La colonna sonora del Primavera Pro 2022: una playlist per viaggiare intorno al mondo. Her Skin, KOKO e Nother sono gli italiani

La colonna sonora del Primavera Pro 2022:
una playlist per viaggiare intorno al mondo

Her Skin, KOKO e Nother sono gli italiani

 

L’incontro internazionale del settore musicale riunirà a Barcellona
dal 2 al 12 giugno, 28 artisti da 10 paesi
 

 

Che gli showcase abbiano inizio. Per il Primavera Pro 2022 è stata creata una playlist infinita per viaggiare attraverso Europa, America Latina e Asia, grazie alla musica di artisti internazionali sia emergenti che già affermati. Allacciate le cinture di sicurezza o collegate le cuffie, che il viaggio abbia inizio.

Dal 2 al 12 giugno potremo ballare, come ai bei tempi, con 28 artisti di 10 paesi diversi. Tutto questo sarà possibile per i professionisti accreditati e il pubblico in generale, sul palco Day Pro del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona (CCCB) e sul palco Night Pro per chi al Primavera Sound nel Fòrum. Ci saranno anche diversi showcase nel programma di Primavera a la Ciutat. Vogliamo scorrere la lista?
 

 

Italia: Serenità e buon gusto
 
La comunione tra Italia Music Export, Puglia Sounds e Emilia Romagna Music Commission ha prodotto un trio di artisti che meritano di essere ascoltati. Barcellona accoglierà la malinconia di Her Skin, la dolce fragilità di KOKO e la pace elettronica di Nother. Oltre ai loro showcase al Day Pro e ai loro concerti al Night Pro, Italia Music Export, Puglia Sounds e Emilia Romagna Music Commission organizzeranno l’Italian Reception al Primavera Pro 2022 martedì 7 giugno.
 
Austria: Dalle chitarre all’indie pop
 
Austrian Heartbeats porta a Barcellona due delle band che si stanno già facendo un nome in Austria. I My Ugly Clementine, una band formata da 4 persone che si riuniscono per fare ciò che amano di più; suonare post-punk e vendicarsi. Saranno affiancati dagli ANGER con il loro indie pop arioso, che sarà perfetto con questo tempo.
 
Brasile: La bellezza dei sentimenti
La collaborazione tra Bananada, Nomade Festival Brazil e Primavera Pro è caratterizzata da tre band che sono nate e cresciute nella situazione pandemica che abbiamo vissuto e che verranno a Barcellona, con proposte molto diverse. Sentiremo il suono nostalgico dei Bala Desejo, la positività dei PLUMA e le melodie intime dei Tuyo.
 
Catalan Arts: Puro talento locale
 
Come ormai tradizione, la festa di benvenuto al Primavera Pro 2022 sarà ospitata da Catalan Arts, il marchio di internazionalizzazione dell’Institut Català de les Empreses Culturals (ICEC), con una botifarrada nel Pati de les Dones del CCCB. Nel pomeriggio di mercoledì 6 giugno, potrete ammirare tre fra gli artisti più emergenti della scena catalana: Ariox, con il suo piacevole pop da camera, l’elettronica queer di Bonitx e i testi taglienti di Julieta. Inoltre, Primavera a la Ciutat presenterà anche tutti i successi dance di The Free Fall Band.
 
Primavera Labels: L’esperienza è un fattore

Anche Primavera Labels si unirà alla scena catalana. A rappresentarli sarà il gruppo argentino e barcellonese STA. Con 15 anni di carriera alle spalle, possono ormai essere considerati maestri del dub.
 

Cile: Una varietà di suoni
 
La musica ricca e diversificata del Cile tornerà anche al Primavera Pro grazie all’alleanza con Chilemúsica. Il palco si riempirà di un aroma cileno di rock psichedelico mescolato con i ritmi tribali di Spiral Vortex, le tastiere electro pop di Entrópica e l’hip hop puro e fresco di Matiah Chinaski y DJ Pere
 
Primavera Labels: Due potenti auree sono in arrivo
 
I vicini di BASQUE. MUSIC. hanno preparato un cocktail celebrativo. Porteranno a Barcellona l’estatica presenza sciamanica di MICE e la magia post-folk di Eneritz Furyak. E noi non vediamo l’ora di vederli.
Grecia: Creare orizzonti
 
La proposta di Gre.Ex Music Office/Music Export Greece per questa edizione di Primavera Pro è chiara: mescolare gli stili non è un problema. Combinando l’elettronica con la classica, Theodore creerà l’atmosfera con il suo post-rock anni ’80 e synth-wave. E il cantante greco-americano Leon of Athens creerà diversi paesaggi sonori.
 
Irlanda: È tutto nel mix
 
Dall’isola verde arriva Music From Ireland con un portfolio pieno di buoni artisti. La loro delegazione quest’anno vedrà Pastiche e lo scintillante pop di Dublino, Bobbi Arlo con il suo talento feroce e impertinente, le hit neo-soul di Tomike, i brillanti rumori grezzi di M(h)aol e l’art-punk Made In Cork di Pretty Happy.
Lituania: Musica senza vergogna
 
Quest’anno l’associazione musicale lituana porta una di quelle band che incarnano il più puro stile riot grrl e che ti faranno urlare e gridare; gli shishi. Come loro stessi dicono: “La nostra musica è perfetta per le persone che si preoccupano di quello che sta succedendo, anche se non sanno davvero cosa sta succedendo“.
 
Taiwan: La personalità è nei testi

Taiwan quest’anno rappresenterà il continente asiatico quest’anno, grazie a 9-kick, LUCfest, Ministry of Culture, Taiwan, Taipei Economic and Cultural Office in Spain. Conosceremo le taglienti rime positive di Trout Fresh e i testi della cantautrice folk Lücy, con il suo diario personale che ti trasporta nel suo bel mondo interiore.

 

 

Gli Showcase in cifre

L’impegno del Primavera Pro è stato sempre di mostrare la maggior diversità possibile sui suoi palchi. Al microfono e agli strumenti, quest’anno avremo un totale di 11 cantanti e gruppi formati esclusivamente da donne (39,29% del totale). Inoltre, abbiamo due band queer e cinque band di genere misto. Questo significa che 19 delle 28 band, il 67,86% del totale, sono composte da donne e/o persone che fanno parte del collettivo LGTB. Non siamo qui per creare quote o uguaglianze, siamo qui per rappresentare la realtà.

