte a più di otto milioni di irriducibili e adoranti fans.

I Nickelback sono: Chad Kroeger (voce, chitarra), Ryan Peake (chitarra, cori), Mike Kroeger (basso) e Daniel Adair (batteria, cori).

Pre-ordina Feed The Machine ora: QUI.

Per maggiori informazioni sulle date del tour: www.nickelback.com

 

Facebook

Twitter

Instagram

YouTube

IOSONOUNCANE Annuncia Alcune Date Speciali In Europa

IOSONOUNCANE annuncia

alcune date speciali in Europa
 

IOSONOUNCANE annuncia alcune date speciali in Europa alla fine del prossimo mese di maggio.

Il musicista sardo, il cui ultimo album Die è stato in assoluto l’album più acclamato del 2015 in Italia e già confermato nel cartellone del prestigioso festival Primavera Sound di Barcellona (primo a cantare in Italiano al festival), tornerà a Berlino – dopo il sold out all’ACUD nel gennaio 2016 – il 24 maggio 2017 con la Mandria, la band che lo ha accompagnato dal vivo nel 2016, dove si esibirà nel bellissimo Kantine Am Berghain, sotto il tempio della techno mondiale.
Il giorno dopo IOSONOUNCANE sarà ospite del Milla Club a Monaco di Baviera, per un debutto nel capoluogo bavarese.
La settimana successiva sarà la volta di Parigi, dove IOSONOUNCANE si esibirà alla Boule Noire, bellissima venue nel centro della città e al Finsbury di Londra, altra città che si aggiunge al giro delle capitali europee.

Il 2 giugno IOSONOUNCANE sarà al Primavera Sound per un’esibizione che è già molto attesa.

 

http://www.iosonouncane.it/
http://www.modernista.org/
http://www.trovarobato.com/

BAUSTELLE – Nuovo singolo e continuano i sold out


Foto di Gianluca Moro

“Il Vangelo di Giovanni” è il nuovo singolo dall’album L’AMORE E LA VIOLENZA in radio da venerdì 14 aprile

Sold out anche le prossime date di Bari (18 aprile), Pescara (19 Aprile) e Napoli (21 Aprile)

Rimangono limitate disponibilità per la seconda data di Roma, il 30 Aprile all’Auditorium Parco Della Musica.

 

Il Vangelo di Giovanni” è il nuovo singolo dei Baustelle in radio da venerdì 14 aprile e arriva dopo il successo di “Amanda Lear” apripista del nuovo album L’AMORE E LA VIOLENZA (Warner Music) uscito il 13 gennaio e subito in vetta alla classifica di vendita.

L’AMORE E LA VIOLENZA è prodotto artisticamente da Francesco Bianconi e mixato da Pino “Pinaxa” Pischetola.

I Baustelle sono attualmente in tour nelle principali località italiane con i concerti di presentazione del loro ultimo album, L’AMORE E LA VIOLENZA, facendo registrare ovunque il tutto esaurito, queste le prossime date:

il 18 aprile a BARI (Teatro Petruzzelli, esaurito), il 19 aprile a PESCARA (Teatro Massimo, esaurito), il 21 aprile NAPOLI (Teatro Augusteo, esaurito), il 30 aprile a ROMA (Auditorium Parco della Musica / Sala S. Cecilia), il 16 giugno a RUSSI-RA (Palazzo San Giacomo/ Ravenna Festival), il 2 luglio a GARDONE RIVIERA-BS (Anfiteatro del Vittoriale/Tener-A-Mente Festival), l’8 luglio a PADOVA (Parcheggio Nord Stadio Euganeo/Sherwood Festival), il 21 luglio a COLLEGNO-TO (Parco della Certosa/Flowers Festival), il 10 agosto a PALERMO (Teatro di Verdura), l’11 agosto a ZAFFERANA ETNEA-CT (Anfiteatro Falcone e Borsellino), il 13 agosto a MELPIGNANO-LE (Piazza Convento Agostiniani/So What Festival), il 25 agosto ad ASOLO-TV (Asolo City Park/Ama Music Festival), il 26 agosto a MANTOVA (Piazza Castello/Mantova Arte & Musica Festival), il 3 settembre a PRATO (Piazza del Duomo/Settembre Rassegna “Prato è Spettacolo”).

