Angus McOg presenta il nuovo singolo e video “Communist Party Party” e vola in UK

Angus McOg

presenta il nuovo singolo e video

“Communist Party Party”

e vola in UK

 

22 settembre – Biddle Bros (Londra)
23 settembre – Chalkwell Hall (Southend on Sea)
24 settembre – 20th Century Speedway (Folkestone)

Guarda il video di “Communist Party Party”
https://youtu.be/xlUbAX-CoSU

Ascolta l’album “Cirrus”
 https://found.ee/IT-AngusMcOg-Cirrus

 

Il divertente frullato math-folk “Communist Party Party” è il nuovo estratto da Cirrus, l’ultimo lavoro in studio di Angus McOg, uscito in Italia il 7 aprile per la label Murmur Music (Audioglobe) e in UK per Gare Du Nord.

L’idea di partenza di “Communist Party Party” è stata quella di giocare intorno alla discrepanza tra qualcosa che è noto e scontato nel contesto da cui veniamo e il fatto che ciò sia del tutto ignorato altrove, tanto da poter sembrare del tutto naïf e surreale.
L’episodio che ha dato origine al tutto capitò quando una volta una ragazza inglese chiese ad Angus McOg che cosa facesse la gente dalle sue parti per divertirsi nelle pigre e tiepide sere di fine estate. Fu così che l’artista provò a spiegarle che cosa fosse la Festa de l’Unità! Non fu semplice, molti delicati aspetti geopolitici e sociologici legati alla Guerra Fredda e alle tradizioni alimentari regionali finirono inevitabilmente “lost in translation”. Ma anche se alla fine lei ci capì poco o nulla, ne emerse un meraviglioso affresco dadaista, fatto di mensole con gli amari sotto i ritratti di Gramsci, di luna park e venditori d’auto, di cuba libre e fiere del libro, ma soprattutto di infinite distese di tagliatelle al ragù, tortelloni, lasagne e lambrusco. Il risultato di questo clash culturale era qualcosa di bizzarro, genuino eppure straniante, messianico e punk allo stesso tempo… grande materiale per una canzone.

Il video è opera del regista Fabio Fiandrini, e unisce le riprese e gli scatti fatti dal fotografo Enrico Maria Bertani alla band, a cena alla Festa de l’Unità di Modena nel mese di Agosto 2023, a footage d’archivio, tratto principalmente dalla pellicola del 1929 “L’uomo con la macchina da presa”, del regista Dziga Vertov.
 

Guarda il video di “Communist Party Party”
https://youtu.be/xlUbAX-CoSU

Dalla fine della settimana Angus McOg e la sua band, saranno impegnati in un mini tour oltremanica, che celebra il loro ritorno in UK a poche settimane di distanza dal precedente. Queste le date:
22 settembre – Biddle Bros (Londra)
23 settembre – Chalkwell Hall (Southend on Sea)
24 settembre – 20th Century Speedway (Folkestone)

Cirrus, l’album
I cirri sono tra le nuvole più in alte nel cielo. Costituiti da piccolissimi cristalli di ghiaccio, appaiono rarefatti, lontanissimi, inafferrabili. Ma quando i raggi del sole li attraversano all’alba e al tramonto, ecco che si trasformano in filtri colorati, capaci di cambiare il mondo negli occhi di chi guarda, mutando la percezione delle cose, del tempo e dello spazio. Ed è seguendo il filo di questo sguardo che Cirrus diventa il titolo del nuovo disco di Angus McOg, otto brani che nascono da un cuore Folk Rock in viaggio tra Americana, Indie e Art Rock.

Il disco è uscito nel Regno Unito grazie all’interesse di Ian Button, ex Death in Vegas, e della sua label Gare Du Nord.

 

 

https://www.facebook.com/angusmcog

https://www.instagram.com/angusmcog

 

 

 

“Back To The Blues” di Gary Moore Back per la prima volta in vinile

“Back To The Blues” di

Gary Moore

per la prima volta in vinile

 

In uscita il 13 Ottobre 2023 per BMG
in formato 2LP/CD/Digitale

Preordina qui:
gary-moore.lnk.to/backtotheblues

 

Il 13 ottobre BMG pubblicherà Back To The Blues di Gary Moore per la prima volta in doppio vinile 180gr con copertina apribile. L’album uscirà anche in formato digitale e su CD.

Back To The Blues è il tredicesimo album solista di Gary Moore, in cui l’artista torna al blues tradizionale. Questo album non è mai stato pubblicato in vinile e presenta nuove note di copertina scritte da Dave Everley. Questa versione contiene le tracce bonus “Picture Of The Moon (Single Edit)”“Cold Black Night (Live At VH1)” “Stormy Monday (Live At VH1)”.

Gary Moore ha segnato il mondo del Blues e del Rock con il suo virtuosismo chitarristico e la sua voce soul. Noto soprattutto per i suoi suggestivi successi da solista, Parisienne Walkways e Still Got the Blues, e per la sua militanza saltuaria con i Thin Lizzy, la carriera solista di Gary Moore comprende oltre venti album. Nel corso degli anni Ottanta, Gary ha scalato le gerarchie del rock, ma ha voltato le spalle a quello che considerava il vuoto lampo del metal ed è tornato alla sua musica del cuore – il blues – dove, ironia della sorte, ha ottenuto il suo più grande successo commerciale con gli album blues degli anni Novanta e Duemila.

Oltre a dirigere le sue band, durante una carriera solista di successo, Gary ha collaborato con gli artisti migliori che il rock e il blues potessero offrire, suonando dal vivo e su disco con George HarrisonJack BruceGinger BakerGreg LakeBB KingAlbert KingAlbert Collins e molti altri. Gary Moore è considerato uno dei musicisti irlandesi più influenti di tutti i tempi. Dopo essere stato celebrato da Gibson e Fender con chitarre firmate, la star nordirlandese è ancora considerata uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi.

Preordina/pre-salva Back To The Blues track qui: gary-moore.lnk.to/backtotheblues.