 

Primavera Pro 2022:
uno sguardo al futuro della musica

 

 

 Avete mai voluto prevedere il futuro? Al Primavera Pro hai l’opportunità di farlo. Dal 6 al 9 giugno presso il Centre de Cultura Contemporània de Barcelona (CCCB), con la scusa di riunire i professionisti dell’industria musicale, si cercherà di rispondere a tutto ciò che succederà nel settore. Con l’Impegno di realizzare questo obiettivo, questa edizione ha riunito alcuni dei nomi internazionali più importanti del settore musicale, insieme a quegli artisti emergenti che detteranno le tendenze future.
 
    
Il miglior modo per conoscere il futuro è ascoltare la sua voce
È ormai chiaro che quest’anno il Primavera Pro si è concentrato sull’avanguardia. Se c’è una persona che sa come rompere le tendenze, cosa che fa da molto tempo, non è altri che John Waters. Non solo ha cambiato il volto del cinema e della letteratura, ma lo ha fatto anche nel settore musicale attraverso il suo pluripremiato spoken word e le colonne sonore dei suoi film. E chi meglio di Samantha Hudson per accompagnarlo e parlare di come distruggere i cliché del buon gusto musicale? È un’accoppiata perfetta!

Quando si parla di avanguardia, si tende sempre a pensare a quello che succede negli Stati Uniti e in Europa, ma la nostra attenzione va anche oltre l’Occidente. Per vedere cosa sta succedendo in Asia, America Latina e Africa, Chenta Tsai, Gabber Modus Operandi, RUI HO e Eastern Margins parleranno di forme non occidentalizzate di rave, e Sama’ Abdulhadi e Sassouki Salma parleranno di frontiere e techno. Inoltre, per guardare al futuro del settore musicale, saranno presenti alcune delle etichette discografiche con i suoni più avanzati, come Nyege Nyege, Year0001 e SVBKULT, e i rappresentanti delle stazioni radio online che trasmettono in perfect future: Femi Adeyemi (NTS), Kikelomo Oludemi (Radio Oroko), Elias Anastas (Radio Alhara) e Marta Salicrú (RPS).

Nei quattro giorni del Primavera Pro al CCCB, si svolgeranno molte attività alla ricerca di decifrare il futuro che ci aspetta. Ci saranno rappresentanti di professioni che stanno assumendo un nuovo significato all’interno dell’industria: dai music supervisor come Jen Malone (Euphoria), Ciara Elwis (I May Destroy You), Letizia Pacchioni (Mood) e Jonathan Cohen (Music booker di The Tonight Show Starring Jimmy Fallon), a chi,  come Soraya Brouwer, si occupa di come entrare con successo nelle piattaforme musicali.

Il ciclo di femminismo intersezionale Insumises del Primavera Pro 2022 è curato da Personaje Personaje. Con la sua esperienza in materia di travestitismo, dissidenza sessuale e processi migratori, ha riunito alcuni dei nomi che meglio possono spiegare queste esperienze. Un incontro che racchiude il mondo travesti dall’infanzia all’educazione.

Dominique Jackson, attrice di Pose, parlerà del mondo trans oltre i riflettori di sale da ballo e carnevali. Nadia Granados, Missex e Lo Maas Bello spiegheranno come la danza e il canto possano essere uno strumento di protesta sociale. E Camila Sosa Villada e lo stesso Personaje Personaje discuteranno perché la ninna nanna può essere uno strumento rivoluzionario.

L’organizzazione no-profit A Greener Festival riceverà il Primavera Award 2022. Con una lunga esperienza nell’analisi dello sviluppo sostenibile, questa organizzazione ha iniziato nel 2005 con la sua prima ricerca ambientale nel settore musicale. Finora ha collaborato con festival ed eventi internazionali come Glastonbury Festival, ILMC, Manchester Pride e lo stesso Primavera Sound.

L’impegno del Primavera Pro per la musica dal vivo è stato presente in tutte le sue edizioni. I club, le sale da concerto e gli spazi culturali, così bruscamente svuotati dalla pandemia, sono sempre stati luoghi di trasformazione sociale dove si sono generati spazi per il dialogo. In collaborazione con l’ASACC (Association of Concerts Venues of Catalunya), discuteremo della stigmatizzazione del clubbing da parte delle amministrazioni pubbliche e degli strumenti che i locali musicali possono utilizzare per proteggersi.
Il futuro delle entrate digitali

Al Primavera Pro 2022 inaugureremo le Digital Licensing Sessions, parlando di licenze digitali in collaborazione con Unison, approfondendo con diversi professionisti dell’industria musicale il futuro del copyright online. Gli esperti parleranno delle implicazioni normative riguardo gli NFT, dei modelli di licenza sulle piattaforme di streaming e degli UGC (User Generated Content), dei metadati, della monetizzazione online per i musiciti e i nuovi fondi di investimento e finanziamento per i titolari dei diritti.

Il Primavera Pro avrà luogo tra il 2 e il 12 giugno 2022 presso il Centre de Cultura Contemporània de Barcelona (CCCB) e nel Fòrum. I biglietti per la conferenza Primavera Pro sono ora disponibili. Per 60€, potrai accedere a tutte le attività programmate al CCCB dal 6 al 9 giugno.

 

www.primaverasound.com/en/barcelona/primavera-pro

I Satoyama presentano le date del tour estivo e il video dedicato al nuovo album “Sinking Islands”

I Satoyama presentano le date

del tour estivo e il video dedicato

al nuovo album “Sinking Islands”

uscito per Auand Records

Guarda il video “Cos’è Sinking Islands”

 

Satoyama annunciano le date del tour estivo che li porterà in giro per lo Stivale per presentare “Sinking Islands”, il quarto album della band piemontese uscito il primo di aprile per Auand Records.

Questi sono i concerti confermati al momento, il calendario è in continuo aggiornamento:
11/05  Mare Cultura Urbano @ Milano
03/06  Polimorfa Festival @ Alice Superiore
05/06  Cinefest @ Andrate
18/06  Emisfero Destro @ Ivrea
30/07  Fano Jazz Festival @ Fano
06/08  Not to Know Festival @ Recanati
21/08  Musica sulle Bocche @ Castelsardo
04/09  Evento Privato @ Monferrato
1-15/10  Francia, Svizzera e Germania TBA

 

Per l’occasione i Satoyama hanno confezionato un video dove tutti i membri della band raccontano il concept e la genesi del nuovo album, ancora un volta dedicato alle urgenze del nostro pianeta, tematiche da sempre al centro della musica e dell’impegno della band.
 