Sul palco, oltre a Francesco Bianconi (voce, chitarre, tastiere), Claudio Brasini (chitarre) e Rachele Bastreghi (voce, tastiere, percussioni), ci sono Ettore Bianconi (elettronica e tastiere), Sebastiano de Gennaro (percussioni), Alessandro Maiorino (basso), Diego Palazzo (tastiere e chitarre) e Andrea Faccioli (chitarre).

 

Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sul sito ufficiale www.baustelle.it e sulla pagina facebook ufficiale www.facebook.com/baustelleofficial.

 

www.gibilterra.org

www.ponderosa.it

www.abuzzsupreme.it
 

IL PRIMAVERA PRO 2017 DEFINISCE LA MAGGIOR PARTE DELLA SUA PROGRAMMAZIONE, LA PIÙ ECLETTICA E MULTIDISCIPLINARE DI SEMPRE

IL PRIMAVERA PRO 2017 DEFINISCE
LA MAGGIOR PARTE DELLA SUA
PROGRAMMAZIONE, LA PIÙ ECLETTICA E
MULTIDISCIPLINARE DI SEMPRE

Geoff Barrow (Portishead), Ian Svenonius (The Make-Up), l’agente Rob Challice (Coda), lo scrittore Stephen Witt e un omaggio a Paloma Chamorro e La Edad de Oro, sono alcuni dei nuovi ospiti e attività confermate per l’incontro tra i professionisti dell’industria musicale

 

A meno di due mesi dall’inizio della sua ottava edizione, dal 31 maggio al 4 giugno a Barcellona, il Primavera Pro 2017 svela la maggior parte della sua programmazione, anche se molti partecipanti eccezionali sono già stati annunciati, tra cui Bill Drummond (The Justified Ancients of Mu Mu), Imogen Heap, Billy Bragg (intervistato dal giornalista spagnolo Antonio Baños) e il produttore Youth. A questi si unisce ora lo scrittore Stephen Witt, autore di “How Music Got Free”, con un intervento d’apertura sulla fine dell’era della pirateria musicale e l’inizio dell’epoca “in cui i DJ saranno robot”. Inoltre, Ian Svenonius, cantante degli iconici The Make Up, intervisterà Viv Albertine delle The Slits in quella che promette di essere una vivace discussione sulla militanza artistica e creativa odierna.

Oltre agli artisti che interverranno a Primavera Pro 2017, un altro ruolo essenziale sarà, come sempre, quello delle sfide che l’industria musicale sta attualmente affrontando. L’agente discografico Rob Challice, cofondatore di Coda Agency (l’agenzia di booking che rappresenta artisti come Bon Iver, The xx e Sufjan Stevens, tra gli altri), nel corso di un dibattito con Ruud Berends (del festival Eurosonic Noordeslag), spiegherà le ragioni che lo portano ad ingaggiare certi artisti invece di altri. Il mercato latinoamericano, in continua espansione, sarà studiato approfonditamente in un incontro che ne analizzerà le principali piattaforme, etichette e festival. Allo stesso tempo, il ruolo e la rilevanza della radio nell’era dello streaming sarà il soggetto di un dibattito tra giornalisti di emittenti come Triple J Australia e KEXP. Ci sarà anche una masterclass sui social media incentrata sugli artisti contemporanei, tenuta da Álvaro López, Digital Marketing Manager del Primavera Sound. Altre attività di rilievo per l’edizione 2017 includeranno: un’insolita conferenza interattiva tenuta dal Professor David Loscos, che studierà i passi che una band deve seguire per assicurarsi i suoi primi concerti internazionali, un’analisi delle fonti di reddito di un’artista oggi e un dibattito sul cambiamento delle relazioni tra musicisti e brand.