Back To The Blues tracklist:

1. Enough Of The Blues
2. You Upset Me Baby
3. Cold Black Night
4. Stormy Monday
5. Ain’t Got You
6. Picture Of The Moon
7. Looking Back
8. The Prophet
9. How Many Lies
10. Drowning In Tears
Bonus Material:
11. Picture Of The Moon (Single Edit)
12. Cold Black Night (Live At VH1)
13. Stormy Monday (Live At VH1)

 

Formato: Doppio vinile
Numero catalogo: BMGCAT
Barcode: 40505388

 
Formato: CD
Numero catalogo: BMGCAT788
Barcode: 4050538854152

TesseracT “Legion” – Nuovo singolo accompagnato da un video sorprendente

TesseracT

“Legion”

Nuovo singolo accompagnato

da un video sorprendente

 

Il nuovo album “War Of Being”

in uscita venerdì 15 settembre per Kscope

Guarda il video di “Legion”
https://youtu.be/pHZXTmPnMso

Preordina “War Of Being”
https://tesseractkscope.lnk.to/warofbeing

Scarica e gioca al gioco di “War Of Being”
https://store.steampowered.com/app/2475790/War_Of_Being/

 

… one of the best albums of the year” – Album of The Month – Rock Hard FR
Bon voyage to The Strangeland” – 4/5 – URN 
exudes an almost beguilingly beautiful and monumental atmosphere.”- Metal Hammer DE
…the band’s most dynamic, varied, complex and at the same time most accessible…” eclipsed 
“This band’s quintessential release – not to mention a frontrunner for metal album of the year.”- 9/10 – Metal Hammer
…not only TesseracT’s most accomplished record to date, but it’s one that adds greater extravagance wonder and distinction” – PROG

 

Per celebrare l’uscita di “War Of Being”, il nuovo album dei TesseracT, i fan della band hanno potuto ascoltare in anteprima esclusiva, al “The Gallery” di Londra, il nuovo album in Dolby Atmos 5.1, e partecipare a un incontro Q&A condotto da Alyx Holcombe (BBC Radio 1), e, nell’occasione, hanno potuto anche cimentarsi nel gioco “War Of Being” in VR. A seguire è stato proiettato in esclusiva mondiale il video del terzo singolo “Legion”, il cui set è stato messo a disposizione del pubblico presente. Ora, dopo il grande successo della presentazione del loro nuovo album “War Of Being”, la band ha reso disponibile per tutto il mondo questa magnifica esperienza cinematografica.

Guarda il suggestivo video di” Legion” qui:
https://youtu.be/pHZXTmPnMso




Tutte le foto sono di Steph Evans (@stephxvisuals)

“Legion” è la prova che i TesseracT, oltre a essere in grado di scrivere canzoni eccezionali, riescono a rendere centrale l’elemento umano in un genere spesso privo di emozioni. Dal punto di vista musicale, il brano mette in mostra la versatilità e la capacità musicale di Daniel Tompkins.. 

A proposito del brano, Daniel Tompkins dichiara: 
Concettualmente, Legion ci presenta ‘Fear’ nelle sue varie forme più subdole. La paura ci immobilizza e ci impedisce di comprendere la verità, oscurandoci il cammino nel tentativo deliberato di distorcere la nostra visione.  Dalla prospettiva dei nostri due protagonisti (Ex ed El), Legion vede come la paura laceri le loro vite, mentre vivono il disfacimento del loro mondo e affrontano il caos e la confusione che li circonda.”

Il video, diretto da Richard Oakes (Dark Fable Media), rappresenta la scena di apertura del racconto che ha ispirato “War Of Being”, scritto da Amos WilliamsEx (interpretato da Tompkins) ci mostra come la situazione a bordo di “The Dream” degeneri, prima prima di precipitare su “The Strangeland”.

TesseracT hanno aperto la strada al loro ritorno con il brano “War Of Being”, una vera e propria dichiarazione d’intenti della durata di 11 minuti con l’annuncio di un tour mondiale, seguito da “The Grey”, che ha portato i fan direttamente nel mondo di “The Strangeland”. Con “Legion” la band va dritta verso il cuore, accompagnandoci verso l’uscita del suo magnifico quinto album.

I fan possono scaricare e giocare il gioco qui:
https://store.steampowered.com/app/2475790/War_Of_Being/

‘War Of Being’ è stato registrato presso i Middle Farm Studios nel Regno Unito con Peter Miles (Architects/Sylosis/Dodie) che ha co-prodotto con la band insieme a Katherine Marsh dei Choir Noir (Bring Me The Horizon / Architects / Marillion). Al programming e alla produzione si è aggiunto Randy Slaugh (Periphery, Architects, Devin Townsend). L’additional engineering è stato curato da Forrester Savell (Karnivool). L’artwork, che presenta i caratteri “ex” ed “el”, è stato creato in collaborazione tra l’IA e l’uomo come mezzo per estendere il concetto nella sua presentazione.

“War Of Being” tracklist:
1 – Natural Disaster
2 – Echoes
3 – The Grey
4 – Legion
5 – Tender
6 – War Of Being
7 – Sirens
8 – Burden
9 – Sacrifice

 

L’album sarà disponibile in una varietà di formati che includono i seguenti:
– Versione Deluxe – “The Strangeland” – un’edizione da collezione limitata con 3 dischi, di libro cartonato di 68 pagine contenente il CD audio di War Of Being / un DVD / un Blu-Ray che contiene: “The Journey of Being”, un documentario di 40 minuti sulla realizzazione di “War Of Being”, “The Strangeland”, una visione approfondita dei personaggi di “War Of Being”, il video di 11 minuti e l’album in 5.1 Surround . Edizione stettamente limitata a 1.500 copie in tutto il mondo.
– CD Digipack con libretto di 24 pagine
– Digitale (Dolby Atmos)
– Doppio LP Gatefold “The Scribe” – Black and Gold Corona (esclusiva TesseracT EU Store limitata a 1000 copie)
– Doppio LP Gatefold ‘Fear’ – Red and Black Marble (esclusiva TesseracT US/AUS Store limitata a 1000 copie)
– Doppio LP Gatefold – Vinile rosso (esclusiva Revolver.com limitata a 500)
– Doppio LP Gatefold – Vinile trasparente (Amazon.co.uk + Euro indie stores in esclusiva limitata a 1000)
– Doppio LP Gatefold – Vinile giallo (Kscope Store + EMP Germany in esclusiva limitata a 500)
– Doppio LP Gatefold – Vinile nero
– Blu-Ray (5.1 Surround / “War Of Being” video di 11 minuti / “The Strangeland” e “The Journey of Being”)

Pre-save/Preordina qui: https://tesseractkscope.lnk.to/warofbeing

Insieme al nuovo album, la band darà il via a un tour mondiale che inizierà nel 2023 e si protrarrà fino al 2024, con concerti negli Stati Uniti, in Europa, nel Regno Unito, in Asia e in Australia, con il supporto di IntervalsUnprocessedAlluvial The Callous Daoboys.