Guarda il video “Cos’è Sinking Islands”

 

“Sinking Islands”, come ci dice il titolo, ci parla dell’innalzamento del livello dei mari e del destino che accomunerà luoghi lontani e poco conosciuti insieme a città e grandi metropoli. 
Ogni brano del disco porta il nome di una realtà che affonderà se non si applicano cambiamenti repentini: Tuvalu, Palau, Kiribati ma anche la più familiare Venezia.
E’ lo spirito dei sognatori che parla dritto all’anima. 
E’ lo sguardo delle anime che non si arrendono alla corrente apatica e immobile della società che ci vuole sdraiati e immutati di fronte al climate change.
E’ un disco che invoca un racconto di romantico rincontro tra la natura e l’uomo nella sua espressione migliore e più alta: la bellezza.

Il nuovo album prosegue il cammino intrapreso dal precedente “Magic Forest”, ottimamente accolto dalla critica ed incluso tra i migliori 100 dischi dell’anno dalla rivista JAZZIT, e dal progetto “Build a Forest” che attraverso il primo tour ad impatto zero li ha portati, grazie al supporto di Siae, Mibact e Fano Jazz Network, a suonare lungo tutta la Russia promuovendo un nuovo modo di vivere la musica ed il lavoro dell’artista. Una straordinaria esperienza da cui è stato creato il docu-film “Rails”.
Ogni concerto dei Satoyama, aiuta a finanziare un progetto di sostenibilità. Una scelta concreta che mira a costruire, attraverso la musica, un mondo più equo e sostenibile.

Link:
www.satoyama.eu
www.facebook.com/satoyamaquartet
auand.com

 

 

Il cartellone completo del WØM FEST 2022 – Il 3 e il 4 giugno nel parco di Villa Bottini a Lucca

WØM FEST 2022

Il 3 e il 4 giugno nel parco di

Villa Bottini a Lucca con:

BNKR44 – POP X

EMMANUELLE – PSEUDOSPETTRI

ADELASIA – HINDYA

 

Torna il WØM FEST nel parco di Villa Bottini a Lucca, il 3 e il 4 giugno, dopo lo storico sold-out del 2019 con i FASK e il successo dell’edizione invernale 2021 C’MON FEEL THE NOIZE che ha registrato più di mille presenze nelle sale del Foro Boario.

Il WØM FEST 2022 prosegue il suo viaggio nella nuova scena musicale italiana presentando una selezione di artisti tra i più interessanti del panorama nazionale. Tre progetti musicali a sera si alterneranno sul Main Stage dalle 20.30 mentre, dalle 19.00, la musica accenderà il Second Stage, grande novità di questa edizione, la cui direzione artistica verrà curata dal collettivo lucchese Creative Hub e che vedrà protagonisti nuovi volti della scena musicale locale e non.

Gli headliner sul Main Stage della prima giornata saranno i BNKR44, giovane collettivo tra i principali attori della nuova onda musicale Italiana, in arrivo a Lucca per presentare “FARSI MALE A NOI VA BENE”, un manifesto della perseveranza di sette ragazzi dell’infinita provincia italiana, disposti a mettere tutto in gioco per rendere concreta la loro visione artistica e diffonderla nell’universo. Prima di loro Emmanuelle, misteriosa musicista cosmopolita metà producer e metà chanteuse nata a Rio, responsabile della hit “Italove” con oltre dieci milioni di ascolti, e Adelasia, classe 1995 e nata a Lucca, ma romana d’adozione, che nella musica ha incanalato la sua vena creativa.

Protagonista indiscusso sul Main Stage nella seconda giornata, invece, sarà POP X, uno dei progetti più seguiti della nuova scena indipendente italiana e nome da avere in cartellone questa estate per celebrare il ritorno completo all’esperienza del live come festa e rito di condivisione. A scaldare il pubblico prima di loro ci penseranno gli Pseudospettri, progetto omonimo della pseudo-etichetta Italiana basata sulla cultura Post-Internet, e Hindya, 23enne electro-soul italo/britannica di base a Firenze che celebra l’inizio della collaborazione tra il WØM FEST e lo storico Rock Contest di Controradio, uno dei concorsi musicali più longevi del paese e dal quale, negli anni, sono passati artisti come Samuel e Boosta dei Subsonica, gli Scisma di Paolo Benvegnù, Irene Grandi, Offlaga Disco Pax e molti altri.

Area Expo
Nel parco di Villa Bottini torna anche la zona “mercatino” composta da un’area espositiva dedicata a giovani artisti del territorio tra illustratori, fumettisti, artigiani e da un’area nella quale si potranno acquistare vinili, abbigliamento vintage e molto altro.
Chi è interessato a riservarsi un posto nell’Area Expo, potrà candidarsi compilando l’apposito form sul sito ufficiale del festival: https://womfest.it/

Area Food/Drink
Nuove collaborazioni anche per quanto riguarda la zona ristoro, nella quale si potranno bere birrette rinfrescanti e drink corroboranti a cura dello staff di Ottavo Nano e degustare i vini della nota azienda vinicola lucchese La Badiola oltre a prelibati cibi espressi, grazie anche alla collaborazione con ConfCommercio di Lucca e Massa Carrara.

 

Costo singola serata 17 euro

Costo abbonamento per entrambe le serate 30 euro

Le prevendite sono disponibili su DICE.

Gli artisti del WØM FEST 2022
 

DAY 1
Venerdì 3 Giugno 2022 @ Villa Bottini di Luca

 

MAIN STAGE

BNKR44 ore 22,00
I BNKR44 sono un giovane collettivo tra i principali attori della nuova onda musicale Italiana, in arrivo a Lucca per presentare “FARSI MALE A NOI VA BENE”, un manifesto della perseveranza di sette ragazzi dell’infinita provincia italiana, disposti a mettere tutto in gioco per rendere concreta la loro visione artistica e diffonderla nell’universo. La molteplicità di influenze che caratterizza il gruppo si riflette nel nuovo lavoro che, nonostante le molte collaborazioni, risulta unico e riconoscibile, lasciando intravedere un nuovo orizzonte.
https://www.instagram.com/bnkr44/

Emmanuelle ore 21,00
Nata a Rio, cresciuta a Miami e attualmente di base a Milano, Emmanuelle è una misteriosa musicista cosmopolita metà producer e metà chanteuse. Il suo è un songwriting dall’approccio eclettico, nostalgico e sognante, in continuo viaggio per paesaggi ipnotici lontani dalla monotonia quotidiana. Con un mix irresistibile di melodie sofisticate, sensualità, dance, house, italo-disco e voglia di sperimentare, i suoi brani, come “Italove” con oltre dieci milioni di ascolti, sono diventati vere e proprie hit trasversali suonate nei dancefloor delle serate più alternative di tutta Europa, dalle radio più attente e dalle case di moda che hanno iniziato ad utilizzarli sulle passerelle di mezzo mondo.
https://www.instagram.com/helloemmanuelle/