pro.primaverasound.com/program/view/id/3

 

IL PRIMAVERA PRO ON-SCREEN RAFFORZA LA SUA IMPORTANZA
ATTRAVERSO LA PRESENZA DI STRAORDINARI RELATORI OSPITI

 

Nel suo secondo anno di attività, il Primavera Pro On-Screen – la parte di programmazione che esplora le intersezioni tra il mondo della musica e quello audiovisivo – espanderà il campo delle sue attività e aumenterà il numero dei suoi relatori ospiti. Geoff Barrow, componente dei Portishead, mostrerà i suoi dieci spezzoni musicali/cinematografici preferiti insieme al compositore Ben Salisbury (con il quale ha composto la colonna sonora del film “Ex Machina”), mentre i registi locali Mau Morgó e Tomás Peña (Manson) si tufferanno nell’affascinante mondo dei fandom videos (i Due sono talmente fan di alcuni artisti da aver dedicato tempo ed energie a girare video su loro pezzi senza nessuna richiesta).

Inoltre, il Primavera Pro On-Screen ospiterà una tavola rotonda in omaggio alla recentemente scomparsa della giornalista Paloma Chamorro e al segno lasciato dalla sua trasmissione La Edad de Oro su un’intera generazione. Tutto ciò, in aggiunta alla già annunciata presenza di Bill Drummond (The Justified Ancients of Mu Mu) e della fotografa Carlota Guerrero (direttrice artistica dell’ultimo album di Solange), conferma quanto sia indispensabile un evento come questo, che riunisce professionisti da tutto il mondo in un contesto in cui le sfere della musica e dell’audiovideo si incontrano.

pro.primaverasound.com/program/view/id/15

 

In totale il Primavera Pro 2017 avrà in programma oltre 30 conferenze,intorno alle 25 presentazioni, una nuova edizione di Primavera Pro Startups, showcase di oltre 40 artisti da ogni angolo del pianeta e ospiterà anche quest’anno il Congresso internazionale dei locali da concerto e delle etichette indipendenti, la cui programmazione sarà svelata nel corso delle prossime settimane. La tradizionale cena inaugurale di mercoledì 31 maggio (in cui sarà assegnato il Primavera Award), i rilassati ricevimenti nell’assolato Pati de les Dones del CCCB e le sessioni di mentoring tenute da alcuni dei più importanti professionisti del settore, faranno parte, insieme al resto delle attività, di una combinazione irresistibile per qualsiasi persona coinvolta nel settore musicale, il tutto nel corso della già eccezionale settimana del Primavera Sound.

 

https://pro.primaverasound.com/

ANI DIFRANCO – Nuovo album e tour europeo (Italia inclusa)

ANI DIFRANCO NUOVO ALBUM E
TOUR EUROPEO (ITALIA INCLUSA)

Tra gli ospiti Justin  Vernon (Bon Iver),
Gail Ann Dorsey  e Tchad Blake 

 

Ani DiFranco annuncia il suo ventesimo album in studio “Binary” in uscita il 9 giugno sulla sua Righteous Babe Records. Con questo nuovo lavoro l’iconica cantante,  cantautrice, poeta, attivista e trendsetter  torna nei territori DIY che l’hanno resa famosa a livello mondiale più di venticinque anni fa. Ani, infatti, è stata una dei primi artisti a creare la propria etichetta nel 1990 ed è stata riconosciuta come simbolo femminista per la sua imprenditorialità, l’attivismo sociale e i testi espliciti e mirati. In un momento di caos globale e di confusione, la DiFranco va dritta al bersaglio con una serie di canzoni che offrono una vasta gamma di prospettive e di scenari musicali.