I biglietti saranno in vendita qui: https://www.tesseractband.co.uk/tour-dates

 

Questo l’elenco di tutte le date live confermate al momento:

US 2023 con il supporto di Alluvial e Intervals

OTT 5 The Underground, Charlotte NC
OTT 6 Music Farm, Charleston SC
OTT 7 Norva, Norfolk VA
OTT 8 Rams Head Live!, Baltimore MD
OTT 10 House of Blues, Chicago IL
OTT 11 Roxian Theatre, Pittsburgh PA
OTT 13 Irving Plaza, New York NY
OTT 14 Paradise, Boston MA
OTT 15 TLA, Philadelphia PA
OTT 17 Corona Theatre, Montreal QC
OTT 19 Danforth Music Hall, Toronto ON
OTT 20 Elevation, Grand Rapids MI
OTT 21 Red Flag, St. Louis MO
OTT 23 Summit Music Hall, Denver CO
OTT 24 The Depot, Salt Lake City UT
OTT 26 The Showbox, Seattle WA
OTT 27 Commodore, Vancouver BC
OTT 28 Knitting Factory, Spokane WA
OTT 29 Hawthorne Theatre, Portland OR
OTT 31 Regency Ballroom, San Francisco CA
NOV 1 The Regent Theatre, Los Angeles CA
NOV 3 Observatory North Park, San Diego CA
NOV 4 Nile Theater, Phoenix AZ
NOV 5 Revel, Albuquerque NM
NOV 7 The Granada Theater, Dallas TX
NOV 8 Emo’s, Austin TX
NOV 9 Warehouse Live, Houston TX
NOV 11 The Orpheum, Tampa FL
NOV 12 Buckhead Theatre, Atlanta GA
NOV 13 Brooklyn Bowl, Nashville TN

EUROPE 2024 – con il supporto di Unprocessed e The Callous Daoboys

GEN 18 Rockhal, Esch-sur-Alzette LU
GEN 19 CCO La Rayonne, Villeurbanne FR
GEN 20 Sala Apolo, Barcelona ES
GEN 21 La Paqui, Madrid ES
GEN 23 Bataclan, Paris FR
GEN 25 Laiterie Strasbourg, FR
GEN 26 Trix, Antwerpen BE
GEN 27 Im Wizemann, Stuttgart DE
GEN 28 Alcatraz, Milan IT
GEN 30 Komplex 457, Zurich CH
FEB 1 Palac Akropolis, Prague CZ
FEB 2 Backstage, Munich, DE
FEB 3 Simm City, Vienna AT
FEB 4 Barba Negra Red Stage, Budapest HU
FEB 6 Colombia Theater, Berlin DE
FEB 7 Progresja, Warsaw PL
FEB 9 Tavara-asema, Tampere FI
FEB 10 Tavastia, Helsinki FI
FEB 12 Klubben Fryshuset, Stockholm SE
FEB 13 Vulkan, Oslo NO
FEB 15 Amager Bio, Copenhagen DK
FEB 16 Gruenspan, Hamburg DE
FEB 17 Calswerk Victoria, Cologne DE
FEB 18 Tivoli Vredenburg – Ronda, Utrecht NL
FEB 20 Nottingham Rock City, Nottingham UK
FEB 21 O2 Institute, Birmingham, UK
FEB 22 O2 Academy, Bristol UK
FEB 23 O2 Forum Kentish Town, London UK
FEB 24 O2 Ritz, Manchester UK
FEB 25 SWG 3 Studio Warehouse, Glasgow UK
FEB 27 Olympia, Dublin UK

AUSTRALIA E ASIA 2024 – supporto TBC
Nota bene:
Biglietti per l’Australia in vendita ora
Biglietti per il Giappone e Singapore in vendita da ottobre 2023
Biglietti per Hong Kong/Taiwan in vendita nel 2024

APR 26 Imperfecto Patio, New Delhi IN
APR 27 Dublin Square – Phoenix, Mumbai IN
APR 28 Gylt, Bangalore IN
MAG 2  Princess Theatre, Brisbane, QLD AUS
MAG 3 Metro Theatre, Sydney, NSW AUS
MAG 4 Croxton Bandroom, Melbourne, VIC AUS – SOLD OUT
MAG 5 Croxton Bandroom, Melbourne, VIC AUS 
MAG 7 Lion Arts Factory, Adelaide, SA AUS
MAG 9 Magnet House, Perth, WA AUS
MAG 11 Aliwal Arts Centre, Singapore SG
MAG 13 Lido Connect Hall, Bangkok, TH
MAG 15 Music Zone, Hongkong, HK
MAG 16 The Wall, Taipei, TW
MAG 18 Shibuya Cyclone, Tokyo, JP
MAG 19 Shibuya Cyclone, Tokyo, JP

Crediti foto: Andy Ford

 

Per immagini in alta qualità qui:
https://kscopemusic.com/media/tesseract/

 

TesseracT Online:
https://www.tesseractband.co.uk/
https://www.facebook.com/tesseractband
https://www.instagram.com/tesseractband/
https://twitter.com/tesseractband
https://open.spotify.com/artist/23ytwhG1pzX6DIVWRWvW1r
https://kscopemusic.com/artists/tesseract/

 

 

 

“Il tempo per me” – Nuovo singolo e video per Emanuele Coggiola

“Il tempo per me”

Nuovo singolo e video per

Emanuele Coggiola 

Guarda il video di “Il tempo per me”

Ascolta “Il tempo per me”

 

“Il tempo per me” è il nuovo estratto da “Dopo La Pioggia”, ultimo lavoro del cantautore e polistrumentista fiorentino Emanuele Coggiola.
“Dopo La Pioggia” è un concept album sull’elaborazione del lutto sentimentale e rappresenta la condizione psicologica del protagonista, dal momento della separazione, attraverso la caduta in depressione, la rabbia, l’odio, la disperazione, l’auto isolamento, il rifiuto, per poi arrivare alle prime reattività e spiragli di luce, passando attraverso brevi ed estemporanee avventure fino ad arrivare ad una nuova e ritrovata serenità.
Il nuovo singolo, “Il Tempo per Me”, è il primo brano che porta alla conclusione di questo percorso di elaborazione. Il testo è di Francesco Milo di Villagrazia, il quale ha collaborato come co-autore a tutto l’album.
“Il Tempo per Me”, nell’ambito dell’esperimento di auto-fiction nato dalla condivisione di esperienze personali vissute in parallelo nel corso di anni deraglianti, vuole comunicare la riappropriazione di sé e il ritrovato gusto per il divertimento, una sorta di catarsi e riapertura alla vita e agli altri, fino a offrire un orizzonte nuovo.