Adelasia ore 20,30
Adelasia è il suo vero nome ed è una cantautrice. Classe 1995, nata a Lucca ma romana d’adozione. Figlia di artisti, nella musica ha incanalato la sua vena creativa. Dopo il trasferimento nella Capitale, si dedica allo studio della chitarra e inizia a scrivere le prime canzoni per comunicare quello che le riesce difficile esprimere, come: la fine di un sentimento, l’annuncio di un addio, la descrizione di un malessere.
https://www.instagram.com/adelasia__/

 

SECOND STAGE ore 19/20,30
OPEN MIC con Gaddel, Maca, Giulia e Niveo

 

DAY 2
Sabato 4 Giugno 2022 @ Villa Bottini di Luca

 

MAIN STAGE

POP X ore 22,00
POP X, uno dei progetti più seguiti della nuova scena indipendente italiana. ll suo è “per eccellenza” il nome da avere in cartellone questa estate per celebrare il ritorno completo all’esperienza del live come festa e rito di condivisione. Dopo aver fatto registrare il tutto esaurito nelle sei date del club tour di aprile per presentare l’uscita dell’ultimo album “Enter Sandwich”, pubblicato da Bomba Dischi, a cui ha fatto seguito un remix contenente due versioni live e quattro rework realizzati da artistə della neonata scena hyperpop italiana (Hello Mimmi, Troyamaki, Ermete Diara, Kuzu, Aegeminus e b.estye), il multiforme progetto POP X questa estate tornerà in tour con gli incredibili concerti a cui ci ha abituato. Uno show completamente rinnovato e d’impatto che ripercorrerà canzoni storiche e nuove estratte dalla sua ormai quindicennale carriera. A farla da padrona sarà come sempre l’approccio performativo.
https://www.instagram.com/pop_x_uffff

Pseudospettri ore 21,00
Pseudospettri è il progetto omonimo della pseudo-etichetta Italiana basata sulla cultura Post-Internet. Confluisce diversi generi: dall’elettronica all’hyperpop, passando per l’RnB e l’Autostrada del Sole. Mastica un po’ di rumorismo qua e là, con poche intenzioni a lasciare briciole sul palco, ma solo nastro isolante e vestiti.
https://www.instagram.com/pseudospettri

Hindya ore 20,30
Hindya, 23enne italo britannica nasce a Firenze. Dal background soul, R&B, si cimenta nell’ultimo anno in un EP dal sound electro-soul. Il suo primo pezzo all’attivo è stato “Strange”, uscito il 1 Gennaio 2021, in collaborazione con quintoquarto studio, presente su tutti i digital store.
https://www.instagram.com/_hindya

SECOND STAGE ore 19/20,30
OPEN MIC con Nomida, Maurizia, Ilcorve e Follia

 

CON IL CONTRIBUTO DI
Comune di Lucca
Fondazione CRL
Fondazione BML

PARTNER
ConfCommercio Lucca e Massa Carrara
Ottavo Nano
Audi Center Terigi
Lucca Promos
The Lands of Giacomo Puccini
FRATRES Consiglio provinciale di Lucca e Piana
Azienda agricola La Badiola
ACI Lucca
Rock Contest (Controradio)
KeepOn Live

PRODOTTO DA
Associazione WOM

 

 

web: https://www.womfest.it
fb: www.facebook.com/wommovement
insta: www.instagram.com/wom_fest

I JoyCut presenteranno in nuovo album in anteprima al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna con una installazione multi-percettiva

I JoyCut presenteranno

il nuovo album in anteprima al

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna

con “i n t o t h e B L U”

una installazione multi-percettiva

venerdì 20 maggio 2022

 

Dopo aver annunciato l’uscita del nuovo album 

TheBluWave_
[TimesWhenSilenceIsAPoem_
TheIceHasMelted_
AndBleedingGlaciersFormOurTears]_

atteso il 5 giugno in formato digitale e dal 10 giugno in formato fisico per PillowCase – 伊達直人, i JoyCut ne rivelano i contenuti, offrendo una esperienza dalla formula inedita, una installazione sonora titolata “i n t o t h e B L U” in anteprima esclusiva il prossimo 20 Maggio ore 19.30, presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, all’interno della Sala delle Ciminiere.
I posti disponibili per partecipare all’evento sono limitati ed è necessario registrarsi.

GUARDA L’INVITO E PARTECIPA ALL’EVENTO

 

“ThePlasticWhale_”, il primo brano estratto dal nuovo album, è presente nella compilation EARTH/PERCENT uscita per la giornata Mondiale della Terra, nell’ambito dell’iniziativa lanciata da Brian Eno per sensibilizzare gli artisti e il pubblico sull’impatto ambientale dell’industria musicale.

“ThePlasticWhale_”
nella compilation EARTH/PERCENT

 

“Il nuovo album è finalmente pronto, vivissimo | Un processo di elaborazione che va dalla Biennale di Venezia all’esecuzione esclusiva per il Robert Smith’s Meltdown_

Un intreccio di saturazioni orchestrali e dilatazioni sonore intrise di paesaggi ritmici narrativi, passaggi commoventi che sottovoce mirano alla leggerezza, alla liberazione da questa civiltà | C’è molto Oriente, Africa, c’è assenza, c’è sublime, eppure la profondità di questi abissi ideologici non intimorisce, anzi, ci chiede di sbirciare, di avvicinarci”_

“Nove anni di apparente silenzio | si è urlato, contemplato l’orrore, perso cari e celebrato creature, vissuto, valicato colonne e raccolto appunti di viaggio_
È tempo di scovare nuovi ed ulteriori delicatissimi rifugi interiori, riscoprendo luoghi a dimensione di sguardo, all’interno dei quali ogni distanza sia vinta_
Gli unici possibili dove eseguire e rappresentare il B L U_

Come onde del mare sul disastro”_
 

TRACKLIST:
1- TheFirstSong_
2- Darwin_
3- Ungaretti_
4- SAUN_
5- Novembre13_
6- BluTokyo_
7- ThePlasticWhale_
8- Komorebi_
9- Francis&Violet_
10- Lisantrope_
11- Siberia [BeforeTheFlood]_
12- Antropocene_
13- Plato|SHIRAKABA [TheSmileOfTheSun]_

 

QUI il pre-order del nuovo album dei JoyCut

  QUI il pre-save del nuovo album dei JoyCut
 

 

www.joycut.com

www.facebook.com/JoyCutOfficial

www.instagram.com/joycutofficial

https://twitter.com/joycutofficial

Torna Kazemijazi con il nuovo album “New Alien”

Torna Kazemijazi

con il nuovo album “

New Alien”

in uscita il 17 giugno 2022

 

 

A pochi mesi di distanza dal precedente “Music for Blind People”, il 17 giugno 2022 vedrà la luce “New Alien” il nuovo album in studio di Kazemijazi, cantante italo-iraniano-britannico, polistrumentista e produttore discografico.