Ani DiFranco tornerà anche a suonare in Europa, dove manca dal 2014, con prestigiose partecipazioni al festival di Glastonbury e a quello del London Palladium, comprese le seguenti due date in Italia:  
4 Luglio – Villa Ada (Roma)
5 Luglio  – Carroponte (Milano)

L’album sarà disponibile dalla data di uscita su tutte le piattaforme digitali, in versione streaming o download, e nel merchandising del tour europeo estivo.

Grazie al portale PledgeMusic, i fan europei possono pre-ordinare l’album, nella versione CD o vinile. Come premio avranno immediatamente tre tracce in esclusiva e l’accesso a contenuti bonus dedicati. I fan potranno inoltre ordinare gadget speciali come libri con testi, T-shirt, poster serigrafati, borse, chitarre firmate e stampe esclusive.
Scritte prima delle elezioni del 2016, le canzoni di “Binary” sono segni profetici della situazione della politica americana attuale. Ani affronta la sfida e la necessita di insegnare la non-violenza in “Pacifist’s Lament” e il bisogno di più empatia in “Terrifying Sight”. “
Play God” è un grido di battaglia per i diritti riproduttivi e nella title track la DiFranco rivela il significato più ampio del disco: “questo principio binario fa eco in tutto il corpo” osserva Ani “con un orecchio noi sentiamo, ma solo con due orecchie possiamo percepire l’intero spettro di profondità e la posizione. Non riesco proprio a scrollarmi di dosso questo pensiero, che nulla può esistere veramente se non in relazione con qualcos’altro. Questa è l’origine di questa canzone e di questo album”.

La spina dorsale del suono di “Binary” è la sezione ritmica dei musicisti di lunga data di Ani, il bassista Todd Sickafoose e il batterista Terence Higgins, ma in gran parte dell’album questo rodato trio è arricchito da ospiti all-star come il virtuoso violista Jenny Sheinman e il mago delle tastiere Ivan Neville. Altri collaboratori sono il leggendario Maceo Parker, Jusint Vernon (Bon Iver) e Gail Anna Dorsey, bassista di lunga data di David Bowie. Il mix è stato affidato alle sapienti mani di Tchad Blake (The Black Keys, Pearl Jam tra gli altri) che ha portato con la sua impronta le canzoni ad altissimi livelli.

“Binary” rappresenta il primo album di una joint venture europea tra Aveline Records e Righteous Babe Records. L’etichetta Aveline Records è stata fondata nel Regno Unito nel 2016 da Ian Blackaby, Lizzie Evans della Evans Above PR e Immy Doman, co-fondatore dello storico locale Green Note a Camden Town (Londra)

Ani DiFranco ha trascorso gran parte del 2016 nel VOTE DAMMIT tour, collegato al voto per le elezioni amministrative, congressuali e presidenziali statunitensi. Nei giorni seguenti agli ormai noti risultati, i fan si sono rivolti a lei per rinnovare la loro carica, ansiosi di ascoltare la musica da sempre intrisa di saggezza dell’attivista di New Orleans.  Ani ha incoraggiato i fan a intraprendere azioni politiche, come ha fatto lei stessa suonando al party finale di beneficenza della marcia delle donne su Washington a marzo, con i The National e le Sleater Kinney

Ani sarà premiata con l’annuale Icon Award Independent presso la cerimonia Libera Awards dell’American Association of Independent Music nel mese di giugno.
 

http://facebook.com/anidifranco
http://righteousbabe.com/
www.anidifranco.com

Il Primavera Sound raddoppia il cartellone della musica elettronica

IL PRIMAVERA SOUND RADDOPPIA IL CARTELLONE DELLA MUSICA ELETTRONICA

Ben 62 gli eventi che riempiranno i due palchi di Primavera Bits, uno dedicato ai live e l’altro ai DJ set.

L’area contigua al Parc del Fòrum, vicino al lungomare di Sant Adrià de Besòs, raddoppia le sue dimensioni e la capienza del pubblico.