Ascolta “Il tempo per me”

 

Il video è stato realizzato da Max Pruneti, autore anche dei video precedenti dell’artista, interpretato da una bellissima e solare Zoe Frizzi, che è riuscita a comunicare perfettamente il mood centrale del brano: questo bisogno e questa volontà di lasciarsi il passato alle spalle, canalizzati nelle parole del ritornello “Non posso fare altro che correrti incontro e ridere del mio mondo“, fino a riappropriarsi di una agognata (e liberatrice) leggerezza, un’oasi da dove è possibile voltarsi indietro e, appunto, “ridere” delle proprie debolezze, delle proprie paure è insicurezze, nella consapevolezza, pagata lacrime sonanti, che l’inferno è a un passo dall’Eden.
Le riprese del video sono state realizzate in vari luoghi in Toscana, tra Firenze e la costa livornese. Era intenzione di Coggiola e di Pruneti omaggiare la terra dove vivono e che gli ha permesso di comunicare al meglio la bellezza e la  sensazione di libertà.

Guarda il video di “Il tempo per me”

 

“Dopo la Pioggia”, lavoro scritto in un tempo molto lungo e di cui Emanuele Coggiola ha curato sia l’esecuzione che l’arrangiamento e la produzione, è il suo secondo album come solista dopo l’esperienza con le Luciferme, il gruppo con cui si è formato e con cui ha realizzato 4 album (e un Festival di Sanremo). Recentemente Coggiola si è cimentato nella produzione artistica del disco d’esordio di David Iozzi, autore eclettico e fuori dagli schemi.
Al momento ci sono già in cantiere alcune nuove e stimolanti idee che l’arista fiorentino sta sviluppando per il prossimo lavoro. Sicuramente non passeranno altri dieci anni…

 

www.emanuelecoggiola.it

www.facebook.com/emanuele.coggiola

instagram.com/emanuelecoggiola

 

 

 

Mariusz Duda presenta il nuovo album “AFR AI D” e il primo estratto “Embracing The Unknown“

MARIUSZ DUDA 

PRESENTA IL NUOVO ALBUM

“AFR AI D”

IN USCITA IL 17 NOVEMBRE 2023

PER KSCOPE

Preordina „AFR AI D“ e ascolta il primo estratto
“Embracing The Unknown“
MariuszDudaKscope.lnk.to/AFR_AI_D

Gaurda il video di “Embracing The Unknown“
youtu.be/FVje-91nQ4I 

 

 

Il mastermind dei Riverside, Mariusz Duda, torna con il quarto album solista “AFR AI D”, in uscita il 17 novembre per Kscope.

Mariusz Duda è sempre stato affascinato dal raccontare storie, idee e pensieri.
Mentre nel precedente album “Lockdown Trilogy” Mariusz ha voluto catturare un’istantanea della vita durante la pandemia, questa volta il genio del progressive analizza il ruolo disturbatore dell’IA . Il suo nuovo disco solista esplora la crescente mercificazione dell’AI e in particolare l’ingresso dell’intelligenza artificiale nel circuito mainstream.
Utilizzando come trampolino di lancio le nozioni di ChatGPT e Midjourney e il crescente uso di deep fake, “AFR AI D” esplora queste interessanti e lungimiranti teorie sia dal punto di vista musicale che concettuale.

Il primo estratto di “AFR AI D”, “Embracing The Unknown”, è il brano più lungo dell’album e lo rappresenta in pieno. Il mood e le ritmiche eclettiche caratterizzano non solo questo nuovo album, ma sono anche rappresentative di tutta la produzione solista di Mariusz Duda.
Sono felice di poter continuare questo viaggio nella musica elettronica strumentale”, afferma Duda. “Amo questi suoni evocativi. Contrariamente a quanto suggerisce il titolo dell’album, non ho paura delle nuove tecnologie. Penso che l’intelligenza artificiale sia solo un altro strumento che col tempo impareremo a usare in modo migliore e che velocizzerà il lavoro in molti settori”. Nonostante una leggera paura inconscia dell’ignoto, sono pronto ad abbracciare il futuro : )”
 

Guarda il video di “Embracing The Unknown“ creato da Tomasz Bogdan
https://youtu.be/GoiTJzDRAWg

L’album si apre con i suoni oscuri di “Taming Nightmares“, che funge da esempio musicale della nuova alba dell’apprendimento artificiale. A questo seguono l’interstellare “Fake Me Deep, Murf” “Mid Journey To Freedom” che si ispira a TRON. Dopo “Bots’ Party” troviamo agli arpeggi emotivi di “I Love To Chat With You”, che ci porta direttamente nella mente di Theodore Twombly, innamorato di un sistema operativo. L’album si conclude poi con la fredda e impassibile introspezione di “Embracing The Unknown”.
In un mondo in cui la verità è spesso camuffata dall’inganno, il battito elettronico di “AFR AI D” non può mentire. O forse sì?

 

AFR AI D” Tracklist:

1- Taming Nightmares [07:20]
2- Good Morning Fearmongering [05:14]
3- Fake Me Deep, Murf [04:48]
4- Bots’ Party [05:00]
5- I Love To Chat With You [03:43]
6- Why So Serious, Cassandra? [04:56]
7- Mid Journey To Freedom [03:08]
8- Embracing The Unknown [08:00]

 

L’artista e illustratore tedesco Hajo Müller (Steven Wilson) porta avanti ancora una volta il progetto grafico di Mariusz Duda, continuando la collaborazione che li ha visti affiancati per tutta la carriera solista di Mariusz. Duda suona anche tutti gli strumenti dell’album, ad eccezione degli assoli di chitarra eseguiti da Mateusz Owczarek.
“AFR AI D” è stato registrato nei mesi di maggio e giugno 2023 presso il Serakos Studio di Varsavia, con l’engineering di Magda e Robert Srzedniccy e la masterizzazione di Robert Szydło.

L’album è disponibile in diversi formati: LP, LP Magenta, CD e digitale.
Preordina QUI https://MariuszDudaKscope.lnk.to/AFR_AI_D

Foto di Radek Zawadzki 

About Mariusz Duda:
Mariusz Duda è un musicista, cantautore, cantante e polistrumentista polacco. È il leader del gruppo progressive rock Riverside e il fondatore del progetto Lunatic Soul.
I suoi interessi musicali spaziano dal rock al metal, passando per il pop e il folk, fino alla musica elettronica e ambient.