Kazemijazi racconta la genesi del suo nuovo album: “Lo scorso anno ho completato le session di scrittura e di registrazione per quello che doveva essere il mio nuovo album. Avevo 16 nuovi brani, e mi resi conto che avevo abbastanza materiale per 2 album. Alcune delle canzoni avevano temi affini e così ha preso forma Music For Blind People, ma la scaletta formata dai brani che erano rimasti fuori, mi è sembrata da subito perfetta per New Alien. Le canzoni erano più dirette e ne hanno fatto un album più semplice e asciutto.

Uno dei due brani che ho scritto in italiano, We Will Discover The Consciousness, avevo pensato di farlo cantare a qualcun altro. Poi invece il brano dentro di me ha preso una dimensione diversa e ho deciso di cantarlo io. Mi fa sorridere che oggi quasi lo veda tra un inno da stadio e una improbabile pubblicità di una birra. L’altro brano, Europa invece è un vecchio brano che scrissi sugli scogli a Saint Raphael, in Francia. Quando l’ho ripreso per New Alien mi ha riportato alla mente dei bei ricordi.”

New Alien parla della sensazione di ISOLAMENTO, e del modo in cui Kazemijazi guarda un mondo ALTERNATIVO, senza aver paura di esprimere la sua vera identità anche se questa non è conforme al pensiero generale. Il fine è sempre quello di scoprire chi siamo veramente senza rischiare di compromettere le nostre bellissime diversità.

New Alien è la firma sonora di Kazemijazi, rappresenta in pieno il suo essere e la sua visione musicale, frutto di tante esperienze, anche molto difficili, vissute nel suo percorso.

 

Fb https://m.facebook.com/kazemijazi/

Ig https://www.instagram.com/kazemijazi/

Yt http://www.youtube.com/c/Kazemijazi

 

 

OUMOU SANGARÉ – Esce oggi il nuovo album “Timbuktu” per World Circuit/BMG

OUMOU SANGARÉ

ESCE OGGI IL NUOVO ALBUM

“TIMBUKTU”PER WORLD CIRCUIT/BMG 

Foto di Holly Whittaker

 

La superstar globale Oumou Sangaré pubblica oggi il suo nuovo album in studio “Timbuktu”. Dell’album e della sua pubblicazione, Oumou ha detto: “Ho bisogno di cantare Timbuktu per liberare me stessa prima di tutto e per sostenere e mostrare al resto del mondo il valore di Timbuktu e ciò che rappresenta per noi maliani e per l’umanità in generale”.

ASCOLTA E ACQUISTA L’ALBUM QUI

L’album include il recente singolo “Wassulu Don”, una gioiosa espressione dell’orgoglio della città natale di Oumou, che è stato recentemente inserito in playlist da BBC 6Music ed è accompagnato da un bellissimo video diretto da Justyna Obasi e girato in Ghana. 

GUARDA IL VIDEO DI “WASSULU DON”

Oumou sarà in tour con la sua band per tutta l’estate e l’autunno 2022.
Tra le date confermate, oltre alle due in Italia il 23 settembre al Festival au Désert Firenze e il 24 settembre al Festival Ethnos di Napoli, la Sangaré suonerà alla Queen Elizabeth Hall di Londra il 15 giugno e parteciperà al Meltdown Festival di Grace Jones e al Blue Dot Festival.

Registrato in vari luoghi (Stati Uniti, Mali e Francia) e co-prodotto da Pascal Danaë e Nicolas Quéré, “Timbuktu” contiene le prime tracce inedite della cantante maliana dall’uscita dell’album acclamato dalla critica “Mogoya” del 2017. Il recente singolo “Wassulu Don”, una gioiosa fusione tra il caratteristico suono maliano di Oumou ed elementi di blues e rock, è stato presentato in anteprima in occasione della Giornata Internazionale della Donna con uno splendido video diretto da Justyna Obasi e girato in Ghana.

La Sangaré è famosa in tutto il mondo per la sua musica vibrante e potente, che spesso contiene messaggi rivoluzionari su temi come i diritti delle donne, tradizione e povertà. Dall’uscita del suo album di debutto “Moussoulou” nel 1989, la cantante maliana non ha avuto tregua. Tra le tappe più importanti del suo ricco e fruttuoso viaggio troviamo alcune delle registrazioni più importanti nella storia della musica africana contemporanea: “Ko Sira” (1993), “Worotan” (1996) e “Seya” (2009), quest’ultimo nominato per un Grammy Award. Contando tra i suoi fan artisti del calibro di Alicia Keys, Aya Nakamura e Beyoncé (che ha campionato il classico “Diaraby Nene” per la colonna sonora del film Il Re Leone del 2019), Sangaré ha da tempo rotto le barriere che separano i continenti e gli stili musicali.

“Timbuktu” è l’ultimo atto di una epopea musicale senza precedenti, che consacra un’artista che è venuta fori dai quartieri poveri di Bamako per diventare una musicista di fama mondiale e un’attivista (per il suo instancabile lavoro sul progresso sociale e lo sviluppo culturale, har icevuto i prestigiosi titoli di Goodwill Ambassador per l’organizzazione delle Nazioni Unite Food & Agriculture organisation, Comandante dell’Ordine nazionale del Mali e Chevalier della cultura in Francia).

Un approccio sonoro audace, che fonde il dinamismo dei ritmi tradizionali Wassulu con il linguaggio della musica contemporanea. “Timbuktu” è destinato a diventare il lavoro più ambizioso e compiuto nella su discografia già notevole.

La musica è dentro di me“, dichiara Oumou. “Senza di essa non sono niente e niente può portarmela via! Ho messo la mia vita in questo disco, tutta la mia vita, questa vita in cui ho conosciuto la fame, l’umiliazione della povertà e della paura, e da cui oggi traggo gloria“.

Oumou Sangaré tornerà in Italia a settembre per due date live:
23 settembre – Festival au Désert Firenze
24 settembre – Festival Ethnos Napoli

 

Fusing West African tradition with blues, folk and rock, the result is Sangaré’s
most ambitious album to date.