 

Le sonorità elettroniche incrementano la loro presenza nella programmazione artistica della diciassettesima edizione del Primavera Sound a Barcellona. Nel corso delle tre giornate principali dell’evento, da Giovedì 1 a Sabato 3 Giugno, il festival fornirà, col nome di Primavera Bits, una proposta musicale incentrata esclusivamente su questo genere. Come risultato di un’intensa collaborazione col Comune di Sant Adrià de Besòs, l’area si espanderà oltre il Parc de la Pau per includere la zona vicina alla spiaggia del Fòrum, un’ambiente naturale di erba e palme a pochi metri dal Mediterraneo.

Una programmazione giornaliera di 18 ore, senza sosta, che si terrà in un’area con un’estensione di 12mila m2 (5000 in più dell’anno scorso), raddoppiando così la sua capacità per arrivare a una capienza totale di 10mila persone. Novità importante per quest’anno è l’aggiunta di un secondo palco dedicato esclusivamente alle esibizioni live, che conviveranno con la sorprendente quantità di DJ set in programma.

Il già vastissimo cartellone è ora integrato dalla presenza del cantante e tastierista degli Hot Chip Alexis Taylor, dal giocoliere, tra techno e house, Jackmaster, Fairmont con la sua visione oscura e raffinata della dance music, l’alchimia gelida di Kiasmos in formato DJ set, i geni del dancefloor Marvin & Guy, il DJ house 4×4 Ian Pooley e Golden Bug con il suo fantasioso incrocio di techno e disco, oltre a set di artisti già presenti nel cartellone come !!! (Chk Chk Chk), Sinkane e Patrick Codenys (membro dei leggendari Front 242).

Il nuovo Desperados Club partirà a mezzogiorno e ospiterà l’ormai classico Bowers & Wilkins Sound System, confermando così la sua collaborazione con il festival. Con la straordinaria qualità audio che contraddistingue la prestigiosa marca di altoparlanti, la consolle sarà gestita da artisti eccezionali tra cui il rinomato DJ Dixon e un live show degli Âme, entrambi sull’etichetta tedesca Innervisions, John Talabot da Barcellona alla guida di uno showcase della sua etichetta Hivern Discs con uno speciale set disco, l’eclettismo da dance-floor dei DJ britannici Joy Orbison e Ben UFO, il fondatore della Kompakt Michael Mayer, la sorprendente eterodossia di Avalon Emerson, il divertimento disco e house di Kornél Kóvacs, i suoni underground di Aurora Halal, i bassi britannici di Pearson Sound, la techno con accenni acid di Matrixxman ed i nuovi arrivi di Kiasmos, Jackmaster, Patrick Codenys, Alexis Taylor e Ian Pooley.

Questo singolare spazio costruito con materiali organici e industriali sarà protagonista di una metamorfosi con l’arrivo della notte, quando un sistema di luci LED colorate creerà un’atmosfera unica integrando così la già evocativa esperienza uditiva e dance.

Ci sarà anche un considerevole aumento nel numero degli show grazie al nuovo palco Bacardí Live, sostenuto dalla storica casa del rum, che sarà dedicato ai concerti elettronici live. È su questo palco che vedremo alcune delle proposte più melodiche e per certi versi più vicine al pop, come HVOB, No Zu, Vox Low, Weval, Noga Erez e Marie Davidson, oltre a progetti più orientati verso il dance floor tra cui Bicep, Henrik Schwarz, KiNK, Recondite e Abdulla Rashim. Tutto questo senza dimenticare i sound più groove di artisti come Lord Of The Isles, Romare, Fatima Yamaha, Tuff City Kids, Moscoman e l’esclusiva presenza Wolfgang Voigt Gas, pioniere della fusione tra ambient e techno.