Mariusz Duda Online
https://mariuszduda.md
https://kscopemusic.com/artists/mariusz-duda/
https://www.facebook.com/mariusz.duda.official
https://www.instagram.com/marivsz_riv/

https://twitter.com/Marivsz_Riv
https://music.apple.com/us/artist/mariusz-duda/344512824
https://open.spotify.com/artist/1rQa5aEdP2RbeEvnQT2M8Y

 

Per immagini in alta qui:
https://kscopemusic.com/media/mariusz-duda/

I JoyCut in concerto al Teatro Manzoni di Bologna con l’Orchestra del Teatro Comunale

JoyCut

in concerto sabato 16 settembre

al Teatro Manzoni di Bologna

con  l’Orchestra del Teatro Comunale

 

ACQUISTA I BIGLIETTI QUI

 

 

Manca poco al grande evento del 16 settembre al Teatro Manzoni di Bologna. Sul palco, estendendo ulteriormente l’orizzonte sonoro, ampliando la ricerca profonda, umana, intima, Pasco PezzilloGaël CalifanoMatilde BenvenutiJulian ZyklusRodrigo D’ErasmoVince PastanoGiò Sada suoneranno con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, formata da oltre 50 elementi diretti dal Maestro Corvino, per rendere ancora più suggestiva la dimensione preferita dei JoyCut, quella live. Sarà questa un’occasione unica per ascoltare i brani dell’ultimo album dei JoyCut “TheBluWave” e del repertorio della band in una versione inedita e irripetibile.

Pasquale Pezzillo, leader dei JoyCut, presenta così questo evento:
Ci sono sere come queste, dove ogni costellazione si frammenta di eternità.
Piccadilly si svuota di impatto, Shibuya fluttua fra balene aerostatiche, le bianche betulle cedono il passo a ghiacciai in fiore e Bologna si stringe in un abbraccio rilucente
“.

In occasione di questo evento, grazie ad una collaborazione con l’Associazione Senza Il Banco, i genitori potranno accedere al concerto con i bambini dai 3 a 12 anni che saranno intrattenuti in un laboratorio musicale durante lo show.
La partecipazione è a iscrizione obbligatoria (scrivete a info@estragon.it per prenotarvi).

Il contributo alla salvaguardia del pianeta dei JoyCut, consolidato ulteriormente con il loro ingresso nella comunità EarthPercent di Brian Eno, continuerà devolvendo una parte degli introiti derivati dalla vendita dei supporti fonografici, merchandise e biglietti del concerto.
Inoltre “TheBluWave [TheIceHasMelted – AndBleedingGlaciersFormOurTears]_”, disponibile nella versione in vinile singolo edizione limitata in 90 pezzi unici, sarà in vendita esclusivamente il 16 settembre al Teatro Manzoni. Per ogni acquisto di questo vinile, che include anche il biglietto per il concerto al Teatro, il 100% del ricavato andrà a EarthPercent. 

JoyCut in concerto con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna
Sabato 16 settembre al Teatro Manzoni di Bologna

Apertura porte ore 19.30
Inizio show ore 20.30
Biglietti da 10€ 

Sarà possibile “sospendere” un biglietto, regalando una serata di musica e condivisione a chi ne ha più bisogno. Al momento dell’acquisto basterà indicare ‘BIGLIETTO’ invece di NOME e ‘SOSPESO’ invece di COGNOME. Una volta effettuato l’acquisto è necessario inviare il pdf del biglietto sospeso a info@estragon.it

ACQUISTA I BIGLIETTI QUI

 

JoyCut sono tornati recentemente negli Stati Uniti invitati dalla storica stazione radiofonica di Seattle KEXP, per registrare una delle loro prestigiose live session esclusive disponibile sul canale youtube ufficiale della radio.

GUARDA I JOYCUT LIVE SU KEXP

 


I JoyCut con Noel Gallagher ospiti di The Cure a Seattle in occasione del loro concerto

JOYCUT

Dall’album di esordio TheVeryStrangeTaleOfMr.Man, 2007, la cui urgenza espressiva si rivolge alla devastazione umana ad opera di un ecosistema al collasso, sommersi da rifiuti, isolati in città di plastica decadenti, passando per GhostTreesWhereToDisappear, 2011, dove arrendersi ai tempi preziosi ed impercettibili della natura risulta essere l’unica via di uscita dal nichilismo profondo, fino a PiecesOfUsWereLeftOnTheGround, 2013, in cui l’umano ha oramai lasciato dietro di sé tracce indelebili della distruzione delle civiltà in favore di un regresso irreversibile intriso di tecnologia ed innovazione, i temi affrontati dai JoyCut hanno sempre avuto a cuore la sacralità di una “natura” ferocemente violata.
“TheBluWave”, l’ultimo album della band uscito nel 2022, ha approfondito ancora una volta queste tematiche ed è stato presentato con una installazione esclusiva presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna.

 

www.joycut.com

www.facebook.com/JoyCutOfficial

www.instagram.com/joycutofficial

https://twitter.com/joycutofficial

 

 

 

Gli W.A.S.P. presentano il cofanetto deluxe “The 7 Savage 1984-1992”

GLI W.A.S.P. PRESENTANO

THE 7 SAVAGE 1984-1992 

IL COFANETTO DELUXE CON 8 LP

CHE CONTIENE LA LORO PRODUZIONE

PER CAPITAL RECORDS, TRACCE BONUS,

LIBRO DI 60 PAGINE E ANCORA ALTRO

IN USCITA SU MADFISH MUSIC

IL 27 OTTOBRE 2023

W.A.S.P.
“THE 7 SAVAGE 1984-1992”
COFANETTO DELUXE CON 8 LP

GUARDA IL TRAILER QUI: 
https://youtu.be/YeGtsSKMDR8

 

Gli W.A.S.P. presentano l’uscita del cofanetto deluxe con 8 LP The 7 Savage: 1984-1992, contenente la loro produzione per Capital Records, con mastering half-speed, LP di bonus track, libro di 60 pagine, poster e certificato numerato. The 7 Savage: 1984-1992 uscirà venerdì 27 ottobre 2023 per Madfish Music e sarà in tiratura limitata a 2000 copie in tutto il mondo.

Qui per ordinare il box set: https://madfish.lnk.to/WASP_The_7_Savage

 
Attualmente in pausa dopo il loro 40 Years Live World Tour e più in forma che mai, gli W.A.S.P. sono una delle formazioni più coerenti e affidabili della musica rock, inarrestabili e inattaccabili, un carrozzone heavy metal proveniente da una galassia lontana lontana, proiettato indietro nel tempo. Il frontman Blackie Lawless è senza dubbio una delle figure più iconiche del rock, il cui atteggiamento e visione hanno cambiato il panorama musicale, dando vita ad alcuni inni del loro tempo.