UNCUT 8/10

“…a euphoric piece of music
New York Times

If you’ve never sampled Oumou Sangaré before, Timbuktu is the perfect entrée… she’s delivered her most accessible album yet, perhaps even her best.
4/5 MOJO

An artist I absolutely adore… couldn’t be more grateful for this
LAUREN LAVERNE BBC 6MUSIC
 

Timbuktu” tracklist:

  1. Wassulu Don
  2. Sira
  3. Degui N’Kelena
  4. Gniani Sara
  5. Timbuktu
  6. Sarama
  7. Kanou
  8. Demissimw
  9. Kêlê Magni
  10. Dily Oumou
  11. Sabou Dogoné

Oumou Sangaré – Date del tour confermate: 

13 maggio – Hannover, DE – Staatsoper
15 maggio – Parigi, FR – La Cigale
11 giugno – Gotenborg, SE – Festival Clandestino (at Pustervik)
14 giugno – Bruxelles, BE – AB
15 giugno – Londra, UK – Royal Festival Hall (Meltdown Festival)
18 giugno – Praga, CZ – Respect Festival
19 giugno – Liverpool, UK – Africa Oye
06 luglio – Amsterdam, NL – Concertgebow
23 settembre – Firenze, IT – Festival Au  Désert Firenze
24 settembre – Napoli, IT – Festival Ethnos

10 novembre – Bordeaux, FR – Rocher du Palmer

 

www.worldcircuit.co.uk / www.bmg.com

 

 

Chiara White – Al via a maggio il “Pandora tour”

Chiara White

Al via a maggio il

“Pandora tour”

 

 

A distanza di un anno dall’uscita di Pandora, il secondo disco di Chiara White per la Suburban Sky Records, a maggio prenderà il via il “Pandora tour” che vedrà la cantautrice esibirsi, in solo o con musicisti ospiti (tra i quali Giulia Nuti alla viola e Vincent Vitale al piano e alla chitarra), su più vari palcoscenici in Italia e all’estero.

Spiccano tra queste date il 2 maggio al British Institute di Firenze, per Songwriters in the Round, in compagnia della statunitense Patti DeRosa, il 6 maggio al Caffè Letterario Volta Pagina di Pisa, il 19 maggio al Giardino delle Rose di Firenze per il giovedì poetico, il 9 giugno al Circolo Arci La Gora (Galluzzo, Firenze), il 2 luglio all’Arthur’s bar (Ancona) e poi ancora al Circolo Arci San Niccolò, al caffè letterario Le Murate (assieme alla collega Eleonora Betti) fino a Barcellona durante l’estate.

Il calendario è in continuo aggiornamento e consultabile sui canali social dell’artista, che dichiara: “Mi sono fermata… per tanto, troppo tempo. I miei mostrini mi hanno tenuta in ostaggio per un po’… Pandora/Eva, dopo aver aperto il vaso, non ancora soddisfatta, ha mangiato la mela…li ho odiati, combattuti e poi alla fine accettati e anche amati. Ci vogliono braccia molto allenate e un cuore molto ampio per poterli abbracciare, perché a volte sono davvero cattivucci…e fanno veramente incazzare. Ma, per il momento, la pace è tornata, li ho coccolati abbastanza dentro di me ed è giunta l’ora di farli uscire su un palco e farvi finalmente ascoltare il mio ultimo disco, Pandora, dal vivo! Questo è quello che vi aspetta:
https://youtu.be/Y0cYp-XTlY0
(video del live registrato al Circolo Arci Progresso Firenze con La Chute associazione culturale)”

Pandora, registrato al Plastic Sun Studio di Firenze da Guido Melis (Diaframma, Underfloor), è stato anticipato dal singolo Neroseppia, finalista alla XVI edizione del Premio Bianca d’Aponte, brano che affronta il mostro della depressione:

ASCOLTA/GUARDA IL VIDEO

 

Sono infatti i mostri i protagonisti di questo nuovo lavoro: un concept album, ispirato al mito di Pandora, in cui ogni canzone trasforma e trasfigura esseri mostruosi dell’immaginario collettivo, afferenti alle più svariate culture (da quella classica, greca, alla nordeuropea), facendone nuovi e moderni simboli. Uno scontro coi propri demoni che, attraverso l’introspezione e la musica, diventa incontro e, quindi, catarsi e liberazione.

«I mostri sono parte di noi, le nostre parti più scomode, spaventate, ribelli. Intrappolate dai condizionamenti sociali o da quelli che noi stessi ci imponiamo. Sono quelle voci, spaventate o arrabbiate, che urlano o bisbigliano… quasi sempre inascoltate (come quel bianco del mio primo disco). Sono il fango che tutti ci portiamo dentro e costantemente cerchiamo di ignorare. Ma il fango è fertile e ci rende vivi, ci rende esseri umani (in moltissime culture la donna e l’uomo nascono proprio dalla terra, dall’argilla). E quelle voci, sono la parte più vera, autentica, di noi. Io ho deciso di dare spazio ai mostri nella mia vita, di provare ad integrarli, perché voglio essere intera…
Nietzsche diceva ‘tu ti vuoi creare un Dio dai tuoi sette demoni’»

 

Chiara Cavallina, in arte Chiara White (dal cognome della madre, di origine inglese), è cantautrice e artista fiorentina.

Dall’esordio discografico (Biancoinascoltato), diversi i riconoscimenti ottenuti: vincitrice del premio Zonta per la miglior canzone d’autrice e di Glocal Sound-Giovane Musica d’autore in circuito 2018, semifinalista al Premio De Andrè e ad AreaSanremo 2018 e finalista al Proscenium Festival 2019. Infine, finalista alla XVI edizione del Premio Bianca D’Aponte e de L’artista che non c’era 2021 e vincitrice del secondo premio nella prima edizione del Vibrasong Contest. Moltissimi i concerti, tra i quali la partecipazione al Lilith Festival di Genova, al Reset Festival di Torino, al Chianti Festival e ad Attico Monina (Sanremo 2020), e l’apertura del concerto di Ginevra di Marco alla Fortezza del Girifalco di Cortona (AR).

Oltre ad essere cantautrice, Chiara è attrice nella compagnia di teatro Gli StraniTipi, poetessa nel gruppo Affluenti, nuova poesia fiorentina, e direttrice artistica, assieme all’Associazione Culturale La Chute, della Rassegna di cantautorato al femminile Cantami O Diva (in scena da anni all’ARCI- Progresso di Firenze).

Una vita dedicata alla ricerca, interiore e artistica, ma anche scientifica, infatti Chiara è dottoressa in Scienze Geologiche e lavora come ricercatrice al Consiglio Nazionale delle Ricerche ed è anche di questa (doppia… o forse tripla) vita che si alimenta la sua musica.