Nella corposa rappresentanza di artisti iberici risalta il ritorno live di Ferenc, sull’etichetta tedesca Kompakt, oltre al DJ set di una delle rivelazioni dell’anno in ambito della dance elettronica sperimentale, Pedro Vian. Insieme a loro, ci saranno anche le infallibili performance live di InnerCut e Sau Poler e le insuperate session di Shelby Grey, JMII ed i responsabili del negozio di dischi barcellonese Discos Paraiso a potenziare la già sorprendente scena locale, da sempre sostenuta dal festival.

Come nell’ultima edizione, l’area sarà collegata alla spiaggia attraverso un accesso vicino al Desperados Club, che sarà aperto da mezzogiorno alle 21, dove saranno disponibili asciugamani, docce e spogliatoi per tutti quelli che vorranno rinfrescarsi in mare. Le pietanze a disposizione potranno soddisfare tutti i gusti con una selezione di bar, food truck e l’area picnic. Allo stesso tempo, Casa Bacardí potrà fornire una vasta e varia selezione di cocktail.

Vale la pena segnalare anche che, benché la maggior parte della programmazione elettronica sarà concentrata in questa zona, coesisterà con gli altri generi nel cartellone riverberando in altri concerti come quello del maestro della sperimentazione Aphex Twin, i ritmi sempre più elettronici dei The xx, il neo-soul di Sampha, l’icona della dance music Grace Jones, i pionieri dell’industrial music Skinny Puppy, i re dell’EBM Front 242, il ritorno del duo Talaboman, i suoni atmosferici di Tycho, i nuovi progetti spagnoli Museless, Playback Maracas e SALFVMAN, i campioni dei club Dj Tennis e Marc Piñol, ed i S U R V I V E, la band americana sulla bocca di tutti grazie alla loro colonna sonora per la serie tv Stranger Things.

Potete già da ora ascoltare una selezione musicale degli artisti della programmazione Primavera Bits sul nuovo profilo Primavera Sound su Apple Music.
www.primaverasound.com/
 


BAUSTELLE – Spostamento data di REGGIO EMILIA


Foto di Gianluca Moro

Spostamento data di REGGIO EMILIA 

 

Il concerto dei Baustelle precedentemente annunciato per domani al Lime Theatre è stato spostato in data
 

11 aprile al

Palazzo dello Sport di Reggio Emilia
di Via Guasco 8

informazioni ed assistenza
Medial Live 0522 1473920
email: info@medials.com

L’allestimento del Palasport sarà fatto con tutti i posti a sedere cercando di mantenere la migliore qualità di spettacolo inizialmente prevista al Lime Theater e con la migliore  assistenza per il pubblico.

I biglietti già acquistati restano pertanto validi; chi desiderasse richiedere il rimborso potrà farlo nel punto di acquisto fisico dove acquistati oppure online, saranno rimborsati per intero inclusi i diritti di prevendita.

Medials Live comunica che il gestore delle Fiere di Reggio Emilia, contrariamente agli accordi presi, si è ripetutamente e pretestuosamente rifiutato di rendere disponibile il Padiglione D, dove si allestisce il Lime Theater, luogo in cui era previsto il concerto dei Baustelle dell’8 aprile 2017. 

Porgiamo quindi le nostre scuse ai circa 2mila spettatori che attendevano di assistere domani al concerto del tour più seguito della stagione.  
 

Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sulla pagina facebook www.facebook.com/PonderosaMusicArt/ e  www.facebook.com/medialslive/.
 

www.gibilterra.org

www.ponderosa.it

www.abuzzsupreme.it

“NIKKA & STRINGS, UNDERNEATH AND IN BETWEEN” il nuovo album di NIKKA COSTA

www.nikkacosta.com

“NIKKA & STRINGS,
UNDERNEATH AND IN BETWEEN”

IL NUOVO ALBUM DI
NIKKA COSTA

Arriva l’attesissimo nuovo lavoro della
Soul Singer americana
NIKKA COSTA

Data di pubblicazione: 2 giugno 2017
(Metropolis Recordings)