Blackie Lawless, commenta: “È fantastico vedere questa raccolta di dischi ripubblicata con questa accuratezza. Il fatto che le registrazioni originali abbiano oggi una nuova luce, con note ampliate e più fotografie, è davvero speciale, sia per me che per tutti coloro che tengono questi album nei loro cuori e nei momenti importanti della loro vita”.

I loro primi cinque album in studio (W.A.S.P., The Last CommandInside the Electric CircusThe Headless Children e The Crimson Idol) hanno fatto sì che gli W.A.S.P. siano considerati oggi una delle più grandi rock band di tutti i tempi. Questi LP sono tutti contenuti in questo cofanetto, masterizzato a metà velocità presso gli Air Studios di Londra per ottenere un suono migliore, più nitido, diretto e coinvolgente.

Confezionato in un doppio cofanetto deluxe in similpelle rossa, “The 7 Savage: 1984-1992” è completato da altri due LP: Live… in the Raw del 1987 e da una nuova compilation di Bonus Tracks & B-Sides che contiene il controverso inno che li ha portati al successo, “Animal (F**k Like a Beast)”.

Realizzato con la totale collaborazione di Blackie Lawless, il cofanetto include anche un libro di 60 pagine con immagini esclusive e rare a opera di leggendari fotografi metal (tra cui Ross HalfinTony MottramDavid Plastik e Paul Natkin), insieme ad ampie note di copertina di Amit Sharma (Kerrang!, Planet Rock). È incluso anche un poster esclusivo di Blackie Lawless e un certificato numerato a forma di sega circolare.

DISC 1 – W.A.S.P. (Half-speed Master)
A.1. I Wanna Be Somebody [03:44]
A.2. L.O.V.E. Machine [03:52]
A.3. The Flame [03:42]A.4. B.A.D. [03:57]
A.5. School Daze [03:35]
B.1. Hellion [03:39]
B.2. Sleeping (In The Fire) [03:56]
B.3. On Your Knees [03:49]
B.4. Tormentor [04:11]
B.5. The Torture Never Stops [03:56]

DISC 2 The Last Command (Half-speed Master)
A.1. Wild Child [05:12]
A.2. Ballcrusher [03:28]
A.3. Fistful Of Diamonds [04:14]
A.4. Jack Action [04:17]
A.5. Widowmaker [05:18]
B.1. Blind In Texas [04:21]
B.2. Cries In The Night [03:42]
B.3. The Last Command [04:11]
B.4. Running Wild In The Streets [03:30]
B.5. Sex Drive [03:12]

DISC 3 Inside the Electric Circus (Half-speed Master)
A.1. The Big Welcome [01:22]
A.2. Inside The Electric Circus [03:33]
A.3. I Don`t Need No Doctor [03:26]A.4. 9.5. – N.A.S.T.Y. [04:48]
A.5. Restless Gypsy [04:59]A.6. Shoot From The Hip [04:38]
B.1. I`m Alive [04:22]
B.2. Easy Living [03:12]
B.3. Sweet Cheetah [05:16]
B.4. Mantronic [04:10]
B.5. King Of Sodom And Gomorrah [03:50]
B.6. The Rock Rolls On [03:52]

DISC 4 The Headless Children (Half-speed Master)
A.1. The Heretic (The Lost Child) [07:23]
A.2. The Real Me [03:20]
A.3. The Headless Children [05:46]
A.4. Thunderhead [06:50]
B.1. Mean Man [04:48]
B.2. The Neutron Bomber [04:10]
B.3. Mephisto Waltz [01:28]
B.4. Forever Free [05:09]
B.5. Maneater [04:47]
B.6. Rebel In The F.D.G. [05:08]

DISC 5 The Crimson Idol (Half-speed Master)
A.1. The Titanic Overture [03:31]
A.2. The Invisible Boy [05:13]
A.3. Arena Of Pleasure [04:15]
A.4. Chainsaw Charlie (Murders In The New Morgue) [08:43]
B.1. The Gypsy Meets The Boy [04:15]
B.2. Doctor Rockter [03:54]
B.3. I Am One [05:24]

DISC 6 The Crimson Idol (Half-speed Master)
C.1. The Idol [08:40]
C.2. Hold On To My Heart [04:22]
C.3. The Great Misconceptions Of Me [09:44]
D.1. The Story Of Jonathan (Prologue To The Crimson Idol)[16:35]
D.2. Phantoms In The Mirror [04:36]
D.3. The Eulogy [04:16]

DISC 7 Live… in the Raw
A.1. Inside The Electric Circus (live) [04:31]
A.2. I Don`t Need No Doctor (live) [03:40]
A.3. L.O.V.E. Machine (live) [04:27]
A.4. Wild Child (live) [06:02]
A.5. 9.5. – N.A.S.T.Y. (live) [05:11]
A.6. Sleeping (In The Fire) (live) [05:27]
B.1. The Manimal (live) [04:44]
B.2. I Wanna Be Somebody (live) [06:43]
B.3. Harder Faster (live) [07:19]
B.4. Blind In Texas (live) [05:41]
B.5. Scream Until You Like It (Theme from Ghoulies II) [03:25]

DISC 8 Bonus Tracks & B-sides
A.1. Animal (F**k Like A Beast) [03:07]
A.2. Show No Mercy [03:48]
A.3. Paint It Black [03:28]
A.4. Savage [03:33]
A.5. Mississippi Queen [03:22]
A.6. Flesh And Fire [04:38]
A.7. D.B. Blues [03:25]
B.1. Locomotive Breath [03:00]
B.2. For Whom The Bell Tolls [03:48]
B.3. Lake Of Fools [05:33]
B.4. War Cry [05:33]
B.5. When The Levee Breaks [07:06]
 

Qui per ordinare il box set: https://madfish.lnk.to/WASP_The_7_Savage

 

About W.A.S.P.

Poche band nella storia del Rock’n’Roll hanno suscitato l’amore, l’odio e il crudo impatto emotivo che questa band ha avuto sul mondo. Fin dall’inizio, dai piccoli locali di Los Angeles e poi nei numerosi Paesi del mondo che hanno vietato a questi Winged Assassins di esibirsi dal vivo, lo stile unico Shock e Rock della band ha fatto sì che organizzazioni religiose, consigli comunali, parlamenti e il Senato di Washington D.C. si riunissero nel tentativo di impedire a questo gruppo di vendere dischi e di distruggere i palchi ovunque si esibisse.