 


“Pandora” album cover

Pagina Facebook

Pagina Instagram

Canale YouTube

 

 

KSCOPE NEWS! Envy Of None nuovo video – The Pineapple Thief nuovo singolo – Mariusz Duda (Riverside / Lunatic Soul) nuovo singolo

KSCOPE NEWS!

 

GLI ENVY OF NONE PRESENTANO 
IL NUOVO VIDEO DEL SINGOLO
“NEVER SAID I LOVE YOU” 

TRATTO DAL LORO ALBUM DI DEBUTTO
“ENVY OF NONE”

GUARDA QUI IL NUOVO VIDEO

 

Dopo l’uscita del loro album di debutto, che ha raggiunto le classifiche di tutto il mondo e ha raccolto elogi sia dai fan che dai media, gli Envy Of None, il nuovo progetto con Alex Lifeson (Rush), Andy Curran (Coney Hatch), Alfio Annibalini e la cantante Maiah Wynne, hanno pubblicato il video del loro ultimo singolo “Never Said I Love You”.

Del video, una produzione Blacktide Phonic/Visual,  Andy Curran racconta: “ha davvero catturato lo spirito della canzone. È molto cinematografico e amo tutti i paesaggi urbani un po’ folli. La protagonista è molto libera e il video segue la narrazione in modo sottile. Amo la raccolta dei petali dei fiori: ‘Mi ama, non mi ama?’ Non è questo il senso della vita… voler essere amati o accettati?

GUARDA IL NUOVO VIDEO “NEVER SAID I LOVE YOU” 

 

I Pineapple Thief pubblicano
il nuovo singolo “Dead In The Water”

Tratto da “Give It Back”
in uscita su Kscope il 13 maggio

 

The Pineapple Thief, hanno pubblicato un nuovo singolo digitale,“Dead In The Water”. Il brano è tratto dal loro imminente nuovo album ‘Give It Back’, che contiene 12 versioni completamente nuove di brani tratti precedenti album come ‘Little Man’, ‘All The Wars’, ‘Tightly Unwound’. La band ha completamente ri-registrato tutti i brani per integrare le nuove parti di batteria di Gavin Harrison e nuovi arrangiamenti delle canzoni. ‘Give It Back’ sarà pubblicato il 13 maggio per Kscope.

GUARDA IL VIDEO DI “DEAD IN THE WATER”

Bruce Soord su Dead In The Water – “Questa è una versione completamente nuova di una canzone che ho originariamente scritto per l’apertura del nostro album del 2006 ‘Little Man’. Le nuove parti di batteria di Gavin hanno portato la canzone in un eccitante territorio inesplorato per me e, come tutte le canzoni su ‘Give it Back’, mi ha ispirato a riproporre tutto, come se la canzone fosse nuova. Dopo che Steve e Jon hanno aggiunto le loro nuove brillanti parti di synth e di basso, è diventata una canzone che sembrava davvero fresca e si adattava bene a ciò che i TPT sono diventati oggi. L’abbiamo già inserita in scaletta dal vivo“.

 

Mariusz Duda (Riverside / Lunatic Soul)
pubblica il nuovo singolo digitale
“News from the World”

Tratto da ‘Let’s Meet Outside’
parte della sua prossima ‘The Lockdown Trilogy’
in uscita il 20 maggio per Kscope

 

Dopo aver annunciato i dettagli della sua nuova uscita, il set di 4 CD deluxe ‘The Lockdown Trilogy’Mariusz Duda presenta il brano “News Of The World”, nuovo singolo digitale.

ASCOLTA “NEWS FROM THE WORLD”

 

La sfida principale del ‘Lockdown Trilogy’ è stata l’utilizzo esclusivo di voce e strumenti elettronici. L’ho fatto per differenziare il nuovo progetto da, per esempio, i Lunatic Soul. Per quello che è il disco bonus, ‘Let’s Meet Outside’, suono anche il basso, il che rende questo supplemento alla trilogia più organico e meno claustrofobico.

‘News from the World’ è il ritorno alla mia formula musicale preferita, cioè ‘costruire la tensione’ da zero al climax. È un brano tratto da ‘Let’s Meet Outside’ e mostra la direzione futura delle mie potenziali uscite successive come MD”.  Mariusz Duda

 

 

 

Tornano i JoyCut con il nuovo album – Il primo estratto da oggi nella compilation EARTH/PERCENT lanciata da Brian Eno per l’Earth Day

Tornano i JoyCut
con il nuovo album
“TheBluWave_
[TimesWhenSilenceIsAPoem_
TheIceHasMelted_
AndBleedingGlaciersFormOurTears]_”
in uscita dal 5 giugno 2022

Il brano “ThePlasticWhale_” in anteprima
nella compilation EARTH/PERCENT
lanciata oggi da Brian Eno
per la giornata Mondiale della Terra

 

  QUI il pre-save del nuovo album dei JoyCut

 

Dopo un lungo silenzio discografico dall’uscita del precedente    “PiecesOfUsWereLeftOnTheGround”, i JoyCut annunciano l’uscita del nuovo album “TheBluWave [TimesWhenSilenceIsAPoem – TheIceHasMelted – AndBleedingGlaciersFormOurTears]_”, atteso dal 5 giugno in formato digitale e dal 10 giugno in formato fisico per PillowCase – 伊達直人.

Il primo brano estratto “ThePlasticWhale_” è da oggi ascoltabile in anteprima nella compilation EARTH/PERCENT che esce per la giornata Mondiale della Terra, nell’ambito dell’iniziativa lanciata da Brian Eno per sensibilizzare gli artisti e il pubblico sull’impatto ambientale dell’industria musicale.