Include il singolo “Nothing Compares 2 U”
già in radio 

 

Il mio nuovo album ha preso forma un po’ alla volta, come un piccolo seme cresciuto grazie al lavoro di tutte le persone che hanno collaborato, mettendo generosamente a disposizione tempo, fede e talento. Tutto è cominciato raccogliendo un paio di idee per fare qualche concerto, mentre a margine ragionavo sui contenuti del mio prossimo disco. Poi le cose sono cresciute sempre di più, dando forma a un progetto incredibile! Non potrei essere più grata ed eccitata di così!”

In molti casi realizzare un nuovo album è come cercare di smuovere le montagne e anche per quanto riguarda le mie recenti canzoni è andata allo stesso modo. Poco dopo aver iniziato a lavorarci morirono due carissimi amici e poi morì il mio cane, che per me era un angelo. Per non parlare della pressione emotiva che ho subito cantando uno degli ultimi arrangiamenti realizzati da mio padre (Don Costa, morto nel 1983, ndr). Questo nuovo disco mi ha permesso di piangere e, allo stesso tempo, di fare un inno alla gioia. Spero che ascoltandolo, tutto questo si senta davvero. Per me è un regalo e sono felice di poterlo donare a tutti voi!”
 

Nikka Costa – Los Angeles, Marzo 2017

 

Nikka Costa all’età di 9 anni divenne una star internazionale con il brano (Out Here) On My Own. Ciò che la distingueva dalla massa di artisti in miniatura che, anziché giocare al parchetto con i coetanei, si mettevano dietro a un microfono, era che lei, la piccolo Domenica ‘Nikka’, si presentava come una vera professionista. La sua carriera continuò e nel 2001 la cantante arrivò nuovamente al successo internazionale grazie al sinuoso jazz-funk dell’album Everybody Got Their Something che conteneva la hit Like A Feather. Dal 2011, l’anno in cui uscì l’EP ProWoah, non si avevano notizie di Nikka Costa che oggi presenta Nikka & Strings, Underneath and In Between”, un nuovo lavoro che omaggia soul, funk e blues, arricchiti dai timbri classici di uno straordinario quartetto d’archi. Nikka è tornata sotto ai riflettori con una nuova selezione di canzoni che aggiungono, come mai prima d’ora, una visione intima e personale al suo stile unico.

Una delle fonti di ispirazione più affascinanti di questo nuovo album è l’arrangiamento originale di Come Rain Or Come Shine, un classico del repertorio di Frank Sinatra, arrangiato dal padre di Nikka, il maestro Don Costa. Le cose più importanti capitano spesso per caso e fu proprio per caso che Nikka, facendo ordine nel proprio ufficio, scoprì le partiture dell’arrangiamento di Don Costa, originariamente pensate per un’orchestra di 50 elementi. La cantante decise di fare una propria versione del pezzo ma, invece di coinvolgere una grande orchestra, invitò in sala d’incisione un quartetto d’archi. A partire da questa idea prese forma l’intero Nikka & Strings, Underneath and In Between.

Un altro pezzo forte del disco è l’omaggio a Prince, con un classico del genio di Minneapolis, Nothing Compares 2 U. Nell’autunno del 2015, sei mesi prima che Prince morisse, Nikka e la sua band eseguirono quel brano dal vivo in diverse occasioni. “È sempre stato una delle mie canzoni preferite” ha detto Nikka Costa, “È straordinaria, ha un messaggio chiaro e diretto. Eseguirla con il supporto degli archi le permetterà di tornare a essere importante per moltissime persone”.

Adesso, ogni volta che Nikka esegue in concerto la sua versione di Nothing Compares 2 U, si scatena qualcosa di emozionante e travolgente. “Tutti abbiamo un legame con Prince, qualcosa di speciale ed estremamente personale allo stesso tempo, indipendentemente dal fatto di essere fan o di aver avuto un rapporto di amicizia con lui”, spiega Nikka, “Quando canto Nothing Compares 2 U si genera sempre una carica emotiva indescrivibile”.