Il membro fondatore della band, il frontman Blackie Lawless, ha guidato il gruppo come cantante e autore principale fin dall’inizio. Il suo stile unico dal punto di vista di immagine, sociale e politico, ha lanciato il gruppo nel mondo vendendo milioni di dischi e realizzando concerti sold out per 4 decenni.

Foto di Paul Natkin

https://www.waspnation.com
https://madfish.lnk.to/WASP_The_7_Savage
https://www.facebook.com/W.A.S.P.Nation
https://twitter.com/waspofficial
https://instagram.com/waspnationofficial
https://youtube.com/@WASPNationOfficial
https://www.tiktok.com/@waspnationofficial
https://www.bandsintown.com/a/7553

 

 

 

Esce oggi il nuovo album di Erin K accompagnato dal video del nuovo singolo “Breathe”

Esce oggi in Italia

“Sing to Swim”

il nuovo album di Erin K

accompagnato dal video

del nuovo singolo “Breathe”

GUARDA IL VIDEO E ASCOLTA IL NUOVO SINGOLO “BREATHE” QUI:
https://listen.link/erink-breathe

ASCOLTA L’ALBUM “SING TO SWIM” QUI:
https://listen.link/sink-to-swim

 

Con oltre 3 milioni di stream su Spotify la musicista americana residente a Londra, Erin Kleh, ha deciso di proseguire la collaborazione con il co-produttore Kristofer Harris (Belle & Sebastian, Ghostpoet), cominciata con l’album I Need Sound del 2019, per registrare il suo nuovo lavoro Sink to Swim, uscito oggi in formato digitale anche in Italia.

Le canzoni di Sink to Swim sono tanto schiette e personali quanto coinvolgenti e la natura candida dei testi di Erin, spesso senza paura, spinge a gratificanti ascolti ripetuti.

Il nuovo singolo “Breathe” ha un video girato nei grandiosi Moseley Road Baths, a Birmingham. L’architettura gotico-rinascimentale fa da splendida cornice alle nuotatrici sincronizzate che accompagnano la performance di Erin dentro e fuori dall’acqua.
È stato un onore lavorare con il team che ha supportato questo video musicale, in particolare con i membri del Birmingham Synchronised Swimming Club, che hanno contribuito in modo molto creativo“, afferma Erin.
Il regista del video Jamie Danan aggiunge: “Il ritmo della canzone e la natura del titolo hanno portato all’idea di un video onirico con elementi combinati di danza e nuoto. Anche la luce del sole è stata dalla nostra parte il giorno delle riprese, e siamo tutti estremamente soddisfatti del risultato“.

Stilisticamente, la canzone si discosta un po’ dagli altri brani di “Sink To Swim”, assumendo una tonalità più cupa e un arrangiamento più complesso. “È la mia canzone preferita di ‘Sink To Swim’ e sono molto orgogliosa della sua produzione, supportata dai miei compagni di band Massi, Henrik e Gigi“, osserva Erin.
È nata da un riff di chitarra che suonavo da tempo. Dopo infinite ripetizioni, alla fine ho trovato la strada per scrivere anche il testo: ‘breathe little girl…why don’t you sing like they want you to…sing little girl…follow what’s before for what comes after you’. Il tema è una conversazione con il mio Io infantile, che mette in discussione le decisioni e gli impegni presi che hanno portato al presente“.

GUARDA IL VIDEO E ASCOLTA IL NUOVO SINGOLO “BREATHE” QUI:
https://listen.link/erink-breathe

 

Erin ha effettuato numerose tournée con la sua band e, dopo essere tornata in Italia per un lungo tour italiano di 20 date a marzo, suonerà presto sia nel Regno Unito che in Europa. Il primo singolo dal nuovo album, Keep Her, ha ricevuto il supporto di BBC Radio London e di BBC Radio 6 Music per cui ha registrato delle session, ottenendo anche l’airplay di BBC Radio 1. Le sincronizzazioni commerciali per Google LG sono l’ennesima prova che il songwriting di Erin sta gradualmente raggiungendo il pubblico più ampio che merita.

 

 

www.facebook.com/ErinKMusic

www.instagram.com/erin_k_music

https://erink.uk

Grimoon tra i protagonisti di A Bordo – Il Festival di Mediterranea

Grimoon

tra i protagonisti di

A Bordo

Il Festival di Mediterranea 

Ascolta “Clair Obscur”

 

Sull’onda del successo del loro ultimo album Clair Obscur, uscito il 14 aprile per la storica label indipendente La Tempesta Dischi, la formazione italo-francese Grimoon sarà tra i protagonisti di A Bordo – Il Festival di Mediterranea, a Roma domenica 10 settembre.
A Bordo! Il Festival di Mediterranea Saving Humans, dal 7 al 10 settembre presso la Città dell’Altra Economia di Roma, vuole essere un momento aggregativo attraverso cui sensibilizzare e coinvolgere quante più persone possibile su ciò che sta avvenendo nel Mediterraneo e lungo le rotte migratorie, offrendo uno spazio per condividere idee, contenuti e momenti di spensieratezza attraverso la musica, workshop e dibattiti.
Oltre ai Grimoon, parteciperanno al festival artisti come Giorgio Poi, Modena City Ramblers, I Hate My Village e molti altri.

Durante il loro concerto i Grimoon presenteranno Clair Obscur, l’album che rappresenta la musica del loro nuovo film di animazione “Il viaggio di Alan”, ancora inedito e in concorso in diversi festival tra cui il Matiff – Matera International Film Festival.
Così i Grimoon presentano il loro concerto:
Ritorniamo dopo sei anni dall’ultimo album Vers la lune, dedicato al tema ambientale con un disco che affronta il dramma della migrazione. Lo facciamo a modo nostro, come abbiamo sempre fatto, abbinando la musica alle immagini. Abbiamo prodotto un film in animazione stop-motion Il viaggio di Alan che segue le nostre canzoni e racconta un viaggio di un bambino assieme a suo papà a bordo di una barca a forma di conchiglia, una sorta di concerto/cinema.
E’ un viaggio di morte, ma non lo narriamo in maniera esplicita; ci avvaliamo della nostra fantasia, i nostri pupazzi, le mani, le parole e la musica con tocco lieve e delicato. Uno spettacolo adatto a tutte le età, attuale e sincero.
Non mancate!!! Grimoon…uhhhhh

Da quasi 20 anni, la formazione italo-francese Grimoon propone la sua personalissima ricerca visiva e sonora volta all’esplorazione del mondo contemporaneo. Infatti, ogni disco del gruppo è sempre stato accompagnato da cortometraggi realizzati dalla band, opere che esplorano l’universo sonoro del gruppo, allargandone i confini.