Ascolta “ThePlasticWhale_”
nella compilation EARTH/PERCENT

 

ThePlasticWhale_” non è il titolo di una fiaba_
Né “Healthy Planet” è il titolo di un saggio_
La questione è che gli “umani”, se non sono coinvolti direttamente nei processi della realtà,
tendono ad essere disillusi, disincantati, tendono ad esserne indifferenti_
È necessario che leggano “uomo” o “umano” accanto ai grandi temi, per prenderli davvero in considerazione_
[…]_
Il cambiamento climatico, di per sé, non è problematico se considerato come un adattamento acquisito
dall’intero sistema biologico per esistere e preservarsi_
È invece un cataclisma per l’umanità_
Una “Crisi dell’Uomo” causata dall’uomo_
Siamo NOI a rischiare l’estinzione di massa_
[…]_
Il nostro tentativo è di riscrivere in musica l’urlo di questi tempi irragionevoli, dando voce -attraverso il suono- alla natura violata_
Siamo lieti di supportare Earth/Percent nella “missione di fornire un supporto diretto e significativo a coloro che sono in prima linea nella giustizia climatica riducendo al contempo il nostro impatto sul pianeta”_
 

TheBluWave_
[TimesWhenSilenceIsAPoem_
TheIceHasMelted_
AndBleedingGlaciersFormOurTears]_

“Il nuovo album è finalmente pronto, vivissimo | Un processo di elaborazione che a dalla Biennale di Venezia all’esecuzione esclusiva per il Robert Smith’s Meltdown_

Un intreccio di saturazioni orchestrali e dilatazioni sonore intrise di paesaggi ritmici narrativi, passaggi commoventi che sottovoce mirano alla leggerezza, alla liberazione da questa civiltà | C’è molto Oriente, Africa, c’è assenza, c’è sublime, eppure la profondità di questi abissi ideologici non intimorisce, anzi, ci chiede di sbirciare, di avvicinarci”_

“Nove anni di apparente silenzio | si è urlato, contemplato l’orrore, perso cari e celebrato creature, vissuto, valicato colonne e raccolto appunti di viaggio_
È tempo di scovare nuovi ed ulteriori delicatissimi rifugi interiori, riscoprendo luoghi a dimensione di sguardo, all’interno dei quali ogni distanza sia vinta_
Gli unici possibili dove eseguire e rappresentare il B L U_

Come onde del mare sul disastro”_

 

TheBluWave_
[TimesWhenSilenceIsAPoem_
TheIceHasMelted_
AndBleedingGlaciersFormOurTears]_

 

Un Haiku contemporaneo | La più ermetica fra le forme poetiche_ Troppo lungo per essere un titolo? Un invito a ritrovarsi nella meraviglia dell’attesa | Una evocazione a riconsiderare il tempo_
Arrendendosi alla lentezza, alla durata dei processi naturali_

Un doppio album | Sulla distanza di 76 minuti | Suddiviso in quattro atti | distinti su quattro lati | Dedicato a chi ami soffermarsi sulle vie dell’introversione_
Una improrogabile esortazione ad osservare questa contemporaneità frammentata_
Esplorazioni consacrate all’esperienza dell’astrazione, dello spaesamento, del viaggio, del ritorno_

 

TRACKLIST:
1- TheFirstSong_
2- Darwin_
3- Ungaretti_
4- SAUN_
5- Novembre13_
6- BluTokyo_
7- ThePlasticWhale_
8- Komorebi_
9- Francis&Violet_
10- Lisantrope_
11- Siberia [BeforeTheFlood]_
12- Antropocene_
13- Plato|SHIRAKABA [TheSmileOfTheSun]_

QUI il pre-order del nuovo album dei JoyCut
 

 

www.joycut.com

www.facebook.com/JoyCutOfficial

www.instagram.com/joycutofficial

https://twitter.com/joycutofficial

 

Anche POP X al WØM FEST 2022

Anche POP X

al WØM FEST 2022

 

 

POP X, uno dei progetti più seguiti della nuova scena indipendente italiana, salirà sul palco del WØM FEST 2022 nel giorno di sabato  4 giugno, aprendo così a Lucca il suo tour estivo in Toscana.
Quello di POP X è il secondo nome annunciato dal  WØM FEST, nel parco di Villa Bottini a Lucca il 3 e il 4 giugno, dopo quello dei BNKR44 che si esibiranno nella giornata del venerdì.

ll suo è “per eccellenza” il nome da avere in cartellone questa estate per celebrare il ritorno completo all’esperienza del live come festa e rito di condivisione. Dopo aver fatto registrare il tutto esaurito nelle sei date del club tour di aprile per presentare l’uscita dell’ultimo album “Enter Sandwich”, pubblicato da Bomba Dischi, a cui ha fatto seguito un remix contenente due versioni live e quattro rework realizzati da artistə della neonata scena hyperpop italiana (Hello Mimmi, Troyamaki, Ermete Diara, Kuzu, Aegeminus e b.estye), il multiforme progetto POP X questa estate tornerà in tour con gli incredibili concerti a cui ci ha abituato. Uno show completamente rinnovato e d’impatto che ripercorrerà canzoni storiche e nuove estratte dalla sua ormai quindicennale carriera. A farla da padrona sarà come sempre l’approccio performativo.

Il WØM FEST 2022 prosegue il suo viaggio nella nuova scena musicale italiana presentando una selezioni di artisti tra i più interessanti del panorama nazionale. Tre progetti musicali a sera si succederanno sul Main Stage dalle 20.30 mentre, dalle 19.00, l’attenzione sarà sul Second Stage, grande novità di questa edizione, la cui direzione artistica verrà curata dal collettivo artistico lucchese Creative Hub e che vedrà protagonisti nuovi volti della scena musicale locale e non.

Tra le novità della prossima edizione di WØM FEST spicca la collaborazione con lo storico Rock Contest di Controradio, tra i concorsi musicali più longevi del paese e dal quale, negli anni, sono passati artisti come Samuel e Boosta dei Subsonica, gli Scisma di Paolo Benvegnù, Irene Grandi, Offlaga Disco Pax e molti altri. Quest’anno tra i musicisti ad esibirsi a WØM FEST vi saranno anche alcuni protagonisti del concorso fiorentino

Area Expo
Nel parco di Villa Bottini torna anche la zona “mercatino” composta da un’area espositiva dedicata a giovani artisti del territorio tra illustratori, fumettisti, artigiani e da un’area nella quale si potranno acquistare vinili, abbigliamento vintage e molto altro.

Area Food/Drink
Nuove collaborazioni anche per quanto riguarda la zona ristoro, nella quale si potranno degustare i vini della nota azienda vinicola lucchese “La Badiola” oltre a prelibati cibi espressi preparati da noti ristoratori del centro storico, grazie anche alla collaborazione con ConfCommercio di Lucca e Massa Carrara.

Le prevendite saranno a breve disponibili su DICE.

 

CON IL CONTRIBUTO DI
Comune di Lucca
Fondazione CRL
Fondazione BML

PARTNER
ConfCommercio Lucca e Massa Carrara
Ottavo Nano
Audi Center Terigi
FRATRES Consiglio provinciale di Lucca e Piana
Azienda agricola La Badiola
ACI Lucca
KeepOn Live

Rock Contest-Controradio

PRODOTTO DA
Associazione WOM

 

 

web: https://www.womfest.it
fb: www.facebook.com/wommovement
insta: www.instagram.com/wom_fest

 

 

 Page 3 of 54 « 1  2  3  4  5 » ...  Last »