Prodotto da Justin Stanley (Eric Clapton, Prince, Beck, Jamie Lidell) e Bob Clearmountain (Bruce Springsteen, David Bowie, Rolling Stones) presso gli Henson Studios di Los Angeles, Nikka & Strings, Underneath and In Between è stato mixato dallo stesso Clearmountain, qui anche nelle vesti di sound engineer.

Una delle cose che colpiscono di più in questo lavoro è la sincerità di brani che permettono alla cantante di esprimere delicatezza, vulnerabilità, passione e una inattaccabile onestà di artista. Tutte le canzoni dimostrano che Nikka ha una modalità unica e originale di combinare soul, blues e funk, apponendo al tutto una firma inconfondibile.

Figlia del leggendario produttore e arrangiatore Don Costa (che lavorò, tra gli altri, con Sammy Davis Jr. e con l’inarrivabile Frank Sinatra), cresciuta a stretto contatto con la musica, all’età di 29 anni Nikka sorprese il mondo intero mostrando una inaspettata e intuitiva sensibilità per la musica soul. Fu questa sensibilità ad animare i brani del citato Everybody Got Their Something, un album che la collocò tra le migliori giovani voci del soul emerse nel terzo millennio.

In quegli anni Nikka andò in tour con Prince, Lenny Kravitz, Coldplay e Beck, incise con Mark Ronson, raggiunse la nomination agli MTV Music Award e piazzò ai vertici delle classifiche europee parecchi singoli. Nikka Costa ha una presenza scenica notevole, un’energia inesauribile e una voce che è stata paragonata – per potenza ed espressività – a quella di Janis Joplin, Chaka Khan e Sly Stone.

Nel nuovissimo Nikka & Strings, Underneath and In Between c’è anche un brano inedito, scritto a quattro mani con Justin Parker (Lana Del Rey). Lo spunto da cui nacque questa canzone di Nikka e Justin fu una conversazione tra i due autori che pensarono ai sentimenti che si provano quando perdiamo una persona importante. L’intenzione dei Due era far capire quanto può essere grande il rimpianto di chi si accorge che di avere ancora tanto da dire e da donare a una certa persona prima della sua morte. “ È importante parlare alle persone ed è importantissimo farlo quando sono ancora tra noi”, chiarisce Nikka. La collaborazione Costa-Parker ha dato vita a Arms Around You, un pezzo emozionante e struggente, vera ciliegina sulla torta di un album di grande bellezza.

 

TRACK LISTING

1. Nothing Compares 2 U – 5.20
2. Ain’t That Peculiar – 3.28
3. Love To Love You Less – 4.35
4. ComeRainOr ComeShine – 3.53
5. Cry To Me – 2.40
6. Arms Around You – 3:24
7. Headfirst – 5:20
8. Lover You Should Have Come Over – 6.44
9. Silver Tongue – 4.22
10. Don’t Let The Sun Catch You Crying – 3.41
11. Stormy Weather – 4:57

Pre-ordinate il nuovo disco di Nikka Costa su Amazon.co.uk e iTunes

Disponibile nei seguenti formati:
Standard CD Digipack con booklet di 8 pagine
Digital album (stream / download)
Vinile nero ad alta grammatura
Doppio vinile deluxe 12″, con copertina apribile e confezione speciale,
più vinile con registrazioni live e USB con performance live

 

NIKKA COSTA – ONLINE

Official Website – www.nikkacosta.com
YouTube – www.youtube.com/nikkasbox
Facebook – www.facebook.com/officialnikka/
Twitter – https://twitter.com/officialnikka?lang=en
Instagram – www.instagram.com/officialnikka/?hl=en

 Page 49 of 58  « First  ... « 47  48  49  50  51 » ...  Last »