L’originale tocco dei Grimoon fonde in modo unico un sound che mescola senza timore rock, psichedelia ed elettronica, cantando in francese, inglese e italiano, con le loro suggestive animazioni, per lo più realizzate in stop-motion. I loro riferimenti sia musicali che visivi sono innumerevoli, ma il loro stile peculiare rifugge da qualsiasi tendenza.

Clair Obscur è l’atteso sesto disco del gruppo capitanato da Solenn Le Marchand e Alberto Stevanato. Un disco che racconta il dramma contemporaneo della migrazione attraverso gli occhi di un bambino.

Sul palco dalle 17.30 in poi
Location: Roma > Città dell’Altra Economia – CAE
Ingresso responsabile 5 euro
Tutto il programma e prenotazioni QUI
 
Link utili:
https://mediterranearescue.org/it/a-bordo-festival
https://www.instagram.com/abordofest/
https://www.facebook.com/ABordoFestivalMed/ 

 

 

grimoon.com

 

 

Agnetha Fältskog degli ABBA presenta il nuovo album “A+” e un inedito

AGNETHA FÄLTSKOG

PRESENTA “A+”

LA VERSIONE REINVENTATA

DEL SUO ACCLAMATO ALBUM DEL 2013 “A”

IN USCITA IL 13 OTTOBRE PER BMG

 

ASCOLTA IL NUOVO SINGOLO

“WHERE DO WE GO FROM HERE?”

IL PRIMO BRANO INEDITO DI AGNETHA IN 10 ANNI

 

Oggi Agnetha Fältskog, cantante, autrice, parte dell’iconico gruppo ABBA e una delle voci più riconoscibili della storia della musica, presenta “A+”, la versione interamente reinventata del suo acclamato album solista pubblicato dieci anni fa “A”, in uscita per BMG il 13 ottobre 2023.

Oltre all’annuncio dell’album, Agnetha ha condiviso il nuovo splendido singolo “Where Do We Go From Here?”, un brano inedito, registrato nel 2023 e inserito nell’album, che rappresenta il primo nuovo brano di Agnetha come artista solista, da 10 anni.

A+” sarà disponibile dal 13 ottobre 2023 ed è disponibile per il preordine QUI

Where Do We Go From Here?” è ora disponibile QUI

L’album è stato scritto appositamente per lei dal celebre cantautore e produttore Jörgen Elofsson. In prossimità del decimo anniversario dell’uscita dell’album, Agnetha e Jörgen hanno parlato di come sarebbe stato il disco se fosse stato creato nel 2023 e hanno deciso di esplorare questa idea insieme. Agnetha e Jörgen hanno lavorato insieme al collega produttore Anton ‘Hybrid’ Mårtensson e hanno reinventato l’album nella sua interezza, riducendo ogni canzone, mantenendo le voci originali del 2013, buttando via tutta la vecchia musica e creando produzioni completamente nuove per il 2023, creando anche una nuova tracklist. Il tutto insieme a una canzone completamente nuova, “Where Do We Go From Here?”, registrata completamente nel 2023.

In una lettera ai fan, Agnetha scrive: “Un paio di anni fa ho sentito alla radio una delle canzoni del mio ultimo album “A”. Ho un sacco di bei ricordi legati alla realizzazione di quell’album, quindi non ho potuto fare a meno di sorridere, il tempo vola…
All’improvviso mi è venuto in mente: come sarebbe stato l’album se l’avessimo fatto oggi…? Non riuscivo a smettere di pensarci. Ho contattato i ragazzi che hanno prodotto “A” nel 2013: “Cosa ne pensate di reimmaginare ‘A’ e di farne una versione completamente nuova?”. L’idea è piaciuta molto! “Proviamo!”
Qualche tempo dopo ho ascoltato la prima canzone rielaborata e devo dire che l’ho assolutamente adorata! Suonava così fresca e moderna, anche meglio di come l’avevo immaginata!
Abbiamo intitolato l’album A+ e come ciliegina sulla torta abbiamo anche registrato una canzone inedita! E questa sarà il primo brano che vi farò sentire.
Ora non vedo l’ora di sapere cosa ne pensate! Spero che vi piaccia quanto piace a me!

Parlando dell’album appena immaginato, Jörgen Elofsson, il cui spettacolare curriculum di autore di canzoni include giganti del pop come Cèline Dion, Britney SpearsKelly Clarkson, Westlife, afferma: “Quando dieci anni fa abbiamo realizzato l’album ‘A’, è stata una sorta di reazione contro l’EDM e la musica dance che dominava il mondo del pop in quel periodo. Abbiamo quindi fatto qualcosa di esattamente opposto: l’arrangiatore Peter Nordahl ha creato arrangiamenti di archi senza tempo. Ora, portando queste canzoni nel mondo della musica oggi, siamo rimasti sorpresi da quanto suonino bene. Le canzoni sono sbocciate e sono diventate le canzoni pop che erano nella loro essenza. Anton, che non era presente alle prime registrazioni, viene da un’altra generazione e ha suonato con ritmi completamente diversi“.

Pubblicato nel 2013, “A” è stato il primo album di Agnetha dopo quello di cover del 2004 “My Colouring Book” e il primo materiale originale dopo “Stand Alone” del 1987. L’album vede la partecipazione di Gary Barlow dei Take That in “I Should’ve Followed You Home” e il primo brano autoprodotto da Agnetha in quasi 30 anni, “I Keep Them On The Floor Beside My Bed”. L’album è stato acclamato dalla critica, con la BBC che lo ha definito “gustoso e sontuoso” e il Guardian che lo ha descritto come “un trionfale ritorno in grande forma da parte di una donna che temevamo fosse persa per sempre dalla musica“. L’album è entrato in classifica a livello mondiale, raggiungendo la Top 10 delle classifiche degli album nel Regno Unito, in Svezia, Belgio, Germania, Nuova Zelanda, Olanda e altri paesi.

A+” tracklist:

1- Where Do We Go From Here?
2- Back On Your Radio (A+)
3- I Should’ve Followed You Home (feat. Gary Barlow) (A+)
4- Dance Your Pain Away (A+)
5- I Was A Flower (A+)
6- Perfume In The Breeze (A+)
7- Past Forever (A+)
8- The One Who Loves You Now (A+)
9- Bubble (A+)
10- When You Really Loved Someone (A+)
11- I Keep Them On The Floor Beside My Bed (A+)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Segui Agnetha Fältskog:

Facebook Instagram | Twitter

 

 

 

 Page 7 of 70  « First  ... « 5  6  7  8  9 » ...  Last »